Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Assunta De Rosa
Cammino cammino corro corro, ma dove vado?
Non lo so continuo a camminare ascoltando "che vuoi che sia" fino a consumarla
Provo a guardare il cielo, forse piove forse no, l'ombrello l'ho portato
Cammino cammino corro corro e vado
Provo ad abbassare lo sguardo, le mie scarpe sono sporche di fango
ho camminato tanto e non ho voglia di tornare indietro
Cammino cammino corro ancora un po'
Provo a guardarmi attraverso il vetro di un'auto, mi guardo accanto
e mi accorgo che sono sola a camminare in questa strada
e mi accorgo che non ci sono i tuoi occhi a farmi compagnia...
Cammino e mentre cammino incomincia a piovere torno indietro
torno a casa...
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Assunta De Rosa

    Io, tu, tu ed io

    Cerco di ricordare
    l'anno, il mese, il giorno,
    l'ora, il minuto, l'attimo in cui io ho smesso di essere io,
    Cerco di ricordare
    l'istante in cui tu hai smesso di essere tu
    Non so quand'è che ci siamo fusi e confusi
    insieme
    le menti, le anime, i cuori,
    le ossa e le carni
    è accaduto in silenzio,
    senza avere neanche il tempo di accorgersene
    Io, Tu, Tu, Io
    Ma adesso il silenzio
    ha lasciato spazio al rumore
    Io, Tu, Tu ed Io
    a quel rumore
    che sa fare solo l'amore.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Assunta De Rosa

      E lui ride

      Quando è che si chiuderà quella finestra,
      quella finestra che dà sul cortile del passato,
      si il passato, che d'accordo con il presente riesce ancora a prendersi gioco di me...
      Lui mi tiene legata e ride,
      si ride di me, perché infondo sono io che non riesco
      a fare a meno di guardare da quella finestra,
      faccio il suo gioco, e lui mi guarda e ride,
      è passato, eppure, è così presente che fa ancora male.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Assunta De Rosa

        Mi devi un addio ancora

        Non ero pronta a vederti ridotta così, così piccola in quel letto diventato troppo grande per il tuo corpo fragile e martoriato.
        Non ero pronta a fingere di avere coraggio spiandoti dall'uscio.
        Non ero pronta a sentire le tue urla strazianti.
        Non ero pronta a piangerti, non ero pronta.
        Non ero e ancora oggi non sono pronta a lasciarti andare via, mi devi un addio ancora...
        Vota la poesia: Commenta