Questo sito contribuisce alla audience di

Le migliori poesie di Armando Martino

Libero professionista, nato venerdì 30 ottobre 1970 a Alia (PA) (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi e in Diario.

Scritta da: Armando Martino

Se

Se questa lunga e buia notte finisse
se il domani tornasse ad essere ieri
se il vento accarezzasse ancora... dolcemente la mia pelle
se la pioggia... lavasse queste amare lacrime... dal mesto mio viso
se il fuoco scaldasse nuovamente il mio piccolo e freddo cuore
in quell'istante... saprei che ancora io vivo...!
Composta lunedì 21 giugno 2010
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Armando Martino

    Figghiu 'ngratu

    Quannu ogni juarnu viu splenniri su suli
    capisciu quantu è granni ma granni lu To amuri
    Ti viu 'nta tutti li cosi 'nta lu cielu e 'nta lu mari
    'nta la terra ca Mi duni lu mangiari
    ma ja ca sugnu 'ngratu e piccaturi
    T'arriannu tutti cosi a valatati
    distruggiu tutti cosi puru me stessu
    'dda vita ca mi dasti a mia 'mpussiassu
    oh me Signuri quantu sugnu 'ngratu
    picchi lu beni a mali T'haiu rinnutu
    ma Tu Signuri ca tantu mi vua beni
    ti pregu d'alliviarimi li peni.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Armando Martino

      Semplicemente uomo

      Dimenticandomi d'avere una mia identità
      ho vissuto per troppo tempo una vita non mia
      pensando di vivere solo e semplicemente la vita.
      Una vita dove tutto è dovuto,
      dove fingere, mostrarsi, apparire e possedere,
      fosse normale
      "non va forse cosi il mondo"?
      Tutti in fondo sono così!

      Quanto tempo, quanta vita sprecata!
      Ma adesso, adesso basta!
      Adesso voglio vivere ed amare a modo mio
      voglio rischiare e lottare per quello in cui io credo
      voglio piangere ed essere...
      semplicemente uomo.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Armando Martino

        Utile malinconia

        Come la notte buia
        senza chiaror di stelle
        l'incertezza
        a se stringe l'anima
        scalfendo la sua essenza
        Dubbio e paura
        la prendono per mano
        silenti la conducono
        verso l'inquietudine.

        Una docile quiete
        lentamente colma
        il vuoto della mente,
        mentre sopportazione e pazienza
        si mescolano
        ad uno strano dolore.

        Danza l'l'afflizione
        al suono assordante
        della melodia del silenzio
        indifferenza e torpore,
        inseparabili amici
        si divertono mascherati
        nel gioco dell'ipocrisia
        mentre, una dolente calma,
        temperata da una strana dolcezza,
        forgia e rende salda
        la natura dell'essere.
        Vota la poesia: Commenta