Poesie di Antonio Dati

Pensionato, nato (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Antonio Dati
un miracolo della natura
La tua grazia è pari alla tua bellezza
i tuoi occhi come fonte sorgiva
ogni tua lacrima è una lacrima di gioia
la tua bocca come un bocciolo di rosa
Ti amo, ti adoro
il tuo viso nobile, la virtù che regna in te
non per dignità ereditaria.
Alla tua vista il mio animo
come calamita ti attrae per tenerti
prigioniera in uno scrigno dorato
nel mio cuore.
Ti amo
delizia della natura, attraversando i cieli
sei venuta a me con la forza dei miei pensieri.
Tu esisti nel mio cuore, nel mio animo,
nelle mie vene.
Un soffio di vento mi entra nelle narici
un profumo inconfondibile non di terra natia
La tua creazione spirituale è una meraviglia
che soltanto l'anima ne ha pieno diletto
Tu esisti soltanto nella mia mente
ti ho modellata ad ogni pulsione di gioia che mi hai donato.
La tua immagine come un fascio di rose
e di lillà, le tue guance vellutate, i tuoi occhi due
smeraldi, la tua bocca di porpora un inferno di
dolcezza e di seduzione.
Si "Signore" D'io l'ho amata.
Antonio Dati
Composta mercoledì 13 febbraio 2013
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Antonio Dati

    Il buio

    Eccomi, ancora solo, nel silenzio assoluto
    Appoggiato allo schienale della poltrona
    Tento di impedire alla mia anima
    non affiorasse nella mente
    il tuo volto, i tuoi occhi sorridenti.
    Tu non saprai mai la sofferenza che mi procura
    nascondere la tristezza che regna nel mio cuore
    Ti ho sempre soltanto veduta
    senza dirti mai il piacere che mi davi.
    Le tue guance di rosa al colore della primavera
    continuerò a adorarti e soffrire al pensiero
    che un altro ti stringerà a se godendo
    le vibrazioni del tuo corpo. stretto al suo petto
    sentire con la sua mano fredda i palpiti del tuo cuore.
    A chi potrò confessare le mie pene.
    Restare solo col buio, senza più nulla
    Il tuo ricordo, pensieri atroci, talvolta mi prende
    un brivido dentro.
    Se potessi, dalla mia bocca caccerei urli di disperazione
    da soffocare la gola.
    Non hai colpa alcuna, un capriccio della natura
    che si è preso gioco dei miei sentimenti
    L'amore che cresce in ogni cuore che ama
    Tu sei per me una rosa che racchiude in se una poesia,
    una poesia avvolta in un velo di tristezza,
    l'amore che sento fuggire lontano
    L'emozione che mi prende al pensiero di poterlo
    condividere con la donna che ha sconvolto
    la mia anima silente e sonnacchiosa.
    Vivrò ancora, rassegnato, il buio della notte.
    Antonio Dati
    Composta sabato 4 agosto 2012
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Antonio Dati

      La voce

      ... sento nella mente il suono della tua voce
      Mi conforta sentire all'udito attento e armonioso
      La parola scandita sillaba dopo sillaba.
      Essa addolcisce e rattrista il mio debole cuore.
      Credersi amato e scoprire la benevolenza,
      soltanto pietà apparente.
      L'amore che ha fatto gioire il mio cuore,
      non da me nascosto
      come le donne per temenza fanno.
      Ascolterò ancora e ancora tanto, la tua voce.
      in te c'è il pregio del nascondere,
      non un assenso non un diniego
      Parole vaghe. Vorrei sedere al tuo cospetto
      prendere le tue mani morbide e affusolate,
      fissare il tuo sguardo, penetrare la luce
      dei tuoi occhi limpidi fin
      Nel profondo dell'anima
      per nutrirmi di ciò
      Che hai temuto dimostrare.
      Antonio Dati
      Composta giovedì 26 gennaio 2012
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Antonio Dati

        Desiderio

        I tuoi occhi gentili
        Il tuo dolce viso
        Le tue guance vellutate
        Le tue labbra di porpora
        Il mio pensiero esaltato
        Alla tua vista.
        Mille volte vorrei morire
        Per assaporare i tuoi baci.
        Il fuoco che arde nel mio cuore
        Mille volte vorrei morire
        Per giacere sul tuo seno
        Mille volte vorrei morire
        Affondare le mie mani
        Nei tuoi biondi capelli
        Delicati al tocco.
        Mille e mille volte io vorrei
        Averti per placare le mie pene
        Il desiderio di imprigionarti
        Nella mia mente.
        Un attimo solo di te
        Mi saresti stata per la vita
        Un ricordo meraviglioso
        Nei miei sogni.
        Antonio Dati
        Composta martedì 27 dicembre 2011
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Antonio Dati

          Nobilitare la bellezza

          ... ella si mostra angelica
          con l'anima gonfia d'amore.
          Intorno a se espande una gioia immensa,
          il cuore non resiste a tale dolcezza, vibrazioni sempre più forti
          Che solo la morte potrebbe placare.
          Baciata dal sole in ogni suo movimento
          che nulla può il suo splendore al cospetto dell'amore.
          La bellezza è l'essenza stessa della vita.
          Lodata in ogni luogo.
          Un miracolo da innamorare alla vista.
          Una creatura non di terra natia.
          Dallo spazio infinito lei si mostra con i suoi occhi, le sue sembianze.
          Il sole mette fine al radioso giorno.
          Il tormento di non rivederla domani... ed ancora
          Domani... Rattrista quanti hanno goduto della
          Sua gioiosa immagine.
          Antonio Dati
          Composta lunedì 26 settembre 2011
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di