Le migliori poesie di Antonietta Palermo

Scrivo e leggo molto., nato mercoledì 10 aprile 1957 a Rocca Imperiale (CS) (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: nina.*

Lamento di un poeta

Io esisto, e piango nella mia solitudine...
di lacrime di sangue, perché
la gente e i miei amici sono scomparsi
ed io son qui viva.
Chi non fu ucciso dalla fame
fu massacrato dal fucile
ed sono qui, in questa terra lontana,
a vagare tra la gente gioiosa che dorme
su soffici letti e sorride ai giorni.
Io sono qui a vivere nell'abbondanza
e nella pace... è questa una grande
tragedia, a pochi preme assistere
a questo dramma.
Il peso dei giorni bui sui miei
occhi incavati. Al mio cuore piangente
e alla mia anima ferita.
Colui che condivide con la sua gente
il dolore e il tormento
riceverà il supremo conforto che solo
può dare il sacrificio della sofferenza.
Io sono viva, gente affamata e perseguitata,
verso il martirio.
Vivere all'ombra della serenità
e la gioia della pace.
Quale valore per loro può avere
il lamento di un poeta assente.
Impugnando la spada della verità
s'immortalerà a fianco della Verità
Eterna, perché la vita è più debole
della verità.
Cosa si può fare per coloro che
stanno morendo.
I nostri lamenti non appagheranno
la loro fame, e le nostre lacrime
non estingueranno la loro sete.
Antonietta Palermo
Composta nel settembre 1999
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: nina.*

    Pace senza amore

    Nel mio inconscio non c'è
    momento sublime come in questo momento
    Seduta su pietre
    guardo il mare... mi parla
    sento la sua turbolenza, che è in me
    sento la sua quiete... mi parla
    Il cielo pieno di nuvole; bianco, grigio
    Il mio sguardo si ferma, in fondo
    all'orizzonte tra mare e cielo
    mi lascio cullare, apro il mio cuore
    per, farmi penetrare, da questa sensazione
    d'amore - verso chi?
    Verso chi, non conosce amore
    qui con me, come posso sentirmi libera
    castigata sempre più
    Camminare sull'acqua e andare oltre,
    sino dove il cielo c'è
    e lì chiedere agli Angeli
    l'esistenza inassolubile pace
    agli uomini senza amore,
    senza fede.
    Antonietta Palermo
    Composta martedì 23 marzo 2010
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: nina.*

      Canta mamma canta.

      Hai il tuo piccolo stretto
      fra le braccia,
      il suo corpicino, gracile, senza forze.
      È appena nato, ha pochi mesi di vita.
      Tu mamma di mille sofferenze.
      Stringi a te e canti al tuo piccolo
      una ninna, nanna
      Alzi la tua mano verso il cielo,
      in cerca di pietà
      Tu vivi tra mille dolori,
      nei tuoi occhi non c'è lacrima
      ne una smorfia di compiacimento
      guardando il tuo bambino.
      Non poi nutrirlo
      il tuo seno è vuoto
      come il tuo ventre, lo tieni tra le tue
      braccia e tu,
      canti /
      Giovane donna!
      Piccolo senza futuro in mezzo a rovi,
      cerchi uno spiraglio... un eco
      per gridare il tuo dolore.
      Un inno al tuo piccolo.
      Cosa vuoi cantare, dove cerchi
      le parole quelle giuste per il tuo canto.
      Come puoi perdonare, a chi dare una
      una colpa, per avere scagliato
      questa guerra.
      Canta mamma. Canta
      il tuo grido giungerà fino
      a noi per gridar con te.
      E mutar così la gioia
      del tuo cuore.
      Canta mamma
      il tuo inno.
      Antonietta Palermo
      Composta nel novembre 1999
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: nina.*

        Angeli e non...

        Nella strada del mio cammino,
        or piena di pietre tonde, spigolosi
        che persin il piede tende e fa fatica
        a reggere il proprio corpo
        Lui così piccolo ci sorregge, i nostri
        umori e pensieri lì temiamo nel
        nostro cammino
        Se sei retto guardandoti, di fronte...,
        senza un barlume di pensiero, ecco
        che il tuo cammino è stabile
        la tua andatura è morbida
        il tuo viso non ha ombra di sofferenza
        Attorno a noi ci sono Angeli;
        sì, Spiriti Angelici che secondo
        le nostre richieste essi ti esaudiscono
        possono essere dispettosi e inciampare
        col tuo piede
        Oppure Angeli protettori che ti tolgono
        il sassolino prima che tu inciampi.
        Antonietta Palermo
        Composta martedì 23 marzo 2010
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: nina.*

          Con tutto il cuore

          Grande avventuriero
          per piccole emozioni.
          E grande l'amore per... il prossimo,
          tanta la grandezza del tuo deltaplano
          amore non credi, amore non vuoi,
          amare neppure.
          Sentimenti di carta stracciata
          ricorrendo avventure del passato
          Guardar oltre è impossibile
          fantasticare meno.
          Amori col sapore di sale
          sfiorare, rientrare come l'onda
          sulla sponda.
          Fermi il tuo tempo, con lunghi
          spazi bui - non cerchi amore.
          I sentimenti superano
          l'attesa dell'avventura.
          Il cuore è grande, troppo per non sentire
          per non sentirsi.
          I tuoi orgasmi in volo.
          Nessuna donna esperta in amore ti può dare.
          False parole per nascondere, la voglia
          persa, di lunghi anni sprecati con donne senza rispetto.
          Sentimenti censurati, trattenute da
          false voglie non sfocate... private... frenate
          per non sentire, il desiderio della tua vera
          passione.
          Antonietta Palermo
          Composta sabato 6 gennaio 1996
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di