Questo sito contribuisce alla audience di

Fb

C'era del feeling tra di noi o era solo una bugia?
C'era del feeling tra di noi o era pura fantasia?
Ma se penso, questa sera,
che quel po' di feeling c'era,
me lo dici, amore mio,
perché così male mi hai detto addio?
Cos'ha mai questa nuova realtà
che fa a pezzi l'umanità?
Chi mai sono quei vari visi pieni forse di falsi sorrisi
di amicizie taroccate
mai realmente esistite?
C'era feeling tra di noi,
o era solo una bugia?
C'era feeling tra di noi o era pura fantasia?
Di vedermi hai persino rifiutato,
in un attimo quel feeling è sfumato,
per una parola storta
tu hai oscurato quella porta
e io non ci entro più.
Ma tu?
Quel feeling hai scordato,
quel feeling hai seppellito?
Cos'ha mai questa nuova realtà
che fa a pezzi l'umanità?
Vota la poesia: Commenta

    Ingenua

    "Ingenua" una psico disse a me
    ma allora ingenua te,
    anche te
    e te
    e te
    e te
    tutte noi siamo ingenue,
    coloro che hanno creduto
    e credono ancora, davvero,
    che chi ti chiama amore lo pensi sul serio, almeno un po',
    e non ti faccia andare dentro a un tunnel nero
    di violenza, di morte,
    di sopraffazione, di discriminazione.
    "Ingenua" l'ha detto una donna a me,
    ma allora lo venga a dire anche a te
    e a te
    e a te
    e a te
    tutte ingenue, tutte torde
    tutte all'intelligenza sorde.
    tutte, una folla infinita,
    che per amore han perduto la vita.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Danio Ernesto

      La mia isola

      Viaggiavo come un relitto nel mare in tempesta.
      nessun'isola all'orizzonte
      nessuna nave che incrociasse la mia rotta.

      La salsedine mi dilaniava la carne
      gli occhi ridotti a due fessure e le labbra screpolate
      e sanguinanti.

      Dio, non immaginavo fosse così difficile morire.
      Non potevo sapere che il mio corpo,
      con inaudito accanimento, potesse
      lottare così strenuamente per vivere.

      Ma non sarebbe durata a lungo l'agonia.
      Già, in lontananza, mi parve di scorgere dei volti.
      O erano semplicemente nubi
      venute a ghermirmi.

      Fradicio era il cuscino quando
      mi svegliai d'improvviso.
      Tumultuoso il mio cuore quando
      mi girai sul fianco.

      E tu eri lì.
      Tu, la mia isola deserta
      Tu, la mia nave venuta in soccorso
      Tu, che mi hai ridato la vita.
      Vota la poesia: Commenta