Scritta da: Mela Favale

Nostalgia

Non sarò mai abbastanza grande per
capire cos'è davvero l'amore.
Non sarò mai del tutto cosciente
di quanto tutto questo possa rendermi
bella.
Non avrò mai la consapevolezza
che tu sei davvero mio.
Non sarò mai abbastanza grata
di tutto ciò che mi dai.
Non avrò mai un cuore così grande
per trattenere tutte le sensazioni che mi dai.
Ma sono innamorata di te,
del tuo odore, della tua voce,
del tuo modo di donarmi carezze
al cuore con un solo sguardo.
Sono innamorata di te...
come quella sera in cui le nostre
anime si incontrarono in un magico
miscuglio di dolcezza e passione...
Ti amo...
ti amo più della mia stessa esistenza
ti amo davvero e non credere mai
che potrò mai... che potrò mai
dimenticarti.
Anonimo
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Silvana Stremiz
    Essere giovani non significa una stagione della vita
    bensì un modo di essere:
    il ruolo di guida è affidato alla volontà,
    gioventù è espressione dello spirito,
    della forza immaginativa,
    dell'intensità dei sentimenti;
    gioventù significa vittoria del coraggio
    sullo sgomento,
    vittoria dell'amore per il nuovo, sulla
    staticità.
    Non si diventa vecchi perché si è vissuto
    un certo numero di anni: si diventa vecchi quando si rinuncia agli ideali.
    Gli anni segnano la pelle,
    la perdita di ideali segna lo spirito.
    Pregiudizi, dubbi, timori, perdita di speranza
    sono nemici che poco per volta spingono
    verso terra,
    anzitempo, ancora prima di tornare
    alla terra...
    Giovane è chi ancora riesce a meravigliarsi
    ad entusiasmarsi;
    chi ancora chiede, come un insaziabile
    bimbo: "E poi?"
    e chi provoca gli eventi e sa gustare il
    gioco della vita.
    Siamo giovani come la nostra fiducia
    vecchi come il nostro dubbio;
    giovani come la fede in noi stessi, nella
    nostra speranza,
    vecchi come il nostro scoramento.
    Rimarremo giovani, finché rimarremo
    ricettivi
    per il bello, il bene, il grande; ricettivi per
    il messaggio
    della natura; del nostro prossimo...
    dell'incomprensibile.
    Se un giorno il nostro cuore fosse corroso
    dal pessimismo,
    avvinto dal cinismo, Dio abbia pietà della
    nostra anima
    dell'anima di un vecchio.
    Anonimo
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Silvana Stremiz
      Sognando di scoprire universi sconosciuti... abbandono i miei sensi alla follia della passione... ossessionata dalla tua magnetica sensualità... arde il desiderio di possedere la tua mente... giocando con i tuoi sogni proibiti... alimenta la mia fiamma e scalda i tuoi sensi... libera i tuoi pensieri e abbandona il tuo corpo... vivi con me...
      Anonimo
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di