Scritta da: Mela Favale
Quando puoi chiamarlo amore?
Quando senti la voce più dolce e leggera
che ti entra dentro senza fermarsi;
quando vedi due occhi che vorresti guardare per ore,
incantata,
ma la tua nemica più grande, la paura,
ti concede solo qualche secondo;
quando basta sentire il suo nome,
che ha una forza maggiore di qualsiasi contatto;
quando la tristezza può volare via senza tornare,
se davanti ha un suo semplice sorriso;
quando lui è vicino più di quanto tu possa sognare
e un fuoco dentro di te non riesce a trovare acqua per placarsi;
quando pensi che vorresti dargli un bacio
che ancora non conosce.
Questo penso sia l'amore:
il sentimento più nobile e profondo,
ma allo stesso tempo crudele e ingiusto,
perché vede protagonisti coloro che,
solamente per uno sguardo,
darebbero ogni cosa posseggono.
Anonimo
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Silvana Stremiz
    Paura di non essere ciò che vorrei
    nostalgia di me in un domani, lontano
    solitudine che riempie tutto ciò che è vano.

    Vorrei essere per un giorno chi non sono,
    altro me, libero da se stesso,
    libero da pretese, da attese,
    libero da quel senso di mancanza
    che strozza il fiato e incatena ogni speranza

    Che lacera i sogni e ce li semina intorno
    ci canta la strofa e mai il ritornello
    ci ricorda la vita, la realtà,
    e non ci regala mai un sorriso
    domani verrà, non oggi, aspetta, spera
    che la morte verrà...

    Ma noi chiediamo amore e non crudeltà,
    non arida saggezza, ma spensieratezza,
    senza dolore, senza passato,
    solo il futuro
    nel presente cambiato...

    E vivo, e mi dispero,
    solo, su questa terra che è grande
    immensa, lontana
    solo,
    per sempre...
    Anonimo
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Silvana Stremiz
      Mi avevate illusa,
      ho sofferto moltissimo,
      ma ho tirato avanti
      anche se stavo male;
      ora, sentendo
      che forse parlate male di me,
      non sto peggio.
      Anzi ho ancora più voglia
      di riprendermi, di farvela vedere
      e di godermi la vita
      in ogni sua sfumatura,
      in ogni suo angolo più nascosto.
      Questo lo devo a voi,
      sì proprio a voi,
      quelle persone
      che mi hanno ferito
      ma che allo stesso tempo
      mi hanno dato la forza
      di continuarmi a migliorarare,
      solo per rinfacciarvi
      tutto quello che mi avete fatto.
      È strana la vita:
      il giorno prima stai male
      a causa delle persone,
      mentre il giorno dopo
      vorresti proprio ringraziarle,
      per averti fatto spffrire,
      perché così facendo
      non si sono accorte
      che hanno svegliato in te
      quella grinta, quella forza
      che neanche tu pensavi
      di possedere.
      Vi devo proprio dire una cosa:
      Grazie per tutto.
      Anonimo
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Silvana Stremiz
        Luna, dea del buio,
        ogni notte sorgi
        per rischiarare il pianeta.
        Luna, perla d'oriente,
        nata per contrastare la luce del sole.
        Tu, luce fioca e pallida e argentata,
        vegli sul nostro mondo
        donandoci sogni incantati.
        Luna, compagna di viaggio di noi,
        viaggiatori della notte
        che viviamo ogni giorno
        con la speranza di rivederti
        ancora una volta.
        Luna, unica amica sincera si tutti,
        tu vedi tutto ciò che succede
        e a te ognuno affida i propri segreti,
        nella speranza che essi si avverino.
        Tu, unico conforto,
        d'ognuno di noi
        che dopo una giornata passata al sole,
        l'odiata luce,
        infondi calore senza
        rattristare il nostro cuore.
        Anonimo
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Silvana Stremiz
          Di cercarti mai stanca
          Senza te io non vivo
          Voglio ancora trovarti,
          per poi averti e tenerti
          nei miei giorni a venire.
          Sarai tu il mio respiro,
          la mia luce e la strada,
          un rifugio sicuro,
          il punto certo nel cielo.
          Sarai sole e la notte,
          sarai mare e anche stelle.
          Sarai un bacio, un abbraccio
          uno sguardo, un sorriso.
          La mia pelle, il pensiero.
          Tu sei l'acqua ed il fuoco.
          Sei la vita e la morte
          Sei di un attimo eterno
          tutto il meglio: l'immenso
          Tu sei tutta me stesso
          Tu sarai in me………. per sempre
          Tu per me sei l'amore.
          Anonimo
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di