Scritta da: Silvana Stremiz

Someone's final song

Dolcemente odo piangere silente e baciato al canto delle cadenti
fronde tenerissimo il bambino, l'occhietto impaurito ed il pianto
infinito nel suo cuore angosciato, e immenso dolor si dipinge sul
viso e nel canto d'augello al fiorir del mattino.
Passato immortale d'incantevole cuore, muta il pianto in sorriso.
Anonimo
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Silvana Stremiz

    Ricordi che rodono dentro

    Ricordi che rodono dentro,
    parole dette, parole dimenticate.
    Promesse fatte, promesse tradite.

    Ricordi che rodono dentro.
    Carezze, baci, sospiri.
    Amore eterno, Amore finito.

    Solo resta l'Amore bambino,
    che crescer non può.
    Viziato, amato, cullato, futuro non ha.
    Si nutre di sguardi rubati, passioni represse,
    di baci e carezze furtivi: futuro non ha.

    Rimpianti, dolore, passione e furore.
    Ricordi che rodono dentro.

    Altri giorni verranno,
    ma l'Amore bambino
    futuro non ha.
    Anonimo
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Silvana Stremiz

      Pioggia sul finir di luglio

      Pioggia;
      sei tu che gridi sul finir di luglio
      presa da spasimo e così piena d'orgoglio
      fai breccia per le strade a digiuno
      e bagni campi, prati e boccioli di giglio.

      …Adesso vedo chiaro e scuro

      dentro ai tuoi versi
      da queste tenebre assolto e libero
      da queste ronde notturne e odori di gelsi
      e tortuoso sentiero, illustro effimero.

      Incendio dell'anima e nei campi assolati
      ecco l'olezzo di sabbia e pioggia
      l'unione di due innamorati
      che in questo finir di luglio è parola saggia.

      Intenerisci di sorrisi e agguati
      con rumori di tuoni e scrosci improvvisi;
      tu pioggia in estate, di monti affamati
      e tutto rinfresca il senso, l'aria
      per noi indecisi.
      Anonimo
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di