Scritta da: Silvana Stremiz
Amarti è piangerti,
non c'è amore che non viva un pianto!
... amarti è guardarti,
per perdermi nei tuoi occhi e non far più ritorno!
... amarti è sognarti,
per stare con te anche nella fantasia!
... amarti è parlarti,
per dirti in poche parole ciò che il cuore mi sussurra!
... amarti è toccarti,
per capire se sei un sogno o realtà!
... amarti è baciarti,
per essere catapultata in paradiso!
... amarti è onorarti,
per i miracoli che hai fatto alla mia vita!
... amarti è fidarmi,
per lasciarmi andare a occhi chiusi restando sempre a alta quota!
... amarti è tutto,
tutto mi riconduce a te!
... amarti è viverti,
per dare un senso alla mia vita!
E per me amore mio amarti
vuol dire infinito...
ti amo con tutta me stessa.
Anonimo
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Federico

    Messaggio di tenerezza

    Ho sognato che camminavo
    in riva al mare con il Signore
    e rivedevo sullo schermo del cielo
    tutti i giorni della mia vita passata.
    E per ogni giorno trascorso
    apparivano sulla sabbia due orme:
    le mie e quelle del Signore.
    Ma in alcuni tratti ho visto una sola orma,
    proprio nei giorni
    più difficili della mia vita.
    Allora ho detto: "Signore
    io ho scelto di vivere con te
    e tu mi avevi promesso
    che saresti stato sempre con me.
    Perché mi hai lasciato solo
    proprio nei momenti più difficili? "
    E lui mi ha risposto:
    "Figlio, tu lo sai che io ti amo
    e non ti ho abbandonato mai:
    i giorni nei quali
    c'è soltanto un'orma sulla sabbia
    sono proprio quelli
    in cui ti ho portato in braccio".
    Anonimo
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Silvana Stremiz

      Una Piuma

      Posando leggero, nel verde del mare,
      il bianco gabbiano ha perso una piuma;
      l'onda la porta, cullata, lambita,
      e il sole riflette quel bianco di neve.
      La vedo, posata sull'acqua, portata
      dal vento che increspa l'azzurro;
      l'afferro imperlata di mare
      e penso all'amore finito,
      ormai spento,
      allo strano silenzio
      che l'anima prova atterrita.
      E sento che parte di noi,
      cullata dal vento,
      portata dal mare,
      è come una piuma
      staccata dal corpo di un bianco gabbiano,
      che cerca soltanto un poco d'amore.
      Anonimo
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Silvana Stremiz

        Sei...

        Sei bella come un fiore che profuma le mie giornate.
        Sei splendente come il sole che illumina lo scorrere dei miei giorni.
        Sei luminosa come la luna che illumina anche le più oscure notti.
        Sei leggiadra come una farfalla che pur sapendo la brevità della loro vita continuano a volare e a portare felicità dovunque essa vada.
        Sei laboriosa come un'ape che porta l'unica fonte vitale al centro dell'alveare.
        Sei come una stella cadente che mi fa esprimere desideri pieni di amore e speranza.
        Anonimo
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Silvana Stremiz
          Ti amo,
          come non posso dire,
          come non posso sussurrare alle tue labbra stanche.

          Come il momento in cui il sole tocca il mare
          per perdersi tra bagliori di riflessi purpurei.

          Come la silenziosa aria,
          che trasparente e rorida,
          tocca le fresche gemme degli alberi.

          Come il libero volo di un'aquila
          che sicura e placida
          domina la terra attraverso il cielo.

          Come la prima volta che i nostri sguardi
          hanno avuto accesso alle nostre menti.

          Ti amo quando posso toccare il tuo respiro
          che culla la mia notte.

          Quando ti avvicini alle persone sorridendo,
          timido e accogliente.

          Quando ti prendi gioco di me,
          scherzando sui miei difetti.

          Ti amo quando mi butti baci al telefono,
          per accorciare le distanze.

          Ti amo quando sei te stesso,
          sfuggente e inafferrabile come sabbia tra le dita.

          Quando hai paura dell'oggi,
          temendo il domani.

          Quando odi il mondo
          e brami la nebbiosa solitudine.

          Quando domini l'istinto per giocare con la tua razionalità,
          facendoti beffe delle tue emozioni.

          Quando cerchi la mia pelle nel buio della macchina
          i fari a illuminare il mondo.

          Ti amo perché non rinunci a te stesso.
          Perché sai farmi ridere, perché sai farmi arrabbiare,
          Consolare, ascoltare, abbracciare.
          Perché mi ascolti e sai farmi anche tacere.

          Perché sei parte del mio cammino,
          ovunque io vada e per quanto possiamo fuggire.
          Filo di seta che sa far cantare il mio cuore lasciandomi senza fiato
          sorpresa e stupita di quanto sia tenero il legame che ci unisce.

          Ti amo perché l'amore che ho dentro si rinnova e rigenera tutte le volte che posso donartelo.
          Anonimo
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di