Scritta da: Daduncolo

Voce sul fronte

Sono un soldato e mi vergogno di me stesso,
scruto l'orizzonte e noto che l'oceano non
è altro che una distesa di fuoco ed il cielo
che mi sovrasta è ancora una volta
celato nel buio.

Mi guardo attorno e nella spiaggia sul quale
sono, altro non vedo che barche, che giungendo
sul litorale con i loro soldati reggono tra le
braccia, come se fossero bambini, le loro armi;
che solo vederle annientano l'esistenza di
chiunque provi alterigia.

Nascosto non oso impugnare nessun arma,
ma la patria mi impone di agire e portare la pace;
pace che non credo possa esserci ne prima e ne dopo;
ormai qui sul fronte la mia salvezza
e quella di tanta altra gente la vedo lontana è pressoché
improbabile, come la luna fra la terra o un oasi nel
bel mezzo di un deserto.

Verso lacrime per ciò di cattivo e crudele
sta accadendo su questo mondo, scruto ancora
il cielo, invano cerco un fascio di luce, ma
perfino il sole prova vergogna nel notare
tutta quella sofferenza, a tal punto
che anche il suo sorriso abbiamo cancellato.

Ciò che mi rimane è continuare a piangere,
e sperare che almeno un angelo scenda dal cielo
e possa non compiere un miracolo ma almeno
esaudire un mio piccolo desiderio.
Da padre di famiglia non desidero nient'altro che:
poter dare un bacio alla donna che tanto amo
e regalare una carezza ai miei figli,
ancora una volta per l'ultima volta...
Anonimo
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Daduncolo

    Candida Venere

    Oh! Venere, candida e diletta essenza di me,
    i tuoi lisci capelli come tulle di seta mostrano
    la natura nella sua più intima esistenza che il solo
    sguardo mi fa sembrare del tutto insolito e afasico,
    a tal punto che solo i miei occhi esprimono con la sola
    lingua silente del pensiero quella bellezza, tanto
    quanto resa grazia dal suo unico nome che fa eco
    alla sola voce, amore.

    I tuoi occhi come specchi d'acqua riflettono i miei
    desideri che come stelle nel cielo incantano
    chiunque li osservi, ed io da semplice
    viandante scruto e ammiro tale bellezza
    che tramuta il mio corpo in pietra, e solo
    il tuo diletto bacio potrà spezzare codesto
    incantesimo che tanto mi impedisce di agire,
    e tanto meno di echeggiare nelle tue orecchie,
    la sola parola: amore.

    Il tuo dolce sorriso è per me la mia speranza,
    la sola ed unica forza di ogni giorno,
    quella mezza luna mi riempie di gioia anche
    nei momenti più tristi; mi basta scorgere
    la tua felicità per far si, che
    anche una parte di me possa essere
    radiosa e faccia nascere nel mio cuore
    una luna tanto piena e ricca d'amore.
    Anonimo
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Daduncolo

      Sono venuto al mondo

      Sono venuto al mondo e mi sono
      guardato intorno, l'amore e l'amicizia
      sono come l'oro, tanto raro ma molto
      prezioso, tanto che in giro se ne
      trova molto poco.

      Guerra e distruzione sono pane quotidiano
      di questo mondo, bambini innocenti
      per avidità dell'uomo perdono
      il loro dono, la vita si infrange
      e l'esistenza di una specie svanisce.

      Il male è l'imperfezione di noi stessi
      che tanto ci degrada nell'essere
      persone che dispongono di un cuore.

      L'odio cresce e la pace fugge;
      la cupidigia ci rende ignari e
      il potere ci rende folli.

      Questa non è fandonia, ma
      bensì il resoconto di un mondo
      ove l'ignoranza è forza e
      il prestigio la gloria di chi
      crede che la vita sia tutto un
      comandare.
      Anonimo
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Celeste Fiore

        Amarti

        Amarti come forse non ho mai saputo fare,
        di un amore grande e infinito come il mare.
        Amarti senza fine,
        in ogni attimo della mia vita...
        con tutto il cuore,
        con tutta l'anima
        che di te si è ormai invaghita.
        Amarti senza più liti,
        senza silenzi,
        senza più orgoglio,
        perché tu,
        mio solo amore
        sei tutto ciò che voglio.
        Amarti senza limiti,
        senza problemi,
        senza peccato,
        di un amore semplice,
        puro e sconfinato.
        Amarti oltre vita,
        perché senza te...
        la mia stessa, sarebbe finita!
        Anonimo
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Celeste Fiore
          Da domani sarò triste,
          da domani.
          Ma oggi sarò contenta:
          a che serve essere tristi,
          a che serve?
          Perché soffia un vento cattivo?
          Perché dovrei dolermi oggi,
          del domani?
          Forse il domani è buono,
          forse il domani è chiaro,
          forse domani splenderà ancora il sole.
          E non vi sarà ragione di tristezza.
          Da domani sarò triste,
          da domani.
          Ma oggi,
          oggi sarò contenta;
          e ad ogni amaro giorno dirò:
          da domani sarò triste.
          Oggi no!
          Anonimo
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di