Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Edoardo Grimoldi
Il tuo Cristo è ebreo
e la tua democrazia è greca.
La tua scrittura è latina
e i tuoi numeri sono arabi.
La tua auto è giapponese
e il tuo caffè è brasiliano.
Il tuo orologio è svizzero
e il tuo walkman è coreano.
La tua pizza è italiana
e la tua camicia hawaiana.
Le tue vacanze sono turche,
tunisine o marocchine.
Cittadino del mondo,
non rimproverare al tuo vicino
di essere straniero.
Vota la poesia: Commenta

    Il mio zahir

    So che tu non mi ami ma io continuo ad amarti,
    ti amo quando soffro,
    quando mi illudo,
    quando bagno il mio cuscino di lacrime,
    ti amo quando so che è inutile sognarti!
    Ancora una volta mi ritrovo a scrivere per te,
    a piangere per te,
    in questo momento stai baciando un'altra,
    e ti muovi in abbraccio che non sarà mai più il mio.
    Vorrei tanto dimenticarti.
    E quando sembra
    che sono quasi arrivata a cancellarti
    completamente dal mio cuore,
    basta un tuo sguardo,
    una tua parola
    per far riaffiorare
    tutto quello che provo per te.
    Sembri marchiato a fuoco sulla mia anima
    che mai aveva sofferto tanto
    quanto in questo momento.
    Provo a convincermi che ti odio
    ma in realtà non è così
    ti odio per non amarti!
    Mai leggerai queste mie parole
    e mai saprai quello che provo
    e quello che sei stato per me
    Sarai sempre convinto che svanirà
    o forse per te già è svanito,
    perché magari per te non sono stata niente...
    Anche se un giorno m'innamorassi di un altro
    sono sicura che tu sarai sempre nel mio cuore
    e niente ti potrà cancellare perché
    ti voglio troppo bene.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Daduncolo

      L'assiduo mare

      Le forti onde forgiano lievi danze di spuma che blandiscono la natura marina, e a pochi passi ascolto la dolce voce del mare, tra le mani stringo una conchiglia e con la mente viaggio e cammino in questo incantevole paradiso.
      Solo e triste osservo e cerco il possibile affetto per la mia anima delusa dalla realtà simultanea che urta giorno dopo giorno la mia esistenza.
      Un respiro di vento vezzeggia il mio viso e fa desistere le lacrime che avvolgono i miei occhi e la speranza che passò di lì afferrai e con esso il mio cuore ricucì dalle profonde ferite...
      Nell'infinito scruto la vasta distesa di fluente blu che pare trovare tregua al cospetto del tramonto, il mio corpo distante dal giorno giace di freddo e la mia anima più vicina a quella sfumatura tanto lontana trova affetto e si rinfranca...
      Il mare come un analgesico agisce e come un amico ti accoglie tra le sue braccia pronto per farti risentire il gusto della vita.
      Gli ultimi riflessi del sole si posano nei miei occhi e un colore d'oro si espande nel mare, nel lieve spegnersi del cielo una lacrima di emozione lascia i miei occhi e si spegne fra quell'immenso litorale velato dalle onde marine...

      Il mondo è pieno di magia, di pensieri,
      e di luoghi stupendi proprio come il
      mare, esso è un amico, un diario dei segreti,
      tu unico a cui basti, lui unico che ti scolta...
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Daduncolo

        Santa Praga

        Paese irreale povero d'ostilità
        ma ricco di felicità,
        fa si che l'amore e l'amicizia
        sia come un infinito e perpetuo
        desiderio di vita.

        Clima caldo e clima freddo,
        sole e neve, fuoco e acqua
        van d'accordo come affini...

        Triade vette,
        tutte alte e tutte verdi,
        ogni sera son nascoste
        da un immenso e sottile velo,
        che alle strida del
        nuovo giorno, fan mutare
        la campagna...

        I mille lumi che
        avvolgon le botteghe e le vetrine,
        rallegran i poveri e romiti borghi,
        che fan mutare il paese
        come il nido dell'amore...

        Le genti del paese treman
        dinanzi alle slavine e
        con soavi parole
        chiedon soccorso al
        grande maggiore...

        Cittadini praghiani mai non
        mentano dinanzi al signore,
        esso sarà generoso e dall'alto dei
        cieli saprà distinguere il
        bene dal male...

        Tutti son contigui e generosi,
        come il signor hai sui fedeli.
        Nessuno oserà trattar male
        alcuna creatura vivente e non vivente
        di questo esteso, infinito e raro mondo,
        immerso nella grazia
        divina...

        La taverna sarà, la
        dimora dei fannulloni.
        La chiesa sarà, la dimora dei
        grandi signori.
        L'ospedale invece sarà, una dimora
        piena d'infelicità, dove
        la speranza e la brama
        sono le ultime a morire...

        Alla fine il paese se ne andrà
        ma alla fine tornerà, con
        novità belle o brutte ma alla
        fine riverrà,
        tra la neve e la nebbia scomparirà
        ma con l'amore e l'amicizia Santa Praga
        rimarrà....
        Vota la poesia: Commenta