L'attimo

È andata via
Ha portato con se
Tutta la sua dolcezza
Tutta la sua tristezza
Sono rimasto a guardarla
Non si è voltata

Sono rimasto a camminare
Sui vetri di un sogno infranto
Di quello che poteva essere
E che non è stato

Ho cercato i suoi occhi
Ricorderò quel momento
L'attimo della mia indecisione
Un'istante lungo un'eternità
Nel tempo della mia solitudine.
Anonimo
Vota la poesia: Commenta

    Il fiume

    Il fiume scorreva lento
    e noi stretti lungo i confini del tempo
    a guardare il continuo mutare

    di un tempo
    talora alba, talora tramonto
    talora grido fuggito dal cuore

    che si fissa nella memoria
    di un unico sentimento.
    Ho guardato i colori

    del tempo, che si posano
    sul volto della persona che amo
    i colori di un cielo

    che avevo rubato per te.
    I colori di un bacio che avevo
    schiuso per te.

    E ancora sono fermo a quel tempo
    aspetto sereno quel giorno
    per donarti ogni mio pensiero

    cancellare ogni tuo dolore,
    per donarti tutto il mio amore.
    Anonimo
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: NikkiPinki
      Vale più di ogni altra bugia...
      la Follia di chi Folle non è... per sé...
      di chi non ricorda di essere stato bambino...
      e di chi bambino ancora è... un po' come me...
      Il mondo girava alla rovescia...
      Il cielo mi salutava... ed io gli sorridevo a testa in giù...
      Coloravo l'Amore a tinte... azzurro cielo... turchese
      ed elettrici blu...
      a mezzanotte perdevo la ciabatta coi peluches...
      ed il principe ne trovava una diversa ma di cristallo...
      Le fontane spruzzavano coriandoli...
      Le statue facevano i versi ai giapponesi...
      ed io mi tenevo stretta ad un pulcino piccolo e nero...
      che nessuno voleva... lui diceva...
      Gli ippopotami facevano finta di dormire
      ma dormivano davvero...
      e guardavano le stelle...
      Qualcuno mi ha detto da piccola... che noi proveniamo
      da Quelle... dalle Stelle...
      e che se ne vedi una cadente... esprimi un desiderio... e poi si avvera...
      Antoine De Saint-Exupery diceva che anche un alieno
      se ne sta tranquillo sul suo asteroide a guardare 43 volte un tramonto...
      E quanto è bello un tramonto?
      Il mio era una girandola gialla verde fucsia rossa e blu.
      Zucchero filato e lecca lecca...
      da bambina il mondo girava alla rovescia
      il Cielo mi salutava da lassù... ed io gli sorridevo...
      credo fossi a testa in giù...
      il sole mi invidiava... splendevo di luce rara...
      Qualcuno me lo disse... ed io ci non credevo...
      non ero una stella... e nemmeno la più bella...
      ma Qualcuno lo diceva... ed io ne ero fiera...
      Le bambole mi offrivano il caffè...
      Barbie era sempre gelosa di Ken...
      ed io cucinavo per mio marito...
      L'arcobaleno c'era anche se non pioveva...
      e le guerre non esistevano
      e i girotondi li facevo solo per divertirmi...
      ma questa è storia... di una storia... la mia...
      che sogno sempre di volare...
      di avere Ali grandi per scappare...
      e che ora in rima come faceva da bambina
      ferma gli attimi e li incatena...
      Anonimo
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: NikkiPinki
        Ma cosa vuol dire chiudere gli occhi
        e pensare a te... se poi... quel te è solo indifferenza...
        Io... ma perché?
        Sono sempre più gelosa di te...
        Dio... ma perché?
        Questo amore è un Inferno per me...
        se rischiare per te vuol dire vivere di rimpianti...
        ma amare non è essere svegli fino all'alba?
        Ma amare non è contar le stelle sulla spiaggia... e cioccolate calde...?
        ma amare non è fuggire per poi rincorrersi a suon di baci...?
        non è litigare per poi far pace...?
        e perché ti desidero così...?
        e perché costringo questo cuore a combattere...?
        e perché non mi arrendo dinanzi al gelo?
        Mi riscalderai mai tra le tue braccia?
        Bambino...
        invitami... su distesa dorata... mi lascerei cullare...
        tremante aspetterei respiri affannosi...
        afferrerei tutti i granelli di vita con le mani...
        e se tu mi dicessi che è inutile continuare...
        corteggerei anche solo il tuo profilo delle mie notti inquiete...
        e se solo un attimo potesse portarmi a te...
        lo afferrerei... con i denti...
        e mentre la mia anima... insopportabile nemica...
        vorrebbe allontanarmi da te... il cuore decide e ancora una volta resta...
        ma perché?
        Anonimo
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di