Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: NikkiPinki
Pensavo
che forse
potresti anche cercarmi tu
ogni tanto...
Perché ridi?
Dico sul serio...
prendi il telefonino
scrivi un messaggio
e lo invii al treduezero
oppure al tretreotto... scegli tu...
non è tanto difficile...
potresti riuscirci...
potresti provarci.
Decifrando quel 18 febbraio...
non è cambiato nulla...
è così?
... ed ora che l'ho capito che si fa?
Ora che tu sei tra milioni di facce nuove
ed io qui... che si fa?
Ora che più di una ti vorrebbe... che si fa?
No dimmelo... perché voglio saperlo.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: NikkiPinki
    Fammi male...
    prendi tutto quello che vuoi
    è tuo...
    feriscimi e poi fotografa gli attimi...
    Non ti chiederò mai
    di te...
    Non lascerò che decidi per Noi
    ti ricordi le stelle?
    Eravamo Noi... eravamo tu ed io...
    Fammi male...
    prenditi il rosso
    prenditi il cuore...
    Incatemi...
    Fa di me ciò che vuoi...
    Baciami
    e se vuoi lasciami morire...
    Ma non lascerò che decidi per Noi
    Fammi male
    male
    e ancora male
    allontanati
    e poi torna
    e dammi un bacio...
    Ma non lascerò che tu decida per Noi.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: NikkiPinki
      Luna... stelle... oro... luce... magico
      universo... colorare... sogni...
      lascio perdere... ricomincio...
      aspetto... non aspetto... chiudo la porta... e si apre un portone...
      chiudo il portone... e si apre la finestra... meglio chiudere va... che tira vento...
      chiedo... e non ho risposte... rispondo... ma lui non chiede
      do un calcio alla fortuna... e la fortuna mi chiama Stronza...
      starnutisco senza far rumore... e tutti mi chiedono se lo faccio apposta...
      ma rispondo che io gli starnuti li ho sempre fatti così...
      mio nonno aveva gli occhi azzurri... i figli no... ma perché?
      Mio cugino ha gli occhi azzurri... io no... ma perché?
      Mangio sempre mandarini... Odio ormai i mandarini...
      a volte mi incanto a guardare le donne...
      a volte mi incanto a guardare il tramonto...
      a volte mi incanto a guardare te...
      a volte il vento mi rischiara le idee...
      a volte il vento lo prenderei a botte...
      a volte la pioggia mi cade sul viso...
      a volte la pioggia mi bagna i vestiti...
      Amore mi saluta tutti i giorni...
      ed io sono perennemente maleducata...
      Amore mi chiede perché non saluto mai
      ed io non so che rispondere...
      mi scuso e mi scanso di nuovo...
      Amore ha detto che io non l'Amo...
      ed io quasi me ne frego... forse davvero non l'Amo...
      Amore è incazzato... ed io me ne sbatto... tanto non l'Amo...
      La Luna mi ha detto che sono bella l'altra sera...
      Le Stelle mi hanno dato un bacio con la lingua...
      Il Cantante ringrazia la Fan
      e la Donna se l'è dimenticata a Napoli...
      L'Uomo dice di essere lunatico
      e la foto col costume non gli è piaciuta...
      Nella prima canzone sembrava di ascoltare Jeff...
      nelle altre ascoltavo Te...
      Quando cazzo passerai di qua...
      che Amore e Fortuna sono dalla nostra parte...
      Non senti le onde?
      Non vedi il mare?
      Vota la poesia: Commenta
        Scende la neve purificatrice
        La domenica mattina
        Mentre dalla finestra io la guardo
        Ondeggiare nell'aria e posarsi
        Sulla cuccia del cane stanco
        Troppo stanco
        Per potersi alzare e correre per i prati.
        Bianchi
        Scendono i coriandoli di ghiaccio
        E si posano sul mio volto
        E sui miei capelli neri
        Intanto che il mio respiro si
        Espande lento nell'aria.
        Tutto è coperto,
        mascherato
        dalla fredda corazza bianca
        che racchiude un mondo
        ancora più freddo.
        Il mio corpo è paralizzato
        Non posso e non voglio
        Muovermi.
        Anche sulla mia anima
        Cade la neve.
        Tutto si è congelato
        Il caldo dei vecchi momenti
        Si sta spegnendo
        Delusione
        Tristezza
        Consapevolezza
        Rabbia
        Rassegnazione
        Stanchezza
        Ogni petalo cristallino
        Porta un fardello
        Insopportabile
        Ed al contempo
        Una fresca rinascita.
        Neve purificatrice
        Ti prego
        Conserva i momenti
        Ibernali per l'eternità
        In piccole sfere trasparenti
        Custodiscile
        Fino al nuovo avvenire
        Quando il sole tornerà
        Per liberarli nuovamente
        Quando io non ci sarò più.
        Vota la poesia: Commenta