Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: NikkiPinki
Piango.
Cristalli e vetro.
Ho solo creduto.
Niente porta disprezzo.
Tutto.
Piango.
È disarmante.
Non perdono e non credo.
Hai occhi bui
senza luce
sono spenti.
Sei un riflesso.
Sei trasparente.
Sei niente.
Lascio morire gocce su un viso stanco.
Parecchi voli
e ti ho dato ragione.
Ho dimenticato l'amore sul comodino
gli ho chiuso la porta in faccia.
Lacrime
che non scendono
solo voli e sigarette.
Altre quattro e poi troverò pace.
Ho solo parole
vuoi solo parole e fango.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: NikkiPinki
    Ho voglia di dirti cose stanotte
    perché non sono quella giusta per te.
    Perché la testa è da tutt'altra parte.
    Perché ti amo ma forse no.
    Perché ti scelgo e poi ti elimino dalla mia vita.
    Perché non cerco scuse.
    Perché sai.
    Perché con il cuore sarai sempre mio.
    Perché hai bisogno di me ma sono troppo egoista per capirlo.
    Perché ti chiedo scusa
    se ho avuto nella testa numeri e voci straniere
    se non ho voluto anelli di catene
    se ho avuto sogni da bambina.
    E sei Tu il protagonista stanotte
    quel tu di anni d'amore
    quel tu che è lontano
    a cui sfuggo senza motivo.
    Ho mille cose da dirti.
    Ho voglia di abbracciarti.
    E vederti.
    Aspetto notti di baci solo tuoi
    e amore vero.
    Stanotte. Sei tu che affolli la mia mente.
    Sei tu che se ancora lì
    e non cerchi niente.
    Ed io Ti amo. Lo so. Stanotte lo sento.
    Ti amo.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: NikkiPinki
      C'è caldo
      stanotte.
      Ho voglia di fresco
      di acqua
      di coccole
      e solletico.
      Lo dico spesso.
      È così.
      Lo penso solo con te.
      Ne ho voglia.
      Non ne sono mai sazia.
      Ho voglia di mani grandi
      di occhi chiari
      e sorrisi dolci.
      Ho voglia di un te che sembra non esistere.
      E intanto torna.
      Venerdì torna.
      E ho voglia anche di lui.
      Ma più di te. Che lasci buchi vuoti
      e Noi a riempirli
      io e stupida.
      Ma dove sei?
      Un Ventidue rimasto nella mente.
      Un Ventidue rimasto lì ad aspettare
      Aspettare che tu ti degni di lui.
      E non sei più Amore.
      Non ti chiamo più Amore.
      Sei più un Ventidue.
      Sei il tuo cappello di lana morbido
      che con questo caldo
      ti viene da ridere.
      Sei più una tua canzone che mi piace
      ma che non ascolto mai.
      Non hai un Nome ora.
      Hai mani grandi
      Hai occhi chiari
      Hai sorrisi... Ma non sei più tu!
      E la solita storia
      non sei
      non hai
      non voglio
      non ti do
      non cerco... e poi quella canzone che non ascolto mai
      la ritrovo in quell'angolo del cuore che hai messo addosso
      e che ormai è tuo.
      Lo sarà... finché vorrai.
      Anzi
      finché Vorrò!
      Ed ora ancora Ti Voglio!
      Mi sento come
      fragole appena raccolte.
      Ho desideri da raccontarti.
      Ho abbracci e baci
      da bambina
      Ho gambe che chiedono
      e cuore.
      Ma tu questo quando la capirai?
      Vota la poesia: Commenta