Ruberei

Se solo ne fossi capace,
ruberei un paio di ali per farti volare in alto
e volerei insieme a te.
Ruberei una stella dal cielo per illuminare le tue notti
e un raggio di sole per dar calore alle tue giornate.
Correremo insieme su un bel prato
e ruberei alla terra un fiore profumato per regalarlo a te.
E se tutto questo non bastasse
ti porterei al mare
e ruberei per te il rumore delle onde che si infrangono sugli scogli.
Ruberei le sette note musicali
e anche il pentagramma per dedicarti canzoni e melodie
mai ascoltate prima e che ti apparterrebbero per sempre.
Ruberei i colori dell'arcobaleno
per colorarti con colori nuovi
e ti regalerei i miei occhi per farti vedere il mondo come lo vedo io
e allora capiresti che sei tutto quello che voglio
e che... ti ruberei.
Anonimo
Vota la poesia: Commenta

    Se Questo è...

    Ti amo, ma ti odio allo stesso tempo.

    Spiegami.
    Come è possibile volere i baci,
    ma anche la morte di una persona.

    Avere i brividi quando ti guarda,
    quando ti sfiora,
    quando respiri la sua stessa aria.
    Un incantesimo che avvolge.
    Dolce profumo che circonda i vostri corpi, come tante scintille.
    E quando lo sogni, avere nel cuore uno strano calore,
    che ti fa capire di essere il protagonista dei pensieri dell'altro.
    Avere una sensazione di assoluta completezza.
    Ti senti in pace.
    Sentire in corpo quella flebile fiamma dorata, procura una febbre piacevole.

    Ridete al solo pensiero della vostra malattia.
    Vedete formarsi davanti ai vostri occhi il suo viso.
    Perfetto in ogni dettaglio.
    Poi vi voltate per osservarlo, ed allora la massima felicità.
    Incontrate i suoi occhi.
    Velati da una malcelata sorpresa nel vedervi voltata.
    Poi la dolcezza, unita ad uno strano tremito, si impossessa di voi.
    Abbassate entrambi lo sguardo.
    Non riuscite più a resistere al sentimento che trasuda dai vostri corpi, ormai palpabile nell'aria, come una brezza profumata.
    Procura una strana sensazione, vedere la propria mano tremare e sudare.
    Le tenete contro il ventre, per nascondere la realtà e l'evidenza.
    Vi sforzate a non voltarvi nuovamente, ma non resisterete a lungo.

    Se questo è l'amore.
    Il sogno, lo sguardo, la felicità, il sentimento.

    §§§

    Poi svanisce.
    In quel vento profumato che lo aveva tratto a voi.
    Il cuore più vuoto.
    Un peso che manca.
    Un peso di cui si sente la mancanza.
    Gli sguardi assenti.
    La felicità sparita.
    In una nuvola di fumo, veloce nel vento.
    Ti volti, sperando di incontrarlo, priva di speranze.
    Il vostro appuntamento mancato.
    La lontananza di un abbraccio che non sentirete più.
    Proprio allora.
    Quando la realtà sostituirà il vostro mondo di sogni.

    Ne è valsa la pena?

    Vedere i vostri sentimenti sfaldarsi.
    Raggrinzirsi.
    Infrangersi.
    Sentimenti profondi.
    Che vi hanno fatto ridere e piangere.
    Sentimenti pesanti.
    Allora vi apparirà

    Se questo è l'odio.
    Il sogno, lo sguardo, la felicità, il sentimento.
    Il vuoto, la mancanza, il vento, le speranze.
    Tutto ciò che amate, odierete.
    Con la stessa intensità e sentimento.
    Amerete il vostro odio.
    Odierete il vostro amore.
    Anonimo
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Simone Spinucci

      Rabbia e speranza!

      Rabbia di esser nato
      Rabbia di esser cresciuto
      Rabbia di aver creduto
      Rabbia di essersi fidato
      Rabbia di esser stato tradito
      Rabbia di essere usato
      Rabbia di non poter fare
      Rabbia di dover fare
      Rabbia di aver sperato
      Rabbia di esserci ricascato
      Rabbia di non fare ciò che ci si ripromette di fare
      Rabbia di non poter urlare il proprio dolore
      Rabbia di dover chiedere grazie
      Rabbia di non essere ascoltato
      Rabbia di dover ascoltare
      Rabbia di aver amato
      Rabbia di essere buttato
      Rabbia di cadere
      Rabbia di doversi rialzare
      Rabbia di dover nascondere e da capo tutta la vita ricominciare
      Rabbia di dover sperare
      Speranza di stare in alto e finalmente godere nel vedere la rabbia negli occhi degli altri.
      Anonimo
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Michela Vaccai

        Tu

        Tu...
        tu sei bello,
        unico,
        fantastico.
        Tu sei il mio dono...
        un dono caduto dal cielo,
        conosciuti cosi... quasi per sbaglio
        non so se ti merito...
        ma so bene quanto io ti amo.
        Tu che hai quell'insicurezza divina,
        tu che hai quel corpo per me fantastico,
        quello che ancora non ho toccato in nessun modo,
        ma che in molti dei miei sogni e desideri è apparso.

        Quante volte ho scritto il tuo nome nei mille fogli...
        tu li riempi ormai,
        come il mio cuore è pieno di te, i miei occhi lo sono di lacrime.
        Chissà se mai verrai da me...
        Chissà se mai potremo guardarci negli occhi
        e confessarci l'amore.
        Mio Dio quanto ti vorrei... davvero
        solo Dio lo può sapere.

        Voglio vederti...
        voglio sentire il cuore sobbalzare,
        voglio sentirmi guardata da te,
        voglio toccarti,
        baciarti,
        sfiorarti...
        e se posso... entrare nella tua testa mentre siamo vicini.
        Ti amo... ti amo... amo te...
        e non smetterò mai di dirlo...
        Ti amo.
        Anonimo
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di