Scritta da: Annamaria Signorile

Pensare

Sono qui seduta su una sedia,
a far frullare la mia mente
in ogn meta,
imbottigliata in tutti
quei pensieri,
che mi ricordano le storie,
il passato, l'altrieri...
Ci sono cose in cui
non mi conosco,
ma mi hanno sempre fatto
dire che "io posso"
Non ero così da piccolina,
quando ero una gioia di bambina,
e neanche quando ancora
adoescente
riuscivo a fermare il mondo
"veramente".
È solo oggi che ormai son diventata
donna "fatta"
mi trovo a far girar la testa
come matta,
a dare retta a tutti i come "loro"
che rendono la mia vita
inesistente,
proprio come se io valessi niente.
Ci vogliono provare a giudicare,
a fare tesi, a mettersi a parlare,
per stare bene, bene veramente,
devi solo annuire ripetutamente,
dando al tuo uomo,
o a chi ti sta vicino,
la sensazione di imitarlo
come un mimo,
solo così sarai molto apprezzarta
e la tua mente non sarà violentata.
Il genere umano ha emesso
la sentenza,
che per stare bene
bisogna far penitenza,
e senza darti una giusta spiegazione,
prende la tue mente
e la viviseziona.
Di cambiamenti ce ne sono stati tanti,
e ancora ce ne saranno
più avanti,
e anche se scalpito
e voglio urlare,
nessuno rimane ad ascoltare.
La cosa che davvero mi dispiace,
è che a pensare io sono capace.
Annamaria Signorile
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Annamaria Signorile

    Pazzia

    Nel momento in cui veniamo
    al mondo, il regalo
    più grande che ereditiamo,
    è la capacità di migliorare,
    in ogni istante,
    il nostro sapere.
    Possiamo, ogni giorno,
    nutrire il nostro intelletto,
    di nuove conoscenze,
    che possono solo
    aumentare all'infinito.
    Oggi, invece, è strano notare,
    come il genere umano,
    si faccia trascinare
    più dall'istinto,
    precludendo ogni forma razionale,
    facendoci diventare
    bestie feroci,
    con la capacità
    sempre più forte,
    di ferire chi ci è vicino.
    Annamaria Signorile
    Vota la poesia: Commenta
      Questo sito contribuisce alla audience di