Scritta da: Anna De Santis

Solo adesso

Ombra che solo adesso non riflette
quello che mi sembrava la tua forma
ora non rimane
sbiadisce con la luce anche quel contorno
che mi lasciava sognare.
Solo adesso
dò il giusto peso ad ogni parola
ed a pensarci bene... preferisco sola
umiliata dalla tua presenza
che non mi dà più pace
abituarmi al tuo non esserci
è da provare ma sicuramente sarà il mio liberare
Il cuore e l'anima devono sapere
che ora hai finito di godere...
Anna De Santis
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Anna De Santis

    Fuori

    Dal mio mondo fuori, non ti sento
    eppure eri tormento che bastava un momento
    e non brucia più fiamma, sai, l'hai spenta e consunta
    troppa tua sicurezza e bastava una sola carezza
    quella che hai scordato di fare
    prima che sia peccato
    sul mio corpo rimane solo odore di te
    che già viene lavato mentre scorre la rabbia per averti anche amato
    troppo forse o sicuramente
    ma ora giace senza più vita, questo mio essere un serpente
    che ora cambia la pelle
    e ritorna alla vita per vedere le stelle.
    Anna De Santis
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Anna De Santis

      E volevo...

      Dove e come... forse sbagliavo
      eppure il massimo e ti volevo
      un fiume in piena trova sbocco al mare
      e non chiede se l'acqua serve o può bastare
      solo una goccia sarò ma va a riempire
      quello che manca per non morire.
      Volevo scaldarti con il mio sole
      riempirti il cuore e l'anima
      che non conosceva amore
      e mi sei entrato ancora
      senza poterti frenare
      lasciandomi un indelebile segno
      dal profondo grida e vuole la certezza
      forse volevo... ma sai che mi basta solo una carezza.
      Anna De Santis
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Anna De Santis

        La mia storia

        Nelle mie poesie troverai me, quello che ho avuto
        la mia storia in frasi scritte
        ed in quelle solo pensate
        perché il coraggio a volte l'ho perduto.

        Ricordi che volevo mettere da parte
        cicatrici che fanno ancora male
        ma in quello specchio ci sono sempre io
        mentre il tempo passa e mi riconosco
        nelle giornate tristi come d'autunno in un intricato bosco...

        Forse ho sbagliato nel concedermi troppo
        nell'amplificare i sentimenti
        nel confidare tutti i miei tormenti
        nel riporre fiducia a chi non meritava
        sono qui a fare il mea culpa
        non volevo certo farmi dire brava...

        Nonostante tutta l'esperienza
        non riesco a cambiare
        agisco sempre in buona fede
        e metto al primo posto la speranza.

        Molto è scivolato sul mio viso
        ma qualche ruga segna ogni passaggio
        ho trovato alla fine un comodo posto
        e mi sono fermata
        non era certo il mio sogno
        mi sono adattata
        la vita spesso non ti fa scegliere
        come tu vorresti
        ma ti fa sognare ancora
        come potresti...
        ed io ho trovato nello scrivere e nella fantasia
        per fortuna un'altra via...
        Anna De Santis
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Anna De Santis

          La meju morte

          Ogni anno puntuale c'è la potatura dell'olivo.
          Intorno alla mia casa in cima alla collina
          un simpatico vecchietto ogni mattina
          ci svegliava di buon'ora:
          oi signù s'è fattu juorn
          ca ce stà Giuann.
          Tutti all'erta che è arrivato
          non facciamoci trovare impreparati
          ecco o vin l'haj purtat
          e dov'è quel suo bicchiere?
          Presto sai che deve bere
          questo è l'unico suo vizio
          e vuoi mettere lo sfizio...
          Cominciava a far baccano alle cinque appena l'alba
          e poi pronta la bisaccia:
          ne signò la si tajata la saciccia
          voju pur la frittata
          che me faccio na magnata...
          Quella era colazione per un vecchio ultra ottantenne
          guai a togliergli il suo vino
          "rosso sangue chiglu buon".
          Lavorava tutto il giorno
          sempre col bicchiere in mano
          "gliu dottor ha ritt chianu
          Su nu bicchier agl juorn
          ma se chell ca me resta è sta stozza e stu vinello
          vogliu murì buon e nu poc stunat
          nun me ce fa pensà
          mo me veress n'goppa a chesta pianta
          quann m'ha raccumannat
          de nun lavurà
          dottò; gli aggie rispuosto
          è meju a beve vino e a magnà
          ca può, può pur faticà
          ancora nun si capit
          ca voju murì cu stu bicchiere n'mano
          ca m'aiuta a campà.
          Uoje m'è rimast sul chest
          at cos nun pozz chiù ca nun me fir
          e tu mo vuò levà... ma lassa fà.
          Anna De Santis
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di