Scritta da: Anna De Santis

La gioia più grande

Ogni cosa era al suo posto, in questa grande casa,
c'era silenzio e pace.
Ogni giorno era uguale, ed a volte piangevo,
non sapevo perché, non volevo,
ma in quella solitudine spesso, mi perdevo.
La mia vita fu sconvolta da una notizia inattesa,
pensavo che ormai non c'era più niente da fare
parti... mi diceva dall'altro capo del telefono,
ci separava il grande mare,
una voce amica, qui c'è la tua vita.
Non ho avuto esitazioni,
ho volato per ore, sopra le emozioni,
non sentivo che il cuore che batteva,
e questa grande felicità che dentro, mi premeva.
Non riuscivo a pensare che a lui,
quel bambino che di lì a poco avrei abbracciato
e coccolato per non lasciarlo più.
Forse per gli altri è normale,
sarà sicuramente un giorno felice,
ma la gioia più grande era, per me
che avevo perso le speranze
riempire di disordine e d'amore finalmente,
di quella casa grande e silenziosa, tutte le sue stanze.
Anna De Santis
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Anna De Santis

    Non dimentico 2009

    Ora mi chiami amore,
    quanto tempo è passato,
    gli anni più belli mi hai negato,
    avevi sempre da fare,
    eppure con tutte le mie forze ti ho voluto,
    così come te,
    abbiamo difeso contro tutti questo amore,
    per fare che?
    Quando ora mi stringi, mi ricordo ancora,
    non riesco a dimenticare,
    quella donna che dicevi di amare,
    sapevi che il mio cuore, troppo ne soffriva.
    Non ho amato che te,
    ma intanto la nostra storia passava e moriva.
    Per i figli che abbiamo avuto,
    non ho potuto lasciarti,
    ma troppa la delusione
    per me, che ti ho dedicato i miei giorni,
    e non riesco ancora ad abbracciarti.
    Ho avuto la forza e tanta pazienza,
    mi dicevo: si dovrà stancare,
    tornerà lo sento, qui mi deve trovare.
    E contavo i giorni,
    i miei capelli col tempo sono diventati bianchi
    a forza di aspettare,
    alla fine sei tornato, deluso,
    solo chi ti amato come me, ti poteva sopportare,
    spero solo con il tempo di poterti perdonare.
    Anna De Santis
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Anna De Santis

      La jurnata è longa 2009

      S'arranca n'goppa a terra can un ne vo sapè,
      la stagion è juta secca,
      e la vanga nu trase.
      Si ancora nun se fir e chiove,
      tutt o raccolt è perdut.
      E mesca lacreme e surore,
      mentre lu tiemp nun fa passà mai l'ore.
      Ecca ca arriva a sera
      e s'ammiscano fatica e duluri,
      da chella fenesta, se scorge a luna
      e se spera ca e nuvole s'arrain,
      saddà truà nu poco e consolazione
      pe putè zappà.
      Lu seme nun s'affossa,
      adda venì nu bell'acquazzone,
      ca esc a lu pantan,
      e dint e sulchi scorre comme a nu turrent.
      E finalment s'arraggia o ciel
      e mentre ca te vec,
      arrap a porta, nient me ne nporta,
      sott all'acqua veng a faticà
      cussì e cheste lacreme nun s'accorg nisciuno.
      Anna De Santis
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Anna De Santis

        Sarò 2009

        Sarò lenta goccia che ti accarezza il viso,
        sarò sospiro per darti vita,
        sarò forza per farti andare
        e asciugherò ogni lacrima,
        se ci sarà dolore.
        Sarò il tuo mondo e la via,
        che potrai seguire,
        il vento dolce e caldo
        che ti vorrà accarezzare,
        sarò la terra dove lascerai l'impronta,
        sempre pronta a tutto quel che vuoi.
        Sarò l'unico eco che rimanderà la voce,
        quello che sentirai e ti darà pace.
        Avrai la sicurezza, sarò l'unico tuo porto,
        dove stanco, l'ancora potrai buttare
        e fermarti a riposare.
        Di te avrò cura anche nel piacere,
        e mille e mille volte di me potrai godere,
        ti accarezzerò con le parole,
        ti lascerò fare quello che vorrai,
        ti amerò per tutta la vita, con tutto il cuore.
        Anna De Santis
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Anna De Santis

          La mistura

          Avevo fatto in un ampolla,
          una specie di mistura,
          ho tagliato una cipolla,
          tre arancini e quattro nocchie,
          con un poco di paura,
          ho raccolto due pannocchie,
          cinque fette di limone,
          mezzo chilo di lenticchie,
          due melette e un peperone.
          Poi ho aggiunto un liquorone,
          shakerato   tutto questo
          ecco pronta la mia cura.
          Ho girato la mistura,
          mamma mia, ma che paura!
          È bastata berla un po',
          che a momenti sai scoppiavo
          se nel bagno non correvo
          certo non mi contenevo.
          Anna De Santis
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di