Scritta da: Anna De Santis

Un vero amico

Quante volte son caduto,
sono rimasto sempre muto,
il mio dolore non l'han sentito
e non ho chiesto aiuto.
Quando più niente ti rimane,
e non capisci che fai male,
nonostante tutto l'amore,
le delusioni sanno di sale.
Renderti conto che è normale,
solo non ce la puoi fare
e continui poi a sbagliare,
nonostante quel suo invito,
ma tu ancora non hai capito...
Un amico... devi ringraziare,
forse è un angelo: tu ce la puoi fare,
senza stare a giudicare,
ti prende per la mano,
ti salva da quel baratro,
e crede sempre in te...
Un amico, sempre tace
e non riesce a darsi pace
sente il grido di dolore,
quando vede la tua vita
che combatte col tuo cuore.
Un amico... devi ringraziare,
forse è un angelo: tu ce la puoi fare,
senza stare a giudicare,
ti prende per la mano,
ti salva da quel baratro e crede ancora in te.
Anna De Santis
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Anna De Santis

    Er porco

    Dormiva,
    ed io gelosa der sorriso
    che c'aveva stampato sur quer viso,
    perché sapevo a che stava a pensà,
    quer porco;
    jo detto: amò che dormi,
    che te stai a sognà?
    Fino a mò dormivo, e lassame stà.
    Ormai che s'era svejato,
    se comincia a struscià,
    me strigne e nell'amplesso me chiama stella,
    me meravjo perché nun era quello er mio nome,
    je chiedo spiegazione....
    Amò ma che vai a pensà, lo sai che me piace,
    è na cosa carina, nun te la pijà.
    Er tomo la mattina s'arza e se ne va,
    me lascia sur tavolo er telefonino,
    sulla rubrica la vuoi bella,
    c'era scritto: una stella... due stella...
    Anna De Santis
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Anna De Santis

      Quando sei nel giusto

      Tutto è così semplice,
      tutto sembra normale,
      quando pensi sia giusto,
      quando ti senti a posto.
      Ti metti a nudo, davanti all'amore
      e ti sembra bellissimo
      senza inibizioni, quando le condizioni
      ti fanno sua.
      Felice per la scoperta,
      quello che ti sembrava strano,
      timida nella vergogna,
      era solo tabù.
      E diventi bellissima,
      agli occhi del tuo uomo
      e non serve specchiarti,
      per accorgerti... è vero
      e te ne convinci, senza più i tuoi trucchi,
      il vestito da mettere, sceglierai senza indugio.
      Sai, non conta più niente,
      quando amor fa sicura,
      tu cammini per strada e non vedi la gente.
      Anna De Santis
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Anna De Santis

        La prima stella

        Aspetterò con ansia la sera,
        per vedere la prima stella,
        dal mio piccolo spicchio di cielo,
        la sua luce e come brilla.
        Grande è il suo chiarore,
        gli occhi socchiuderò
        per non farmi accecare,
        mi rimarrà nel cuore quel calore...
        Stella di luce, che nelle notti, mi dai pace,
        mi distrai dai mie brutti pensieri
        e rimani tu sola con me.
        Stella d'argento,
        la più bella tra tutte le stelle che ti sono accanto,
        ho con te gioito e pianto,
        e mi guardavi gelosa dal cielo, tu soltanto.
        Hai contato le mie dolci carezze,
        i miei baci, e le mie amarezze,
        hai voluto insegnarmi la via,
        quando non trovavo la mia...
        Quando al mattino via te ne andrai,
        non scordare mai che ti aspetterò ogni sera,
        ovunque andrò, amica mia, sarai.
        Anna De Santis
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Anna De Santis

          La mattanza

          Quanno ch'ero ancora na pischella,
          mi madre pensò bene,
          pe famme cresce educata e bella,
          de metteme in collegio (ad Arce) dalle suore.
          So cresciuta come un fiore, tra amorevoli cure,
          ho avuto li mijori insegnamenti
          e tutti me dicevano li parenti:
          certo che te sei fatta grande, tanto
          nun sarà forse che magni troppo?
          Dovete da sapè che in collegio, de gennaio,
          c'era la mattanza e pe du mesi era un guaio,
          se scannavano quei quattro porcelli,
          cresciuti insieme ner pollaio.
          Se preparava na tavola messa pe traverso,
          se legava la bestia e tutto el resto appresso.
          Mentre che er porco se n'annava porello
          scannato dar cortello, finché nun avea più voce,
          de sangue grondava e veniva appeso su una croce,
          le monache facevano un gran foco ner camino
          pe brucià li peli delle cotiche der porco,
          e come era bona quella pasta e facioli
          fatta drentro ar paiolo, er sapore sapeva de divino.
          Quanno che tutto quer ben di Dio era sfasciato,
          daje co le salciccie appese ar fumo e ar vento,
          che je daveno sapore fuori e drentro.
          Ogni tanto un dito me fregavo,
          e nissuno s'accorgeva ner convento
          der porco acciso più non me ricordavo,
          pensavo solo a quer sapore...
          Che ormai più nun c'havemo.
          Anna De Santis
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di