Scritta da: Anna De Santis

Si amore

Il mio posto è qui, dove sento il mare,
dove goccia a goccia il pianto si confonde.
Il mio respiro con il vento e con le onde,
parlo da sola,
ma mi ascolta l'amore... mentre la mente vola.
Penso a te, che ho sognato,
che ho raggiunto, accarezzato e perduto,
all'amore che ho infangato,
umiliato e distrutto.
Ora neanche il sole può asciugare gli occhi,
ne scaldare l'anima e scenderà una lacrima,
non riuscirà un gabbiano a farmi guardare il cielo,
si amore... amore... te lo dicevo mille volte al giorno,
bugiarda... ma era vero,
ho tradito, ma con tutto il mio cuore ti ho amato,
e tu per tanto tempo mi hai aspettato.
Ora non ci sei più, mi rimane il mio mare,
non so se ce la farò a continuare,
se non mi perdoni .... finirò per affogare.
Anna De Santis
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Anna De Santis

    Un piccolo rimpianto

    Non soffrire, vorrei dirmelo ancora ed ancora,
    ma nonostante tutto, rimane un rimpianto... ora
    Se avessi provato... se quel pianto avessi consolato,
    quando ho detto che ti avrei lasciato...
    La mia strada mi ha portato in diversa direzione,
    ma tu non c'eri ancora nei miei pensieri,
    è stato più forte di noi, ed ancora ieri,
    ci siamo innamorati, ed è una cosa vera,
    fatta di parole, di respiri,
    di carezze mancate, di confidenze, di pentimenti,
    di tanti buoni proponimenti
    ma uniti sempre nei sentimenti,
    in un bacio che non ha mai fine.
    Una storia seria, che purtroppo è fatta di rinunce,
    l'amore per chi ama come noi, non sempre vince,
    comunque serve, quella certezza che mi sei vicino,
    a nessuno abbiamo voluto fare male,
    come l'aria però, ti devo respirare,
    ti devo sentire, tanto è forte questo amore
    che la nostra sicurezza è che tu ci sei per me
    come io per te.
    Non posso costringere il cuore,
    ha bisogno di andare,
    sai che vorrei raggiungerti
    ma in un posto dove?
    So che mi aspetti sempre, perdonami amore,
    ma ci sarà finalmente un giorno,
    il modo per poterti amare.
    Anna De Santis
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Anna De Santis

      L'apina ed il papavero

      Svolazzando un ape appena nata,
      il primo giorno, già si era allontanata,
      voleva in fretta conoscere la vita,
      fuori dell'arnia da dove era partita.
      E volò con un ardimentoso volo,
      su un prato tutto verde con un fiore solo,
      delusa si riposò e continuò a volare,
      sperando cibo da succhiare.
      Un prato di papaveri, meraviglioso!
      Non conosceva quanto potesse essere pericoloso,
      si avvicinò alla prima corolla,
      succhiò il nettare e un po' brilla si riposò.
      Sognò fiori strani, inverosimili, poi si risvegliò.
      Riprese il volo su corolle vermiglie,
      ce ne erano mille e mille...
      s'inebriò di tutta quella droga e poi morì.
      La trovarono felice nel suo sogno,
      aveva messo fine a quel suo volo,
      vissuto solo un giorno,
      non ritornò più lì da dove era partita,
      ma meglio che una vita scolorita.
      Anna De Santis
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Anna De Santis

        Al mio papà

        Ora dammela tu Papà la mano,
        cammina,
        ti ricordi quando bambina
        mi portavi là, dove spunta il sole,
        e stringendomi al cuore
        m'insegnavi la vita.
        Hai sempre spiegato senza bugie,
        mi hai dato speranza e sicurezza,
        con una semplice carezza,
        mai illudersi amore,
        e ricorda che la verità te la dice il cuore,
        vedi, c'è una linea infinita oltre quel confine,
        dove finisce il mare,
        tu non la considerare, guarda oltre, lo puoi fare.
        Io ascoltavo le tue parole,
        sono andata oltre, senza affogare,
        ed ho avuto nella terra e nel tuo sorriso
        un punto fermo, dove riposare.
        Chiudi gli occhi e sogniamo ancora,
        ti stringo forte, non ti lascio ora,
        come sei stato attento nel mio crescere,
        ora son io che devo sollevare la tua testa
        sopra quel cuscino,
        mentre tu dormi,
        farò finta che ora... tu sei il mio bambino.
        Anna De Santis
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Anna De Santis

          La mia famiglia

          Non esiste un posto diverso,
          non esiste un verso, per parlare d'amore,
          quello vero, che nasce da chi ti ha partorito,
          da chi ti ha cresciuto,
          ti ha seguito e capito.
          I miei genitori, meravigliosi,
          semplici nel loro agire,
          ma vicini e saggi senza forzare,
          hanno saputo fare di me quella che sono,
          tutti i loro insegnamenti, i proponimenti,
          mi hanno reso forte,
          per proseguire nella mia strada.
          Sono il regalo più bello che ho avuto,
          ed in me è cresciuto, in questo cuore custodito,
          il loro amore che non ha mai tradito.
          Mai ho sentito la loro voce, bastava uno sguardo,
          ed ogni volta mi son sentita fiera,
          mi hanno sempre accompagnato senza intervenire,
          mi han fatto sentire protetta e sicura,
          della mia vita hanno avuto molta cura.
          Devo dire che la sorte mi ha fatto un regalo,
          per una figlia,
          il più grande, il più raro,
          questa meravigliosa famiglia.
          Anna De Santis
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di