Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Anna De Santis

Primavera

Saprò dal profumo del glicine,
dal mio prato fiorito,
da quel cielo di un blu infinito
che l'inverno è passato,
dalle rondini in volo,
ma chi dividerà la mia gioia
a chi aprirò il mio cuore,
se ora sono da solo.
Guardo dalla finestra,
saluto con la mano,
ma la gente passa e non resta,
le parole non si dicono più,
neppure gli occhi s'incontrano,
tutto è accelerato,
ed è inutile se l'inverno è passato...
rimane freddo il mio cuore,
un altro anno in fretta se ne è andato.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Anna De Santis

    Trema la terra

    Notte di stelle, dorme il paese,
    tra i lampioni qualcuno passeggia,
    tra quei vicoli antichi,
    la serena nottata e quel clima assai mite
    non si aveva da un mese.
    Ma ad un tratto quel cielo divenne pesante,
    quella notte di stelle un boato scuarciò....
    Non capire più niente,
    la pacifica gente nel suo sonno turbò.
    Fu l'inganno di un sogno, era dura realtà,
    quanta polvere si alzò,
    un momento e l'inferno,
    tutt'intorno d'improvviso crollò.
    Il risveglio non era per tutti,
    e la vita smise di andare,
    nella notte, troppi lutti,
    e la fretta di scappare e non pensare,
    ma girarsi verso amore,
    e ricordi perduti,
    rimane solo un immenso dolore.
    Non rendersi conto che la morte passava,
    in quella notte serena la terra tremava...
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Anna De Santis

      Profumo di te

      Ancor caldo quel talamo,
      profumava d'amore,
      io seduta sul letto a guardarti,
      ne sentivo l'odore.
      Profumo di te, di lei,
      dei respiri il rumore,
      ancor piena la stanza,
      e sentivo il calore.
      Nei tuoi occhi, la voglia di me,
      continuavi a fissarmi,
      ma passavano l'ore,
      io vogliosa e tremante,
      situazione eccitante,
      scrutavo i tuoi gesti,
      diventavo l'amante...
      Poi una mano sul viso,
      un bacio e all'improvviso
      tutto viene normale,
      e sul letto abbracciati,
      non pensare più a niente.
      Non sentire la colpa,
      liberare la mente,
      né futuro, ne presente,
      solamente il mio cuore,
      accelerava i battiti,
      e di nuovo profumo di te e di me,
      nell'estasi d'amore.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Anna De Santis

        Un fiore appassito

        Ho visto quegli occhi,
        sembravano specchi,
        freddi e privi di umore,
        non poteva parlare,
        ne riusciva a reagire,
        voleva morire.
        Han toccato quel fiore,
        senza stare a pensare,
        e l'han fatto appassire
        senza urla, ne lacrime,
        non si è fatto sentire
        e continua a morire.
        Ma bastardo chi pena non sente,
        chi bacato ha la mente,
        chi ha perduto il controllo,
        chi appare e poi mente.
        Sarà dura curare quel fiore,
        per non non farlo appassire,
        far capire che il mostro
        non farà più paura.
        Ci vuol solo l'amore,
        pazienza e calore,
        questa è l'unica cura.
        Finalmente da quegli occhi
        scenderà quella lacrima
        per lavare il dolore.
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Anna De Santis

          La tua bocca

          Dove ora schiuderai le labbra,
          vita mi regalerai o mi farai morire,
          la tua bocca umida e calda,
          un dolce fremito e la voglia che in me cresce.
          Accarezzami tutta,
          i nostri corpi, come due tralci uniti,
          due acini al sole,
          succo che diventa mosto,
          e pigi ancora ed ancora, quel grappolo maturo,
          nel mio tino che pieno di vino impazzisce.
          Ma ogni cosa bella finisce,
          tu continua ancora,
          sento le tue labbra sfiorarmi,
          più giù, poi ancora su,
          hai ancora mosto da distribuire,
          ed io dolce nettare da gustare.
          Il sole al mattino ci troverà sfiniti,
          ma felici, perché sa amore che ti ritroverò
          e di nuovo a sera... ti avrò.
          Vota la poesia: Commenta