Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Anna De Santis

La meju morte

Ogni anno puntuale c'è la potatura dell'olivo.
Intorno alla mia casa in cima alla collina
un simpatico vecchietto ogni mattina
ci svegliava di buon'ora:
oi signù s'è fattu juorn
ca ce stà Giuann.
Tutti all'erta che è arrivato
non facciamoci trovare impreparati
ecco il vino l'ho portato
e dov'è quel suo bicchiere?
Presto sai che deve bere
questo è l'unico suo vizio.
Cominciava a far baccano alle cinque di mattina
e poi pronta la bisaccia:
ne signò
la si tajata la saciccia
voju pure la frittata
che me faccio na magnata...
Quella era colazione per un vecchio ultra ottantenne
guai a togliergli il suo vino
"rosso sangue chiglu buon".
Lavorava tutto il giorno
sempre col bicchiere in mano
"gliu dottor ha ritt chianu
ma se chell ca me resta è sta stozza e stu vinello
vogliu murì buon e nu poc stunat
un me ce fa pensà
mo me veress n'goppa a chesta pianta
quann m'ha raccumannat
de nun lavurà
dottò; gli aggie rispuosto
è meju a beve vino e a magnà
ca può, può pur faticà
ancora nun si capit
ca voju murì cu stu bicchiere n'mano
ca m'aiuta a campà.
Composta nel 2009
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Anna De Santis

    Quando avrai

    La vita era una terra di conquista
    a pugni chiusi sfidavi tutti
    correndo sulla pista
    non ti fermava niente
    neanche le delusioni
    perché mentre correvi
    a sostenerti
    c'era la tua gente.

    Quelle due ruote sapevano di polvere
    e tutti quei chilometri
    percorsi sotto ogni bandiera
    ma tu passavi con la tua benda nera
    ovunque ti trovava il sole
    e ti accompagnava a sera.

    Un giorno sulla pista
    più non sei tornato
    le lunghe attese di un campione soldato
    di quella guerra che si combatte da solo
    e che nessuno ha mai capito.

    Quando avrai croce sulla tua terra
    capiranno che avevi bisogno
    sì, chiede aiuto anche un sogno
    ma nessuno lo sente...

    Ti hanno lasciato piangere
    e non sei riuscito
    a gestire la vita che avevi subito
    e ti sei arreso.

    Un campione che il vento aveva sfidato
    con soltanto due ruote
    solo... senza avvertire
    se n'è andato.
    Composta nel 2009
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Anna De Santis

      Mi perderò

      Trovo tra i sentieri ombra
      per arrendermi, sostare
      prima di arrivare.

      Mi perderò
      sola nei pensieri, tra i rovi
      dove mi farò male
      così non sentirò ancora
      questo mio dolore
      che non mi lascia più.

      Mi riposerò stanca
      sopra quella pietra
      ancora la meta è lontana
      c'è un piccolo ruscello
      una fontana
      laverò il mio viso
      di lacrime salato e arresa
      un fiore coglierò
      è un barlume di speranza
      che tengo ancora accesa.

      Penso al mio posto preso
      da chi non meritava
      eppure lassù c'è sempre il sole
      sempre ti baciava
      hai già dimenticato chi t'amava.

      Guardo il cielo tra gli alberi
      e continuo a salire
      troverò la strada
      o mi dovrò pentire
      per questo continuare inutile
      verso una meta ignota.

      Intanto in questo momento
      forse mi perderò... e invece
      è quello che io sento
      la mia anima ora, ha bisogno di pace.
      Composta nel 2009
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Anna De Santis

        Gocce amare

        Ancora sento il mio cuore
        voleva uscire dal petto
        l'ho tenuto stretto
        ancora puoi sperare.

        Forse gli ho raccontato una bugia
        e ci starà male
        ma una lacrima scende e sa di sale
        amara come il fiele.

        Ora so cosa vuol dire amare
        uno strappo nel quaderno della vita
        una pagina sbiadita
        per te che te ne vai...

        Rimangono i ricordi
        e conto i giorni
        e ne conto ancora
        ma si fa presto sera
        e ritorna il giorno.

        Sopra il mio comodino
        non tolgo la tua foto
        eppure mi fa male
        vederti ogni mattina
        pensarti e non sei qui.

        Eppure nella mano
        rimane una carezza
        l'ultima fatta
        l'ultima parola detta
        che ancora al cuore duole
        non riesco a dimenticare...
        Ancora spunta il sole.
        Composta nel 2009
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Anna De Santis

          Pentirsi poi

          Mi respiri sul collo
          le tue mani sui fianchi
          un no mai pronunciato
          al tuo amore malato.

          Finalmente al mattino
          quella porta si apriva
          per lasciarmi da sola
          finalmente vivevo...

          Lentamente passavano l'ore
          e dovevi tornare
          lentamente morivo.

          Ma perché l'orologio
          non si ferma stasera
          quella birra bevuta
          la tua mano sudata
          ma io zitta, non potevo strillare
          i bambini non dovevo svegliare
          e con tutta la rabbia che avevo
          di più non potevo...

          Ogni giorno mi ripetevo
          che il coraggio dovevo trovare
          non potevo continuare
          conveniva scappare.

          Quel pentirsi poi
          rimanere da solo
          non ti ha fatto cambiare
          solo precipitare
          in un baratro immenso
          per fortuna ho salvato i miei figli...
          solo adesso ci penso.
          Composta nel 2009
          Vota la poesia: Commenta