Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Anna De Santis

Quel velo

Sulla luce, mettevi sempre un velo, una luce soffusa
per nascondere la voglia sempre più confusa
e chiudevi gli occhi per non guardarlo in viso
ed il pensiero dove andava, quando ti sfiorava
Scivolava sulla pelle e tu come fosse niente
evitavi di pronunciarne il nome
e quel suo chiamarti amore, ma tu sempre assente.
Riconoscevi al tatto il suo corpo e non era quello che desideravi
eppure senza mai respingerlo, continuavi.
Più che un piacere, era una sorta di tormento
che volevi infliggere ai tuoi sensi con un certo compiacimento
perche non trovavi mai il coraggio in quel momento
di dirgli in faccia: basta, non ti sento.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Anna De Santis

    La fine der monno

    Prima, era er caos sulla tera, pareva de stà in una sera
    era calla da fa paura, ma er Signore volle comincià  la sua avventura…
    Nun era plastilina, ma piano piano prese forma,  che ancora  jè fumava tra le mani
    ogni tanto se la guardava e sempre quarche cosa ce mancava.
    Cominciò  a raffreddarse e passarno l’anni,  l’acqua  scoreva senza fa danni.
    Pesci dunque, dentro ai mari, ai  fiumi a popolà la tera
    tante piante e fiori, e finalmente sta meravija  se riempì de colori.
    L’omo mancava, ma pure lui fù creato, jè venne un po’ male, ma presto rimediato
    a quelli che je rimase er pelo, li chiamarno scimmie e a  quelli che je se cavò, li chiamò umani.
    Nun è che prima la differenza se vedeva( diciamola tutta…mo puro)
    ancora ce stà ar monno tanta gente ch’è rimasta uguale
    e nun ha avuto er modo de fa l’evoluzione, forse che a chi ce creò,  je mancò ancora sale
    quindi pe certi, ancora abbiamo questa situazione.
    Manco a fallo apposta, quelli che so giusti stanno da na parte, tranquilli senza tanti  grilli
    pe conto loro, producono e lavorano, senza troppi casini
    quelli che so rimasti senza sale in zucca, ce fanno da padroni, me cojoni
    ecco perché ce ritrovamo n’artra vorta  er caos, praticamente come è cominciato
    grazie a quelli che l’hanno provocato.
    Qua invece d’anna avanti , semo regrediti e quindi er Signore che è grande, ci ha visto perduti
    ha pensato bene, a n’artra glaciazione, o sarà l’inferno,ancora nun se sa
    mo sti Maya se so messi in testa con ragione , che la dovemo finì cor monno, questo qua….
    Nun serve nessun  popolo saggio a dovecce dà sta sentenza
    nun serve niente e lo stamo a vede:terremoti ovunque, inondazioni
    la gente s’è impazzita e nun capisce niente, pe na fregnaccia  ammazza tanta povera gente
    Pe inerzia dunque e  comunque ce s’arriva in conclusione.
    Grazie dovemo dì a ste scimmie che hanno invaso er monno e sta nazione
    penso che finiremo tutti in un  calderone e ce sarà forse na giusta selezione.
    Pochi saranno a rimanè qua in tera, noiartri ce potemo sbatte e gli altri come sanno
    ma quelli ai piani arti hanno forse deciso….e più nun ne  ponno.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Anna De Santis

      mamma

      Appena nata, la parola mamma a stento pronunciata
      sulle labbra nasce come rosa profumata
      cresce con te e s'adorna di colore, di petali e d'amore
      allevia il dolore, cura le ferite inferte al cuore
      sussurrata ogni minuto e mai dimenticata
      quando nel bisogno, quando si raggiunge un sogno
      come una preghiera col bacio della sera
      ti accompagna in ogni tua via, ogni trascorso
      ti fortifica e ti assicura in tutto il tuo percorso.
      Mamma
      Dolce, come zucchero e miele, bevuta tutta in un sorso
      ed è sempre colmo il tuo bicchiere
      ne verserai sempre fino all'ultima goccia e non finirà mai
      appagherà la tua sete infinita, sarà finalmente
      come se sgorgasse da inesauribile sorgente.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Anna De Santis

        La cornacchia

        Hai visto; strilla da sopra er ramo na cornacchia
        ar vecchio e saggio merlo
        mi fijo, che no pe vantamme, s'è fatto proprio bello
        ieri s'è accasato
        co na cornacchina tutto pepe che se l'è beccato e nun lo molla
        hai da vede come lo controlla
        e lui je vola dietro come un cretino
        ogni sui volere un contentino
        Er vecchio e saggio merlo je replicò:
        ormai hai da capì che li tempi so cambiati
        non so più l'omini a cercà de tenè a bada le donne co la clava
        magari er contrario e le femmine l'hanno ben capito...
        bisogna dunque modificà opinione
        anche tra noi pennuti, come ner monno degli umani
        nun ce so più ucelli da chiamarsi tali
        prima come aprivano l'ali
        se sentivano pieni d'onnipotenza
        mo pe tutti nun c'è più speranza.
        So le passere che hanno preso posizione
        e c'hanno su tutti l'artri ucelli pieno controllo
        e c'hai da vede come abbasseno le scelle
        pur de avè da loro un minimo de considerazione.
        De devi abituà cornacchia mia
        dipende da n'do se vede la ragione
        se a dritta o a manca, solo così se trova subito soluzione.
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Anna De Santis

          la cicogna

          Un giorno na vecchia cicogna, che s'era appena appena appisolata
          visto che aveva fatto na brutta nottata
          fu chiamata a rapporto dar Signore.
          Senti mia cara, je disse: me devi da fa un favore
          sta mappatella m'è rimasta senza viaggiatore
          và consegnata presto che mancano poche ore
          vedi tu, quello che poi fà, de te lo so che me posso fidà.
          La cicogna stanca ma obbediente ar suo padrone
          prende la mappatella e na direzione, vola ner cielo senza sentì ragione
          contro le tempeste, er vento er cocente sole, ecco che se ritrova dove vole...
          che desolazione pensa... me sa che stavorta ho sbajato direzione
          qua nun c'è manco l'acqua pe se dissetà, niente che se po magnà
          sto bambino come ce la po fa...
          ai da vede che mo puro er Signore s'è rincitrullito
          co la vecchiaia sbaja a mannà er pacco, mo me riporto via tutto sto sacco.
          Pe vede mejo sperando in uno sbajo, che je facevano l'occhi co l'abbajo
          s'abbassa verso tera... no squallore, tutte capanne lercie che emanavano un fetore
          tanta gente gnuda senza vesti e bambini troppo secchi, tutti co li occhi tristi.
          Oddio n'do mai mannato, qui c'è un popolo disperato
          perché je manni ancora n'artro impiccio, Io lo riporto indietro e mo me spiccio...
          La cicogna tornò tutta sudata, doppo quella volata
          e se trovò sur mare, s'abbassò un poco ma co quer peso rischiò d'affogare
          forse pensò: è la mejo cosa che riportà sta creatura e dovemme giustificare.
          Poi co na mossa d'ali risalì tra nuvole infuocate
          e pregava de trovà na scusa e na ragione pe avecce cambiato direzione.
          Se trovò in cima a na collina, trovò na casa che jè parve carina
          un prato fiorito, un tavolo imbandito, e fece la sua considerazione
          questa è per ogni bambino la giusta condizione.
          na signorina che la guardava e aspettava quanno che se posava....
          Lasciò sur verde prato quella mappatella e aspettò che la ragazza aprisse quella cosa
          ma che sorpresa! Se strinse ar seno quer bimbo, e lo coprì de baci
          e me salutò con un sorriso: mamma mia... che ho fatto pe meritamme mo sto Paradiso...
          La cicogna se riposò felice... aveva trovato na giusta ragione
          pure se aveva poi disubbidito ar suo Signore pensò che sicuramente, sto cambio, era a Lui gradito
          aveva dato er bimbo in adozione.
          Vota la poesia: Commenta