Scritta da: Anna De Santis

Sono acqua di mare

Sono acqua di mare,
spumeggiante e radiosa
che i raggi del sole trafiggie con forza,
ed è un gioco di luce.
Sono onda che danza,
volteggia, spruzza e s'increspa.
Son tempesta che l'acqua impazzisce,
e s'ode il rumore del mare,
tra gli scogli lo schiocco dell'onda,
e poi sopra la sabbia,
dove stampano orme ormai tutto svanisce.
Poi ritorna la calma,
e dal buio profondo del grigio riflesso,
ecco il raggio di sole, che con forza trafigge
e ritorna la luce e il suo splendido azzurro.
Anna De Santis
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Anna De Santis

    Un ombra

    Un ombra, in cerca di te,
    per elemosinare un po' del tuo tempo
    che più non hai per me.
    Un ombra che svanisce a poco a poco
    I suoi contorni,
    passeranno i giorni e sparirà.
    Quanto è fragile questo amore rubato,
    quanto dura la passione
    che ha legato due persone,
    desiderio, possessione,
    poi subentra la ragione.
    Io: un ombra, l'altra donna,
    che è servita nei momenti tuoi più tristi,
    come un ombra vado via.
    Anna De Santis
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Anna De Santis

      Sta storia è proprio vera

      Sta storia è proprio vera,
      quella che nun s'enventa perché strana.
      Quanno che me so fatta donna,
      sempre speravo de famme na famija,
      er ragazzo ce l'avevo, me so sposata,
      co fretta, perche de cullà un fijo m'ero sognata.
      Passarno gli anni e niente,
      e quanno doppo tanto,
      li dottori m'hanno dato sta condanna...
      nun poi diventà Mamma!
      E mo che ce facevo sola co lui,
      io che avevo sempre sperato de fa un fijo.
      Nun me potevo rassegnà a sto destino infame.
      Io che sapevo tutte quelle favole,
      tante canzoncine,
      che avevo insegnato a tante bambine,
      che ce facevo co tutto quell'amore.?
      Me so subito industriata,
      e fatti li dovuti documenti,
      avvertiti tutti li parenti,
      so partita alla ventura ed è stata proprio dura.
      Me so trovata in tera Cilena, dove c'èra un bimbo tutto martoriato,
      denutrito e abbandonato,
      e già era mio.
      Me lo sentivo fino drentro er core, sto fagottello,
      che me stringevo co tutto l'amore,
      e ancora nun ce credevo,.
      Ma più cresceva e più l'amavo.
      Questo è l'unico amore,
      a cui non resiste fiamma,
      vive quà drentro er core
      da quanno che so mamma.
      Anna De Santis
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di