Scritta da: Anna De Santis

Voglio morir così

Seppellitemi là dove onda si frange,
polvere voglio essere, tra sabbia bianca
confusa tra ricordi di conchiglie.
Spargetemi al vento, oltre le nuvole
sull'ali dei gabbiani,
fatemi volar lontano,
dove non ho mai visto terra.
Non piantatemi croce,
voglio una croce nel cuore
di quelli che ho amato
e ricordi di dolcezza donata.
Soffiate le mie ceneri tra le onde
voglio che mi cullino
come quando ero bambina,
tra spuma bianca che increspa l'acqua.
Voglio raggiunger lidi mai visti.
Ogni pulviscolo si spargerà nel mondo.
Voglio morir così.
Anna De Santis
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Anna De Santis

    Ormai nun poi più scenne

    Arrivi co fatica in su la cima
    e poi t'accorgi che hai sbajato strada,
    la stella che seguivi più non era
    eppure da lontano te sembrava
    ormai la vista è bella che annebbiata,
    quanne le cose che nun hai visto prima.
    Mo sei arrivato e nun poi più scenne
    che nun ce la fai, è troppo tardi ormai,
    nun te mette in testa de ricomincià,
    quer che è fatto è fatto, te devi da stà.
    Anna De Santis
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Anna De Santis

      La storia del bimbo Gesù

      Mo ve racconto na storia,
      storia vera che m'hanno raoontato
      quanno ch'ero bambina:
      Maria cor peso de li nove mesi,
      se trascinava sopra quer ciuchello,
      stanca, affamata pronta a partorire.
      Giuseppe suo sposo, preoccupato della moje,
      che ner frattempo avea anco le doje,
      cercava, camminando na casetta
      dove potesse ricoverà.
      Trovò na stalletta.
      Marì, je disse si pe te va bene,
      quà noi ce fermamo, anco perché,
      stanca comme sei,
      er bimbo preme, te devi partorì.
      Maria annuì e scese dar ciuchello.
      Doppo un po' nella Santa Stalluccia
      nacque er Bambinello.
      Bello era bello e pieno de salute
      " grazie A Dio"
      Un bue e n'asinello che staveno lì
      a magnà er fieno,
      cor loro fiato scardarono er Bambino.
      Era proprio carino e tutti li pastori
      passarono de là a rimirarlo,
      co pecorelle, capre e gallinelle.
      Era nato il re dei re,
      ma nessuno ar monno lo sapeva ancora.
      Na stella, proprio in mezzo ar cielo
      co na coda lunga e assai lucente,
      guidò Melchiorre, Gaspare e Baldassarre
      presso quer bimbo santo,
      era proprio un incanto
      e j occhi je brillaveno d'amore,
      tutto s'apriva er core,
      guardanno sto fagotto appena nato.
      La storia quì sarebbe ormai finita,
      e così vissero in gran felicità.

      Invece er seguito ve vojo raccontà,
      perché pe quello che poi ho saputo,
      e che non ci ho capito
      è perché quer Bimbo che pe noi era nato
      pe sarvà tutta l'umanità
      sti stronzi l'hanno processato,
      condannato e flagellato
      crocifisso sopra quella croce...
      Bello era bello ma tutto martoriato.
      Maria co l'artre donne, straziate dar dolore
      avvorto l'hanno in un bianco lenzuolo
      e sepolto dietro a un grosso masso.
      Passarno i giorni, er sepolcro era voto,
      e nella roccia era rimasto un foro.
      È risorto, l'avemo visto, gridarno in coro,
      er padre l'è venuto a chiamà
      portandolo con lui su per il cielo.
      È da là che continua con grande pietà
      a perdonà benevolo le cattiverie dell'umanità.
      Anna De Santis
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di