Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Anna De Santis

Prima elementare 15-09-08

Ormai sei un ometto,
e vien giù una lacrima
pensando a quanto sei cresciuto,
i tuoi sei anni amore
anch'io ho avuto e sempre mi hai chiesto:
Nonna, quando da solo leggerò le favole,
quando dovrò aspettare?
tempo al tempo, a scuola devi andare,
imparare a leggere e pensare,
scrivere in modo giusto,
ascoltare e star composto.
Ricorda questo giorno amore mio,
sarà importante, avrà inizio il tuo sapere
e spero negli anni a venire,
di poterti seguire
nel tuo crescere ed imparare.
Una sola cosa ti auguro con tutto il cuore;
che lo studio sia per te un piacere.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Anna De Santis

    Ammetto di aver sbagliato

    Cos'è che non mi fa ragionare,
    forse il dolore che dentro mi distrugge,
    ammetto solo ora di aver sbagliato,
    troppo ho dato,
    e senza risparmiarmi ti ho dedicato la vita,
    i miei migliori anni.
    Il mio amore per te, unico e immenso,
    e per questi sentimento
    ho rischiato di annullarmi,
    di non avere più una mia vita.
    Quando alla fine ti senti dire che non hai fatto niente,
    le tue parole le sento ancora come eco,
    trafiggono, e nella piaga ancora...
    Perché amore mio, voluto, tanto desiderato,
    perché figlio mio?
    Eppure tutto ti ho perdonato,
    ti ho sempre capito, assecondato...
    forse perché troppo ti ho amato.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Anna De Santis

      Scusa amore

      Scusa amore se ho spiato i tuoi pensieri,
      ho condiviso intimi momenti,
      ma è mancato alla mia voglia,
      al mio desiderio,
      quel dono immenso di esser mamma.
      L'ho vissuto con te,
      ed in me cresceva e nel tuo grembo,
      quel bimbo tanto amato,
      tanto voluto,
      già mio lo sentivo e ti ho spiato,
      confesso, e con te ho sperato.
      Amore mio quel bimbo, è stato un mio segreto,
      tu sai quanto l'ho desiderato.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Anna De Santis

        Ipocrisia

        Ipocrisia è fingere di essere quello che non sei,
        non lasciarsi andare,
        pensare e non voler trasmettere,
        perché filtrare quello che si vuole
        e trattenere.
        Ipocrisia è soffrire per non poter gridare,
        dentro ti fa male,
        non poter dire, fare, amare,
        bisogna fare sempre compromessi
        tra la lingua e cervello.
        "mostrati come sei"!
        Ipocrisia è non dar retta al cuore,
        vivere senza tanto pensare,
        all'anima non piace questa continua bugia.
        Ipocrisia è non avere coraggio di esprimere i propri sentimenti,
        non trattenerli, o prima o poi ti penti.
        Vota la poesia: Commenta