Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Anna D'Urso

Nato mercoledì 17 febbraio 1965 a Palermo (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Anna D'Urso

Pittore d'anima

Il tuo rifugio è un cono d'ombra,
non pensare a lei, tieni la mente sgombra,
accogli le pitture del suo cielo
non giudicare il prossimo se è sincero.

Prendi la tavolozza del passato,
mischia i colori controvento,
imbratta ancora la tua tela,
vola ancora, è primavera.

Hai permesso che la neve scendesse sul cuore,
sulle foglie ingiallite d'autunno, noir,
dipingi la tua musa con tinte di sole
schizza i colori come fossi Renoir.

Guarda la tua opera, è quasi completa,
manca un pizzico di nostalgia, e poi è la meta,
ma non importa, tu segui l'istinto
di un cuore ferito, però hai vinto.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Anna D'Urso

    Buon compleanno

    La vita gocciola in ogni istante,
    se prima eri un dolce infante
    ti ritrovi con la barba sul tuo viso,
    è passato in fretta il tempo del sorriso.

    Gli anni sono volati via sciogliendo i tuoi dubbi,
    mettendo le catene ai pensieri nobili
    strisciando negli incavi di quel che eri
    han fatto di te un uomo tra i più veri.

    Stilla ancora la tua vita,
    sei solo a metà della salita,
    hai visto le inferriate delle tue prigioni
    aprirsi per far posto a nuove stagioni,
    la primavera di una bella giovinezza,
    l'estate che ha portato la freschezza,
    l'autunno malinconico del dolore,
    l'inverno che ha nascosto il tuo sole.

    Dolce amico che viaggi nella notte scura,
    le gocce della vita non devono far paura,
    bevi dolcemente quel che ti resta
    se non temi un altro inverno, il resto sarà una festa...
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Anna D'Urso

      Scelte di vita

      Nel mondo smarrito segui le orme
      di un nefasto domani che non ha forme,
      del tanto dolore ne fai amore
      il pianto nascosto lo tieni nel cuore.

      A colei a cui hai dato lo strazio infinito
      dona ancora il tuo amore ferito,
      nulla separa ciò che Dio ha unito,
      ma nel profondo del cuore niente è proibito.

      Di vita vesti i tuoi giorni,
      metti il sorriso, ma non torni,
      non leggi le frasi d'amore
      faresti soffrire il suo cuore.

      Le note si alternano strane
      sul foglio del vostro giardino,
      non saprai quanto è verde il destino
      se non avrai mai lei vicino...
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Anna D'Urso

        Il giorno, adesso...

        Una nuova primavera attraversa l'inverno,
        il sole scalda la neve del mio triste affanno,
        mi distendo accarezzata dai raggi del sole
        anche senza te cospargo amore.

        Non venne mai il rimpianto nel mio dire,
        non si piange senza provare amore,
        sei stato la saetta del mio cielo,
        adesso sono in pace dentro al mio cuore vero.

        Il lago è fermo nella foto dormiente,
        la natura tace, sono nella tua mente,
        il freddo mi riscalda, non lo temo
        perché quel che è rimasto nel mio cuore è puro.

        Provvista di sorrisi e scorpacciate di sereno,
        l'estate è nel mio cuore, non c'è neve che temo,
        riposo queste ossa sulla nuda terra,
        adesso che sono spogliata dopo un'inutile guerra,
        sorrido al nuovo oggi che ha sbarrato l'ieri,
        non ci sarà tempesta che porrà dei freni,
        rinasco e mi commuovo guardando il giorno
        che comincio a vivere senza paura intorno.
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Anna D'Urso

          Un anno dopo

          Si avvicina il giorno fatidico,
          vorrei tornare indietro, ma sono in bilico,
          ho dedicato a quel momento versi,
          ma dopo un anno si sono persi.

          Ricordo, come fosse ieri, lo sguardo tuo
          incollato a quello mio,
          il sorriso accennato e il cuore a mille,
          sono l'oggetto che vorresti, volti le spalle.

          Il sogno è ormai finito dietro un vetro scuro,
          il mattino ha cancellato un boccone amaro,
          cosa rimane di " quel momento" ormai vissuto,
          forse un ricordo inciso o mai avuto.

          Mio triste Dio della bellezza in prosa
          non potevi far di me la tua sposa,
          hai scelto la giusta rima da fare
          chiudere gli occhi e lasciarmi andare...
          Vota la poesia: Commenta