Le migliori poesie di Anna D'Urso

Nato mercoledì 17 febbraio 1965 a Palermo (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Anna D'Urso

Mille foglie al vento

Mille foglie volano al vento,
sussurrano parole non dette.
Il sigillo del nostro tempo.
Lacrime che rigano il sonno
Di un sogno mai vissuto,
di un bacio non dato...
i pensieri scricchiolano proprio come
quelle foglie ormai secche,
calpestate dai passi di uno sconosciuto...
scomposte come le ciocche dei capelli di una bambola ritrovata in soffitta...
come un soffio di vento penetrato nel cuore
di chi non può amare, non vuole amare...
Marco...
L'uomo che camminava tra le righe del mio tempo...
Tra le note stonate di una vita ribelle...
Tra mille parole di una sera stellata...
Tra una luna celata da nubi confuse...
Confuse da un sogno che fugge lontano al comparir del sole che illumina il nostro amore...
Anna D'Urso
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Anna D'Urso

    Neve

    A piedi nudi sulla neve seguo le tue orme,
    invisibile parlo di te al cuore,
    brucia la carne al contatto col gelo,
    non importa, il dolore mi rende viva.

    Mi nascondo tra gli alberi secolari,
    chissà quanta vita da raccontare hanno,
    uno scoiattolo impaurito salta tra i rami,
    aspetta con pazienza che passi il gelido inverno.

    Quanto silenzio nella tua valle,
    passeggi tra le fronde col freddo sulla pelle,
    cade leggera la pioggia sulla noia,
    vorresti essere una sequoia,
    saggia sotto il peso dei suoi anni,
    dura contro tutte le tempeste,
    forte e resistente alla tormenta,
    la vita non sempre ci accontenta.

    In alto il tuo sguardo segue il rosso vivo
    di un sogno inciso sulla pelle,
    guardi quell'arcobaleno di colori,
    insegue un temporale tra le stelle.
    Anna D'Urso
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Anna D'Urso

      Pittore d'anima

      Il tuo rifugio è un cono d'ombra,
      non pensare a lei, tieni la mente sgombra,
      accogli le pitture del suo cielo
      non giudicare il prossimo se è sincero.

      Prendi la tavolozza del passato,
      mischia i colori controvento,
      imbratta ancora la tua tela,
      vola ancora, è primavera.

      Hai permesso che la neve scendesse sul cuore,
      sulle foglie ingiallite d'autunno, noir,
      dipingi la tua musa con tinte di sole
      schizza i colori come fossi Renoir.

      Guarda la tua opera, è quasi completa,
      manca un pizzico di nostalgia, e poi è la meta,
      ma non importa, tu segui l'istinto
      di un cuore ferito, però hai vinto.
      Anna D'Urso
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di