Questo sito contribuisce alla audience di

Sentori autunnali

All'esordio di un primo tempo autunnale
ancor tiepidi da flottiglia di nubi
trapelano indeboliti raggi di sole
rutili fronde perseguita un vento
scorazzando tra viottoli avvinati e fumosi.
Ogni pigna è già mosto; pronti ad essere colti
brillano melograni prunosi
scoppiettano le prime caldarroste odorose
inizierà a breve il giro dei frantoi.
Si dipana ancora il filo che corre
tra l'ieri l'oggi e il domani:
cambia modo e tempo la vita
si avvicendano scenari di natura.
Tutto si aggiorna e muta, nel cuore
qualcosa si perde, qualcosa si aggiunge
segue imperterrito il tempo Il suo istinto
che innato e maligno, senza posa,
demolisce spiuma e polverizza.
Nell'oltre vuoto o nel supervuoto
ci saranno cambi di stagione?
Chissà come stanno le cose:
non deve esserci molta differenza
per chi neppure impenetrabili ombre
di accadimenti vede passare.
È nell'annuncio che nasce un fremito
poi in più nulla ci si attuffa, dopo la vampa
vissuto l'acceco tutto rattrappisce
come in ogni vita ignota e impallidita.
Composta mercoledì 5 ottobre 2011
Vota la poesia: Commenta

    Prigioniero di questa sera

    Prigioniero di questa sera
    distratte le vigili ombre
    tiro le somme del giorno
    stappato ad una vita infeconda.
    Quanto ho perso, quanto ho guadagnato
    quanto sudore di pena è grondato
    da questa sterilità straripante!
    Qui il corpo, fermo e pesante,
    l'anima che all'alto aspira
    bipede non si è staccata in volo:
    la gravità si fa sentire
    le esili ali sono fragili e deboli
    per vincerne spinta e resistenza.
    Si spoeta la vita tra stupori.
    Mentre ne rileggo il peggio
    una solitudine mi riabbraccia
    nessun fumo di morgana
    resta nella mano se tenta di afferrarlo
    l'informe sostituisce ogni forma
    che si delinei col suo contorno
    i cristalli pure opacizzano
    se incolumi superano urti mortali,
    poco o nulla da franamenti e smottamenti
    si recupera e resta utile
    e sempre è raro che da'incidenti
    sortiscano benefici venturi.
    Se si svuota nel tempo
    la cassaforte delle illusioni
    la miseria si diffonde
    e un'angoscia resta nel cuore.
    La vita desiderata è appena
    una finta proiezione di sogni.
    Pusillanimi si sosta davanti alla porta
    della verità senza mai entrarvi
    sbirciando dalla toppa
    vedi chiuse le finestre
    del passato e del futuro
    da qualche oblò forse appena giunge
    un timido raggio di presente.
    Non vi è salto che ci sbalzi nell'aldilà
    alla deriva, in un mare di interrogativi,
    tra maree di oscurità e sprazzi di luce
    naufraghi galleggiamo inzuppati di paura.
    Non c'è transumanza o traslazione
    che ci adduca nei cambi di stagione
    del cuore a prati di serenità e quiete interiore.
    Composta domenica 2 ottobre 2011
    Vota la poesia: Commenta

      Quanno d'o campà proprio niente ne vulevo cchiù sapè

      Quanno d'o campà proprio niente
      ne vulevo cchiù sapé
      femmena pazzarella e capricciosa
      da Secunnigliàno si venuta
      pe' cagnà e ndurà sta vita mia.

      Comme 'o sole doppo na nuttata nera,
      quanno cchiù niente allumava
      st'uocchie mieje, luce si arrivata
      survigno e doce tanta vàse prufumato
      stà vocca toja po' m'ha dato.

      Quanta festa pe' stu core sulitario
      ca sulo pe' nu surriso tuoje se cunsola
      ah comme n'apprufitto e me sfreno 'e suspiro
      quanno me staje vicino!

      M'ammuina sulo si me strigne 'e mane:
      si aggià campà comme stà scritto
      d'into 'o libbro d'o destino
      sempe accussì te voglio n'ammurata!

      Sì, si faccio comme vuo' tu, m'ammulucheje
      te dongo aurienza pe' te fa felice
      ma tu riggina 'e stu core
      hé 'a vulé bene sulo a me!

      Me cagnato comme avive sunnato tu
      'o vizio 'e penzà cose triste m'hé luvato
      nu pizzo a riso ogne mumento s'appiccia pe' te
      m'avvampo si chiena 'e tenerezza me parlo
      scelle metto si na goccia d'ammore me daje.

      Pigliate st'ànema ammò' e portala ncielo
      piglia nu nastro culurate 'e sentimento
      forte forte fà nu nureco
      cu na nocca ca nun se scioglie maje
      strigne sti doje vite ca se so ncuntrate.
      Vota la poesia: Commenta

        Per non perderti e tenerti con me

        Per non perderti e tenerti con me
        -quando nuvolaglie o tenebre si addensano -
        l'anima tua e il tuo amore
        nascondo in uno scrigno segreto
        che solo il mio cuore può trovare;
        per preservare le tue forme, un'imago
        sulla pagina dell'infinito la mia mano
        con passione amante disegna.

        Ti appartengo nel bene e nel male
        nell'istante, sempre e ovunque ti amo.
        Su scopri come ti ho scelto e bramata
        e che a tutti ti ho rubata per averti solo io!

        Interrogato dall'aria, dal mare e dal cielo
        sobrio o ebbro sorridendo ho confessato il mio amore:
        le stelle, il sole e la luna nel massimo splendore
        invidiosi hanno tremato per la luce sincera
        che in pupille si accende se t'accarezzo o ti penso.

        Spargiti su di me, cura la mia vita:
        lontana, ascolta come canto il tuo nome
        e da un immenso silenzio
        soave una voce ti dirà che t'amo solo io.
        Che fai Eco mentre chiamo Carmela amore?

        Poi che ti sfioro o ti guardo o ti bacio
        batta il tuo petto per la differenza
        palese tra un'oscurità e un pieno chiarore!
        Ah come non mi ami quando non ragioni
        e dal centro del cielo ti allontani!
        Nella bacheca delle nostre vite avvinte
        Eccelso sai leggeranno domani
        tutto quello che vero solo tu mi hai ispirato.
        Composta mercoledì 6 luglio 2011
        Vota la poesia: Commenta

          Falsi abbagli e similori di tripudi abbandona mia colomba

          Falsi abbagli e similori di tripudi
          abbandona mia colomba,
          sbatti le ali e spicca un volo,
          scorrazza nell'azzurro
          che nel vederti apparire sgombra nubi
          e si infiamma di sole.
          Oh quanta angustia vive nell'antro
          illuminato da ombre di tristezze estreme!
          In alto non vi è limite alla gioia
          del cuore che frulla per amore.
          Alchimie celesti abbiano su te potere
          e ti mutino in sognante dolcezza
          desiderosa di innalzarsi fino al cielo.
          Limpida trasparenza d'aria
          fatti guardare oltre la muraglia del reale
          un distacco a te vicina mi porti
          come un veliero che si avvicini a un porto
          dopo aver vinto la furia del mare.
          Ti attendo nei miei pensieri
          nel presagio di un abbraccio apprendo
          che con non vi è solitudine se mi raggiungi.
          Oh come sorge in petto un'ansia
          e sondo quanto mi manchi!
          Labbra lambiscono una bocca lontana
          gridano le mie vene alla tua mancanza!
          Sei smeraldo, rosa, talismano talvolta vaneggio
          o che trasfuso nel fuoco divino mi regge e fomenti?
          Piuma adagiati su di me
          e confermami che non vi è vento
          lasciami un po' di respiro e voce
          ho tante cose da dirti e manca il tempo.
          Composta martedì 12 luglio 2011
          Vota la poesia: Commenta