Addò vaco

Addò vaco povero a mme
si'a fiamma smorta
d'a speranza
cchiù nun me fa luce,
si tutt'e sbarie
comm'a pampuglie
se porte'o viento
e sempe speruto
annante a nu suonno
'o core scuncertato
cchiù nun dà nu suspiro?
Doppo ca t'a fatto
na capa tanta,
cu priezza'a speranza
t'arravoglia e te carrea
po', busciarda
e stretta'e pietto,
zuoppo e cecato,
fermo a n'angolo d"a vita
senza te ne addunà te sbatte!
'A ggente nun capisce
ca si tu patisce
e pucundria agliutto,
ca si'o core cu ragione
scunocchia e allucca,
nun è certo pè gulio,
ma e pecché sulo malasciorta
l'ha tenuto cumpagnia!
Angelo Michele Cozza
Vota la poesia: Commenta

    Nu ditto antico ancora dice

    Nu ditto antico ancora dice:
    na parola te po' dà spàseme
    na parola te po' dà dolore
    na parola te po' fà paura
    na parola te po' accidere
    na parola... te po' dà'a vita!
    Si tu parlasse che me
    diciarrìa maje stu core tuoje?
    Muresso o campasso?
    Si parlasse l'ammore
    ì o saccio che me dicesse!
    Cchiù nun te sta zitto
    parla, parla fammo sapè!
    Nun siente commo sbatte
    e treme stu core mio pè te
    quanta pena din'a stu pietto mio!
    Damme suonno, damme pace
    ferme stu dolore ca mme daje
    famme campà vicino a te!
    Si me vuò bene nun me fa murì:
    sta rosa senza spine
    ca te manno nun'a scarpesà
    cu'e lacreme mie è cresciuta.
    Angelo Michele Cozza
    Vota la poesia: Commenta

      Risalimenti

      Mi tramortì un duro diniego
      l'amore offeso vidi in agonia
      era un giorno di gennaio
      la vita mia sentii gelare.
      Dèmoni vissero nel petto
      si agitò demente la mente
      la bufera scompiglio la quiete
      con ferro e fuoco devastai;
      nel delirio, il simulacro
      della donna per cui vivo poi
      con carezze orribili sfiorai
      il suo cuore incominciai a lapidare.
      All'amaro calice bevvi, piansi
      lame affondai ferii e feci soffrire
      a trionfo d'ira mi accasciai.
      Ah dove può follia d'amor portare!
      Non essere me
      quanto mi è costato!
      Sentirò mai più
      finestra d'amore che si apre
      al fischiar del mio cuore?
      Oh bocca senza più baci
      sonno che mi è negato!
      E questo dolore da sopportare
      una partenza che forse non avverrà
      lo sporgermi in cerca di qualcuno
      la condanna che devo scontare.
      Perdono di amore dilaghi
      per questa fragile spina dorsale
      che non seppe un giorno
      superare mancanze di luci,
      al cielo che scagliò grandine
      ancora guardi chi vi scorse una stella
      ciò che funghì in fiore si tramuti.
      Non leghiamoci a ciò che annera la mente
      ché v'è sempre un bianco di grazia nel cuore
      e quel che fu e avvenne non è nulla di questo.
      Angelo Michele Cozza
      Vota la poesia: Commenta

        Insisto nel ricercarti ma non sei a due passi

        Insisto nel ricercarti
        ma non sei a due passi
        perché codesta assenza assenzio
        lama affilata che fende e affonda
        che imperterrita, disumana
        non arresta il suo moto!
        Dov'è la bramata tua bocca?
        Non ritrovo le tue mani
        non vedo i tuoi occhi fanciulli
        su di me appuntarsi addolcitati
        volteggia come un rapace
        la tristezza sul cuore ombrato
        presto vorace sarà su di me
        stremato solo e indifeso!
        Mi afferreranno inclemente
        i suoi artigli al venir meno
        delle poche forze che oppongo
        e non potrò neppure più gridare:
        secca è la gola, immobili le labbra
        per aver tanto nel silenzio diffuso
        invocato a gran voce il tuo nome!
        Vivere così non è impresa da poco:
        è come spaccare pietre al sole
        privati di un sorso d'acqua
        ritornare a sera nella propria cella
        senza luci e confidare
        che un muro poi ti ascolti!
        Angelo Michele Cozza
        Vota la poesia: Commenta

          L'amore è morto all'alba

          L'amore è morto all'alba
          di un caldo giorno di gennaio
          lo stesso giorno ch'io
          vivo venni al mondo,
          nessuno venga al corteo funebre:
          il cuore non vuole condoglianze
          lacrime non vedreste
          negli occhi miei prosciugati
          al chiudersi della bara;
          chi pure fu lo seppellirò
          senza una croce a segno
          nel cimitero del bene perduto
          e nessuno saprà poi dove è sepolto
          poiché non vuole né fiori né ceri.
          Oggi chi folle l'assassinò
          braccato dai levrieri della sua coscienza
          impune ancora vaga orgogliosa
          arretrando il sorriso dal ricordo.
          Le lusinghe del suo corpo
          e le bugie della sua mente
          già affila per ammazzare ancora
          l'allocco uomo che è di turno.
          Commemori una targa ricordo
          i suoi misfatti nel viale dell'amore:
          vi passerà viva e rinsavita
          forse un giorno e sarà morta.
          Angelo Michele Cozza
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di