Se il sonno tarda a venire

Se il sonno tarda a venire,
per una contratta abitudine
allo spuntar di solitudini
da un lumicino di fioca luce
guidato, tra le ragne dei ripiani
della memoria mi apparto
e attento vi rovisto.
Frugando tra cianfrusaglie
impolverate, in ordine e catalogati,
tarmati ritrovo i reperti collezioni
trafugati alla mia vita andata.
Sceltone uno a caso,
sciolgo i nodi dello spago che serra
il pacco di carta da imballo da quattro soldi
e con delicatezza certosina lo apro.
Nella paglia affogati, vi son dentro conservati
cocci vitrei di franta giovinezza!
Da tanti pezzi aguzzi tento di ricomporre
l'oggetto distrutto, il quid, il complemento
del tutto che rapportato all'emergente di oggi
a trapassati giorni dia un senso!
Ora i pezzi collimano, prendono forma
parvenze di altri accadimenti!.
Ritrema il cuore indovinando l'allusione
maliziosa a cui rinvia quel puzzle!
Ah inquietudini morte, fossili di ideali bruciati,
interiorità stemperate; larve di illusioni
abortite e non giunte a compimento,
sviamenti... storie d'errori!
Sorretto da un improvvisato puntello
appena svento un crollo imminente!
Con ginocchia fatte d'argilla in piedi resto,
al peso che mi schiaccia e opprime, resisto...
Riavvolgo il tutto, riannodo lo spago;
al cuore serro cartoccio di ricordi.
Il buio emesso dalla notte di un corpo senza luce
si irradia; riparatrice una speranza non accorre,
si oppongono le palpebre immobili
ad altro sogno che non sia menzogna!
Graffiato a sangue
da schegge di trascorsi giorni,
per somma di bruciori perdo i sensi:
a un torpore ben più profondo
del sonno assente, più tardi mi darò arreso!
Angelo Michele Cozza
Vota la poesia: Commenta

    Schezzecheja

    Schezzecheja
    nu cielo annubato e niro
    mena acqua suttile.
    Nanz' 'e lastre  appannate
    i' guardo foro appucundruto
    e veco ca nun schiove!
    Stu juorno malato
    e ca preta nun scarfa
    lento se consuma
    senza nu raggio 'e sole.
    'o core, a curto 'e parole,
    ammuine nun sape fà,
    umbrato e zitto se ne stà!
    Mo  'o cielo se fa chiù cupo
    luntano lampeje;
    nu  remmore surdo,
    quase nu lamiento,
    p' 'e nuvole cammina
    e fa paura!
    Vularrià ca fosse estate
    ncopp'ô  balcone n'ata vota
    vedè panne spase,
    vedè nu cielo
    tutt'azzurro comm'o mare,
    manneche 'e ncammisa
    alleccarme nu gelato senza panne
    chiù friddo 'e sti  vetrate.
    Bello o malamente,
    comm'a vita, 'o tiempo
    sempe corre senza sciate,
    capricciuso cagne
    senza addumannà nient'a nisciuno:
    assulato o scuro, chella ca ce dà
    accussì ce l'avimmo piglià!
    Angelo Michele Cozza
    Vota la poesia: Commenta

      In sosta sul vecchio ponte

      In sosta sul vecchio ponte,
      dal parapetto muscoso e malmesso
      tu spii segui e ascolti
      l'acqua che sotto vi passa.
      Origlia la mente attenta
      lo strepeare di quelle acque.
      Sullo sfondo tremula e vaga
      una immagine muta:
      scompare, si riforma,
      la scompone un gorgoglio
      l'annega un risucchio.
      Giunchi intirizziti e canne
      mezze rinsecchite sorvegliano
      l'indome flutto
      che il pensiero riporta
      a quello invisibile della nostra vita
      che con cadenza frettosa avanza
      e senz'orma durevole lasciare
      mai ci dice dove corra.
      Quell'alto mormorare
      del rivo gonfio
      pare ronzio d'orecchio illuso,
      quelle guizzanti e nivee spume
      ricordano vanesie speranze
      andate in fumo o in malora
      Su mobile specchio crespo
      a tratti riflesso ti miri,
      tremulo pensi a come sei oggi
      e dubiti di essere ieri stato un altro.
      Proteso al passato cenere
      spali memorie seppellite:
      giovinezza e sogni lustri,
      amori dolci cari e superbi
      che per un'ora ti addolcirono il petto.
      Ma sai pure che il tempo pieveloce
      procede in avanti e non si volta
      e così ti inoltri oltre il frangente,
      temi il futuro vago che non conosci
      fragile rifuggi da ogni attimo che crolla.
      Ah l'orizzonte in lontananza oltre la foce
      ove una luce va morendo
      e il cuore ancor vi guarda.
      Inseguendo un indomani che aspetta!
      Sapremo mai un altro modo di essere?
      Vinceremo l'indifferenza che ci riabbatte,
      meno dolente si farà l'oscurità
      che ci viene incontro a gran passo.
      In primavera scenderemo al torrente
      a bagnarci la faccia; una freschezza
      speranza, a rivisitare verrà il nostro volto.
      Angelo Michele Cozza
      Vota la poesia: Commenta

        Imbarchiamoci ancora per la vita

        Languiscono gli ultimi marosi
        spume minacciose si dissolvono
        la bufera è oramai lontana
        altri marezzi placidi respirano
        riconoscibile compare l'orizzonte.
        Lasciamo cuore spaventato
        il molo del pianto e del dolore
        troppo vi abbiamo sostato
        imbarchiamoci ancora per la vita
        dispieghiamo le sfasciate vele
        or che brezze d'amore
        carezzevoli spirano per noi:
        rinfrancati riprendiamo il viaggio
        Vieni amore
        dimentichiamo l'abisso
        e guardiamo il cielo
        imbarcati anche tu
        sulla tolda il timone
        scambiamoci or che sappiamo
        a menadito la rotta da seguire
        non temere altre tempeste
        rinforzata è la carena
        nel buio incontreremo la luna:
        basterà la sua luce a rischiarare
        la carta nautica da seguire, vieni...
        All'àncora in una rada
        poi posa nella mia la tua mano
        e guardami: sorridimi,
        i tuoi occhi a me affissa
        commosso e confuso io vibri
        difronte a ritrovate tenerezze.
        Pensando a quando un giorno
        naufraghi e senza speranza
        ci ritrovò un desiderio di essere.
        Angelo Michele Cozza
        Vota la poesia: Commenta

          'A fantasia

          Quann' 'a fantasia te vene a truvà,
          si avveluto
          e scuntento te siento, comm' 'a nu buono amico essa te stenno 'e mmane
          e, cu nu surriso, affussanno
          tutt' 'e malincunie
          ca pace nun danno
          a l'anima toje,
          nziemm' ' a essa
          luntano te porta
          cu 'o penziero zumpettianno
          commm'a chillo'e nu guaglione
          pe' nu cielo chino 'e stelle
          addo stanno tutte 'e cose belle
          ca vita annasconno e nun te dà!
          "Cammina, cammina
          appriesso a me, vide là
          quanta lucente nce stà!"
          Vulisse afferrà chelli cose
          ca fanno brillà l'uocchie tuoje
          primma ca scumpareno
          e te scurdà, pè nu mumento,
          'o scuntento d' 'o ccampà!
          Sicuro può stà,
          priate 'o core po' cantà
          fino a quanno essa
          te stenne 'a mano!
          Ma comme dint''a vita
          spisso succede
          'o tiempe tuoje è passato,
          cu n'ata appuntamento ha pigliato:
          t'addà lassà, ma quantu bene
          dint'ô prufunno t'ha fatto già!
          Angelo Michele Cozza
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di