Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: A. Cora

Un miglio dal cuore

Sei
passata
in un soffio del
tempo, così come solo fa
il vento

Lasciando parole al silenzio, di
quattro righe soltanto, sul riverso di
carta d'argento

Istanti rubati alla mente, dal folle ardire dei sensi
frasi senza parole, rimaste
su labbra tremanti

Mani dai tocchi intensi, fresco profumo
d'essenza, bocca che
mai si contenta

Delizia saggiata dagl'occhi, pelle
da pelle amata, voglia smorzata
tra suoni e danze d'amore

Distante, un miglio dal
cuore, ma rovente
come un raggio
di sole.
Composta martedì 12 giugno 2012
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: A. Cora

    Sguardo che sorride

    Nel
    suo gentil sorriso
    qualcosa assai colpisce
    Gl'occhi, la mente, il cuore

    Parole più non trovo, ne posizion decisa
    sento crollarmi addosso, un mare di bagliore
    forte, batte il cuore

    In quegl'occhi scuri, or vedo un'alba chiara, sulle
    sue rosse labbra, freschezza
    di rugiada

    Scorgo, sul dolce di lei viso, un'espression felice, pupille
    un po' socchiuse, un po' arricciarsi il naso
    Il biancheggiar dei denti, un sorriso gaio

    Sento sciogliersi allora, qualcosa dentro me
    ch'assaporavo un tempo, ed è
    tornato ancora

    Quello che io provo, per un'istante e ancora
    terrò in mente e in core, è l'espression
    radiosa

    Nata in quel'istante, per rimanere
    viva, di sguardo
    che sorride.
    Composta lunedì 14 giugno 2010
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: A. Cora

      Briciole nel cuore

      A volte
      al'improvviso
      voluto o un po' per
      caso

      Un buffetto sopra il viso, un tocco sopra
      il naso, rivela in tutta fretta, il sapor del bacio
      pur s'è quasi carezza

      E quel che strano pare, in gradevole certezza, nel
      breve già trascorso, è sentire quelle sue dita
      sostare sulla pelle, per tempo ancor
      discosto

      In codesto gesto ardito, di breve dimensione, di
      occhi dentro gl'occhi, di dita sulla pelle
      di briciole di cuore

      Nasce nella mente, minuta emozione
      d'un piacer sottile dipinto
      d'illusione.
      Composta giovedì 25 luglio 2013
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: A. Cora

        Diavolo e santità

        Devi
        parlare dal cuore
        se vuoi che il tutto sia vero

        Non riempire il cielo di solo vane parole
        Che l'aria disperde nel volo
        Nel darti con il corpo, di nulla soltanto vestito
        per intere ore, solo per tuffare il piacere

        Oppure odiami ancora, carenza, è metà cosa, pochezza
        è qualcosa che ignoro, che tutto il fine scolora
        Diavolo e santità, prigione e libertà, codesta è confusione
        che mente sana addolora

        L'amore è completezza nel darsi e nel'avere, fonda le sue radici tra rocce d'un solo colore
        Amore è egoismo, è prepotenza vera, lui vuole tutto o niente
        corpo, cuore, e mente

        Se privi di certezze, del'animo i silenzi, nelle tue
        notti da sola, ad altri offri calore
        Ch'io possa udire il cuore, dei tuoi occhi spoglio
        andare a bussare altrove

        Ti sentirai più vera, nel tuo amare ancora
        sarò io migliore, in realtà che vale
        Udrò carezze vere, la pelle
        sfiorare, negli scambi
        he amano i
        cuori.
        Composta giovedì 6 settembre 1984
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: A. Cora

          Senza copione

          Non
          sono mai
          stato quel'uomo

          Che tu curiosa cercavi
          nel libro azzurrato dei sogni

          Sono finiti quei tempi d'attori senza
          copione, che hanno smarrito parole, non destano
          più emozioni, ne sanno inventare
          passioni

          L'amore non s'apprende sui banchi di scuola, o dai
          buchi di toppe già rotte

          Ma dal viso di quelle donne, che sanno parlare con
          gl'occhi

          Non poniamo altri sassi, laddove han già buchi
          le tasche, perché fanno male, e poi
          si perdon per strada

          Non cercarmi nel senso del'ore, che sanno
          il tempo ingannare

          Ora mi voglio fermare, e
          dai tuoi occhi scuri

          Parole più chiare
          ascoltare.
          Composta sabato 18 agosto 2001
          Vota la poesia: Commenta