Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Andrea Calcagnile

Nato martedì 26 settembre 1995 a Copertino(LE) (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi e in Diario.

Scritta da: Andrea Calcagnile

I ricordi

La nostra vita mai sarà finita,
nemmeno tra secoli di distanza.
I ricordi fissi nella nostra mente,
per sempre vivranno
da vivi nel cuore
e da morti nelle tombe,
o nei nostri posti consumati,
nelle fotografie e nei cuori
di chi ci rammenterà.
La nostra anima è immortale,
in un altro corpo si reincarnerà,
o in cielo andrà,
ma saremo sempre noi,
assieme ai nostri ricordi,
che li rivivremo per sempre.
E chissà, può darsi
che ci rincontreremo
con le vecchie anime del passato,
che abbiamo conosciuto da vivi.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Andrea Calcagnile

    Vento

    Penetra il vento,
    nei canali della nostra mente,
    sgretola via i vecchi istanti,
    sia i migliori che i peggiori,
    nel momento in cui,
    cambiamo patria o destinazione
    o quando siamo insoddisfatti,
    per qualcosa, che ci crea
    una grande lacuna nell'anima.
    Ma non è sempre colpa del vento.
    E a volte, i ricordi migliori,
    vengono demoliti da quelli peggiori
    nel punto fermo, dove navighiamo.
    E par far svanire,
    i ricordi peggiori,
    qualche volta apro la finestra,
    nei giorni di tramontana
    e quando il vento entra
    l'effetto è sempre nullo.
    E allora un giorno cercai
    di scrutare le sue correnti,
    per incalzarlo, agguantarlo e parlare con lui,
    solo che fu impossibile.
    Ma fu proprio in quel momento,
    che notai un cambiamento favoloso,
    mi accorsi che in tutto
    quel tempo perso a rincorrerlo,
    svaporarono via i ricordi peggiori,
    grazie alla mia nuova passione
    di inseguire, il mio amico vento.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Andrea Calcagnile

      Il pomeriggio silente

      Il pomeriggio silente,
      mi spinge verso un paesino
      denso di infiniti frammenti.
      Sono in un vagone,
      ascolto il mormorio del vento,
      che percuote sui finestrini,
      ascolto altre voci che parlano,
      ma il mio cuore ascolta
      solo il sangue che mi scorre
      con tanta destrezza,
      per la passione e la tensione
      che mi cinge dappertutto.
      Ammiro il cielo pacato,
      e un elisir mi avvolge,
      il treno suona l'ultimo colpo,
      sto per arrivare dal mio amore.
      Vota la poesia: Commenta