Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Andrea Asaro

Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Andrea Asaro

Rinascimento

Attraversando il tempo di ogni parola e di ogni sussulto, si rimane con se stessi ad ascoltare ogni nota che ha scritto il cuore, e si ci domanda ogni cosa, se sia stata giusta o sbagliata di aver composto ciò che dentro di noi a voluto scrivere su pelle che si stropiccerà con le lancette della vita. Quando troverai quell'abbraccio per scaldarti, avrai trovato la coperta dell'inverno dell'est.
Composta venerdì 21 dicembre 2012
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Andrea Asaro

    Ogni volta

    Che i miei occhi ti guardano si accendono come se fosse la prima volta. ogni volta che le mie labbra si donano alle tue, e come se baciassi un fiore. Ogni volta che facciamo l'amore, per me e come la prima volta. Ogni volta che le nostre anime si uniscono: io m'innamoro come se fosse la prima volta.
    Composta giovedì 14 aprile 2011
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Andrea Asaro

      Sognando di stringerti la mano

      Sulle sponde dei miei pensieri ti porterò stringendoti sul petto che respira la tua assenza in questa notte dove le stelle si guardano per darsi un bacio. Ti prenderò per mano ancora una volta e nel mio scrigno di vita toccami l'anima, respirami tra i sussurri sfiorati sulla pelle ancora calda di carezze date su lenzuola bianche che profumano ancora di noi. È quando i miei occhi si apriranno per guardare i tuoi scenderanno ancora lacrime per essere baciate dai sospiri del tuo cuore.
      Composta martedì 27 settembre 2011
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Andrea Asaro

        L MONDO CHE VORREI

        Vorrei un mondo che gira attraverso l'Amore dove le cose principali sono i veri valori che tutti noi abbiamo ma che spesso non li usiamo, come l'umiltà, come la sincerità, come la gentilezza che doniamo a coloro che ci sta a cuore, ma bisognerebbe donarla a tutti, perché alla fine la cosa che distingue l'uno dall'altro sono le emozioni diverse anche se tutti li proviamo, ma ognuno a sua volta li rende uniche. Vorrei un mondo dove la gente per strada si donasse un sorriso, ma non solo a coloro che ci fa comodo, ma a tutte le persone che ci passano al fianco, hai bimbi, hai barboni che spesso sono loro che ci strappano un sorriso e pure non hanno nulla. Vorrei che gli Uomini pensassero che tutti gli esseri viventi bisognerebbero proteggerli e non di creare distinzioni né tanto meno di distruggere ciò che la natura ci a sempre regalato. Vorrei un mondo dove si ci saluta anche se non si conosce la persona, ma quanto bello è dice un ciao?, o di sorridere?, o di stringere una mano?. Questi sono dei semplici gesti che rendono quel pizzico di felicità, ma spesso ci priviamo di farlo perché molte volte corriamo senza nemmeno accorgerci che ci sono persone in torno a noi... Vorrei un mondo in cui le barriere architettoniche venissero buttati giù per camminare liberamente in qualsiasi posto dove ogni persona può esprimersi con la sua cultura, con il suo dialogo o costume. È alla fine vorrei un mondo dove la parola non venga mai seppellita, dove il vero dialogo è l'unica arma per far cessare delle guerre inutili che portano solo odio e rancore.
        Composta martedì 27 settembre 2011
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Andrea Asaro

          Sfogliando pagine di vita

          Foglio dopo foglio rileggo pagine di un tempo ormai passato, e leggendo mi accorgo di quante emozioni può donarci un solo giorno, di quanto può essere importante un solo minuto, una parola, una frase, una foto o semplicemente guardare ciò che di bello ci circonda. È la vita stessa che secondo dopo secondo ci regala ogni cosa, tra sorrisi e lacrime, tra amori e amicizie, tra sussurri e respiri rimani sempre affascinato di come può cambiarti la vita una singola persona, una persona con cui puoi essere te stesso, una persona che non ti giudica e che ti ama per quello che sei. Ci sono pagine che scrivo attraverso l'inchiostro del tuo amore, sei tu che rendi le mie giornate piene di emozioni, sei tu che travolgendomi in una sera d'estate mi hai rubato anima e cuore. La pagina più bella è il primo bacio con cui i miei occhi si sono accesi, e come se mi avessi donato la vita, tremante come una fogliolina mi guardavi sotto l'incanto di un cielo stellato dove le mie lacrime di gioia sono diventate fiori profumati.
          Composta mercoledì 9 novembre 2011
          Vota la poesia: Commenta