L'ultimo chiedere

Io ti ho seguito
nel tuo camminare di notte
come un sonnambulo,
nel tuo cercare il passato non tuo.
Io ti ho preceduto
per farti strada,
per evitarti i pericoli
quando andavi sbandato,
e ti ho anticipato
nel prendere al volo le risposte
che non dovevi conoscere,
prima che ti arrivassero,
come schiaffi in faccia.
Io ti ho ascoltato
quando leggevi il cielo
tracciando un cerchio con il dito,
e ridevi felice,
ma con lo sguardo infelice.
Io ti ho dato da bere
per farti ubriacare
quando eri troppo vicino
a conoscere il tuo destino.
E ti ho seguito
nella tua corsa d'odio,
nella tua cecità
e nel tuo troppo vedere.
Ma adesso basta,
sono stanco,
lasciami andare
o fammi crollare
ma esci da dentro di me.
Alexandre Cuissardes
Composta sabato 12 gennaio 2013
Vota la poesia: Commenta

    Il mio carnevale

    Vieni carnevale,
    ho già il costume adatto.
    Diventerò una lacrima,
    grande,
    con un cappello in testa,
    lacrima per tutti.
    Di gioia,
    di dolore,
    per chi parte o arriva,
    per chi si commuove o soffre,
    per chi ha vinto o perso.
    Ferma in un angolo
    ad aspettare un volto
    che mi voglia.
    Alexandre Cuissardes
    Composta sabato 12 gennaio 2013
    Vota la poesia: Commenta

      Il segreto fra me e me

      Ci sono alcune cose che so di te
      ma non racconterò mai,
      ci sono alcune cose
      che vorrei sapere di te
      per tenerle per me.
      Ci sono alcune cose
      che anche se non vere
      vorrei raccontare di te.
      Vorrei conoscere ciò che mi serve
      per tenerti in pugno,
      i tuoi segreti per esserti complice
      i tuoi peccati per essere il tuo confessore,
      i tuoi vizi per esserti padrone,
      ma mentre sogno tutto questo,
      continuo ad inchinarmi ai tuoi voleri.
      Alexandre Cuissardes
      Composta sabato 12 gennaio 2013
      Vota la poesia: Commenta

        Il segreto fra me e me

        Ci sono alcune cose che so di te
        ma non racconterò mai,
        ci sono alcune cose
        che vorrei sapere di te
        per tenerle per me.
        Ci sono alcune cose
        che anche se non vere
        vorrei raccontare di te.
        Vorrei conoscere ciò che mi serve
        per tenerti in pugno,
        i tuoi segreti per esserti complice
        i tuoi peccati per essere il tuo confessore,
        i tuoi vizi per esserti padrone,
        ma mentre sogno tutto questo,
        continuo ad inchinarmi ai tuoi voleri.
        Alexandre Cuissardes
        Composta sabato 12 gennaio 2013
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di