L'annodo confuso

Mi rendo ridicolo.
Faccio ridere gli altri,
volutamente.
Così la gente non mi fa stupide domande,
costringendomi a risposte intelligenti
che tradirebbero chi sono veramente.
Ed anche per non stare a vedermi piangere da solo.
Ma non mi viene sempre bene.
Allora piango,
perché niente mi fa ridere.
E non ricordo perché mi capita di fare ridere gli altri.
Alexandre Cuissardes
Composta martedì 22 dicembre 2015
Vota la poesia: Commenta

    Notti da solo

    Se tu fossi nella mia testa,
    quelle notti che passo sveglio
    e mi scorre la vita,
    solo quella che pretende di essere ricordata,
    col suo peggio vissuto.
    Se mi vedessi al primo mattino,
    che non è mai un risveglio
    ma lo stare ancora sveglio.
    Se sentissi le mie forze
    sempre meno forti,
    e sempre più sole,
    ed il cuore
    stretto in un sacco
    fare un battito appena percettibile,
    stanco,
    che non vede l'ora di partire,
    da solo.
    Se anche solo per una volta tu ci fossi
    e vedessi,
    capissi,
    non mi chiederesti più di dormire accanto a me.
    Alexandre Cuissardes
    Composta mercoledì 16 dicembre 2015
    Vota la poesia: Commenta

      Fine corsa oltre 31

      Dicembre ha sempre l'affanno.
      Sarà per questo
      che arriva ultimo nell'anno.
      Dicono che sia più lento
      forse per quel 31 che si dice pesi molto.
      E poi non si fa un giorno di riposo,
      neppure il 25.
      Deve sobbarcarsi un sacco di feste e di vigilie,
      di gente scontenta,
      o che ha speso troppo.
      Che ha poco da spendere.
      o troppo da pretendere.
      Dicembre però ha l'ultima parola sull'anno,
      e si prende anche un po' di gennaio,
      per togliersi dalle orecchie i frastuoni,
      per smaltire le sbronze degli altri,
      mettere a posto le cose,
      fare pulizia.
      E ricominciare a correre,
      in coda all'anno che verrà.
      Alexandre Cuissardes
      Composta mercoledì 16 dicembre 2015
      Vota la poesia: Commenta

        Una sera a novembre, che i pensieri hanno vinto (la serie dei bicchieri)

        C'è molta gente in sala.
        Anche se il fumo mi impedisce di contarla.
        Ci saranno anche dei ladri.
        Meglio che tenga stretto il mio bicchiere.
        Non posso farmelo rubare.
        Fuori dal mio bicchiere
        va tutto così male.
        Alexandre Cuissardes
        Composta martedì 15 dicembre 2015
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di