Questo sito contribuisce alla audience di

Sto con te

Graffiami il collo,
con amore
ed il mio sarà mal d'amore.
Urlami addosso,
ma per gelosia
e non saranno urla
ma prove d'amore.
Guardami male
se non ti guardo.
Stringimi forte,
quasi a soffocarmi,
ma fermati un attimo prima che mi cessi il respiro.
Scappa da me,
ma fai solo un passo
voltati e ridi.
Dimmi che scherzavi,
che non scappavi,
ma fallo in fretta,
prima che mi si spezzi il cuore.
Composta mercoledì 1 ottobre 2014
Vota la poesia: Commenta

    Sacrificio serale

    Appoggio le labbra ad un bicchiere vuoto
    e faccio finta di bere
    piuttosto che appoggiarle alla tua guancia
    per darti il bacio della buona notte
    e tu fai finta di non vedere che il bicchiere è vuoto.
    A letto guardo dall'altra parte o tengo gli occhi chiusi
    per non vederti spogliare.
    Eppure tu ancora non l'hai capito
    e non mi so spiegare se sei così cieca oppure accetti e taci
    e magari speri.
    Non voglio neppure pensare
    che sia così grande ed ostinato il tuo inutile amore.
    Composta mercoledì 1 ottobre 2014
    Vota la poesia: Commenta

      una cosa breve

      La sua figura si allontana.
      La mia brutta figura resta con me.
      È stato un attimo.
      Vederla,
      vedere quel viso farsi smorfia,
      il sopracciglio alzarsi.
      Anche il mio specchio
      mi avrebbe fatto sentire meno in imbarazzo.
      Né buonasera né arrivederci,
      ciao o addio.
      Il grande problema degli appuntamenti al buio è quando cessa il buio.
      Composta lunedì 29 settembre 2014
      Vota la poesia: Commenta

        Una donna

        Scuote la testa
        ancora prima di sentirmi.
        Il no è per tutto,
        che taccia o parli,
        che offra o chieda.
        E muove gli occhi
        ma solo per guardarsi intorno,
        per non vedermi il viso.
        Ha sempre detestato la faccia dei perdenti.
        Forse quando lo diceva pensavo che scherzasse,
        o mi sopravvalutavo.
        Invece mi avvertiva.
        Composta lunedì 29 settembre 2014
        Vota la poesia: Commenta