Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Alessandro Lemucchi

Scrivere, nato mercoledì 13 aprile 1955 a Tivoli (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Alessandro Lemucchi

Pioggia

Pioggia inconscia amica,
nascondi le silenziose
lacrime del rimpianto.
Bruciano l'anima,
gelido tocco di ghiaccio
versate per una passione
sciolta come cera
sull'altare della ragione.
L'acqua scivola
confonde il dolore
della perdita
di giochi d'amore
visioni tristi
lontane
rallentate dal tempo
mani intrecciate
caldi baci
alla fine il nulla.
Tu che purifichi
monda l'essenza
dagli oscuri fantasmi
di un passato
vuoto e insignificante
porta nell'esistenza
l'arcobaleno
rinascita del seme dell'amore.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Alessandro Lemucchi

    Dimensioni

    La pallida amica intona
    un antico canto.
    Arriva all'essere
    triste melodia
    portata sulle ali
    di uno zefiro lamentoso.
    Demone notturno
    ammalia l'anima
    stanca delusa
    costretta nell'esistenza
    vuota dell'amore
    preda dissenziente
    della solitudine.
    Incantatrice esperta
    sussurra di magiche dimensioni
    dove i sogni si avverano.
    L'anima sorda
    a richiamo di vita
    cede l'essenza
    alla diafana creatura
    si lascia trasportare
    nell'oblio del tempo
    nell'ultimo estremo tentativo
    per trovare pace.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Alessandro Lemucchi

      0ssessione

      I giorni
      scorrono inesorabili
      notti insonni
      interminabili
      solitarie
      cuscino stretto.
      Io sento ancora le carezze
      il profumo della pelle
      vellutata
      un petalo di rosa
      i baci
      ambrosia destinata agli Dei
      con ingordigia assaporata.
      Sei qui
      il ricordo è palpabile
      non ho saputo
      chi fossi veramente
      non importava.
      Io volevo
      l'estasi della lussuria
      aggrappato ai ricordi
      una scena rimane
      libera come una farfalla,
      un sorriso uno sguardo
      una porta chiusa.
      L'ossessione
      nel sogno continua
      persiste.
      Io aspetto.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Alessandro Lemucchi

        Vita

        Stella morente nuova vita anela
        e all'uomo ora palese appare.
        Sotto il riflesso
        dell'argenteo disco
        tocco vibrante
        di candida mano
        il corpo trema
        rosse le gote
        pudico segno
        di purezza
        non ancor violata.
        Labbra tremanti
        timidamente dischiuse
        tenero bacio
        brivido caldo sconvolge le carni.
        Corpi avvinghiati
        luce argentea illumina
        giochi di ombre confuse
        nella radura dell'infinito.
        Gemiti
        canto d'usignoli
        rompono il silenzio
        calda pelle
        nuovi orizzonti
        la bocca esplora
        in avida lussuria
        disseta i sensi alla fonte del piacere
        il caldo nettare della creazione
        riempie il vuoto.
        L'intenso desiderio comanda
        sulle note dell'atavica melodia
        l'antica danza continua
        oscillano volteggiando nell'aria
        anime fuse
        in armonica intesa.
        Nell'attimo luce dorata
        irradia l'universo
        energia si rinnova.
        Un ciclo si completa
        un altro ne inizia.
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Alessandro Lemucchi

          Il giullare

          Nella scrittura mi diletto
          delle parole non ho difetto
          nella scelta sono incerto
          del vocabolario il consiglio accetto
          una rima una strofa e un sonetto
          ecco fatto il poemetto
          un mago una fatina e un folletto
          una favola racconto
          son giullare sempre pronto
          le lacrime nascondo
          frizzi e lazzi celano il tormento
          dell'amore il fallimento
          orsù con le ciance di dolor
          io vi annoio da voi mi congedo
          o al patetico cedo
          col liquor
          alla tristezza porrò rimedio.
          Vota la poesia: Commenta