Poesie di Alessandro Bruzzi

Agente Immobiliare, nato mercoledì 2 luglio 1975 a Carrara (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: BrutalBruzzi

Solitudine compagna...

Sento il rumore dei
Suoi passi,
Lei è sempre con me.
Gli piace la mia compagnia,
non farebbe mai a meno di me.
Io la detesto e Lei lo sa.
Ma non gli importa niente di
Quello che penso.
Il suo scopo è quello di non
Lasciarmi finché vivrò.
Ho cercato varie volte di fuggire ma
Lei in qualsiasi maniera è sempre riuscita
a raggiungermi.
Quando bevo non sento più i suoi passi,
a Lei l'alcool non piace,
si allontana un po' e aspetta di tornare,
e torna sempre, puntuale all'appuntamento.
Strano il mondo,
ci sono persone che la cercano disperatamente
e non la trovano.
Troppo facile;
Lei non ama chi la ama, Lei è un po' sadica,
si fa sempre trovare da chi ne vorrebbe stare alla larga.
Un giorno la
Ucciderò.
È il mio scopo
Nella vita.
Alessandro Bruzzi
Composta mercoledì 28 giugno 2000
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: BrutalBruzzi

    Solitudine compagna...

    Sento il rumore dei
    Suoi passi,
    Lei è sempre con me.
    Gli piace la mia compagnia,
    non farebbe mai a meno di me.
    Io la detesto e Lei lo sa.
    Ma non gli importa niente di
    Quello che penso.
    Il suo scopo è quello di non
    Lasciarmi finché vivrò.
    Ho cercato varie volte di fuggire ma
    Lei in qualsiasi maniera è sempre riuscita
    a raggiungermi.
    Quando bevo non sento più i suoi passi,
    a Lei l'alcool non piace,
    si allontana un po' e aspetta di tornare,
    e torna sempre, puntuale all'appuntamento.
    Strano il mondo,
    ci sono persone che la cercano disperatamente
    e non la trovano.
    Troppo facile;
    Lei non ama chi la ama, Lei è un po' sadica,
    si fa sempre trovare da chi ne vorrebbe stare alla larga.
    Un giorno la
    Ucciderò.
    È il mio scopo
    Nella vita.
    Alessandro Bruzzi
    Composta mercoledì 28 giugno 2000
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: BrutalBruzzi

      Sognando l'Estasi...

      Il tintinnio del ghiaccio contro il
      Vetro del bicchiere,
      il Jack Daniels che scivola sulla lingua
      giù a bruciare la gola,
      Lei che si spoglia nella penombra della camera da letto.
      Pochi attimi ancora
      e i due corpi in un abbraccio vorticoso
      Pelle contro pelle
      Saggiando il sapore di quello che sarà poi
      Un orgasmo senza fine.
      Come precipitare dalla parete rocciosa di una montagna.
      Sprofondare nel mare oscuro delle emozioni,
      dei sensi,
      tremando non di paura ma di piacere...
      Cercare la sua bocca,
      scivolare sui seni con le labbra,
      e rimanere in estasi ancora una volta tra le sue gambe morbide...
      Con il sapore del Jack Daniels
      Sulla bocca,
      Senza mai stancarsi del sudore,
      Continuando sino all'apoteosi dei sessi...
      Nella penombra della camera da letto,
      di nuovo il tintinnio del ghiaccio contro il vetro del bicchiere...

      Sognando l'Estasi!
      Alessandro Bruzzi
      Composta venerdì 25 maggio 2001
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: BrutalBruzzi

        Soffiami un bacio

        Soffiami un bacio
        voglio vedere le tue labbra
        danzare sotto il sole d'Estate,
        voglio vedere i tuoi occhi di luna
        sotto il cielo notturno di Luglio.
        Soffiami un bacio
        anche se sei lontana...
        sarà il vento a portarmi il tuo profumo.
        Voglio tutta la tua essenza
        bere la tua dolcezza
        ubriacarmi con la tua voce...
        Soffiami un bacio
        come un soffio leggero
        che mi toglie il respiro...
        Soffiami un bacio
        e nulla poi ti chiederò più
        perché uno solo dei tuoi baci
        vale più di mille carezze...
        Soffiami, Soffiami, Soffiami un bacio!
        Alessandro Bruzzi
        Composta lunedì 24 giugno 2002
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di