Poesie di Alessandro Bonfanti

Studente, nato giovedì 7 dicembre 1989 a Desio (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi e in Racconti.

Scritta da: Alessandro Bonfanti

Tra la folla

Attorniato da una miriade di persone normali
puoi scovare in mezzo quella folla,
magari un po' nascoste,
delle anime speciali.
Alcune ti regaleranno soltanto qualche splendido momento,
altre diverranno i tuoi migliori amici
e ti seguiranno in ogni passo della tua esistenza.

Prego perché ognuno su questa terra
abbia accanto a sé qualcuno di speciale
che lo guidi e lo protegga durante la vita,
così come io ho affianco a me
voi, persone stupende
che non finirò mai di ringraziare
per tutto ciò che mi donate
e l'unico modo che trovo io di sdebitarmi
è scrivere queste piccole poesie
sperando soltanto che vi piacciano
e che altre anime nobili come voi
le possano leggere e apprezzare.
Alessandro Bonfanti
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Alessandro Bonfanti

    Eppur respira ancora

    Il mondo si sta vestendo di cieca pazzia.

    La voglia di vivere si sta addormentando sotto la luce di un falso sole,
    l'indifferenza vuole sopprimere i colori dell'anima,
    il mondo pensa di poter fare a meno di Dio,
    il mondo pensa di essere Dio.
    Il mondo si sta vestendo di cieca pazzia,
    non aspettiamo troppo, è quasi pronto ad uscire,
    il mondo si sta vestendo di cieca pazzia.

    Stiamo iniziando ad odiare i nostri fratelli:
    la sua bocca coperta dalla superbia sputa parole di odio e di intolleranza.
    Crediamo di poter continuare ad insultare Gaia:
    il cemento lo sta soffocando come un sacchetto sulla faccia.
    Preferiamo sembrare piuttosto che essere:
    i lunghi pantaloni alla moda lo fanno inciampare.
    Dopo duemila anni non abbiamo ancora capito che la violenza non risolve nulla:
    la guerra gli sta moncando le gambe più di una mina antiuomo.
    Il mondo si sta vestendo di cieca pazzia,
    stiamo vestendo il mondo di cieca pazzia.

    Eppur respira ancora.
    Attraverso i pesanti guanti riesce ancora a sentire la freschezza della neve,
    Nonostante abbia le orecchie coperte riesce ancora ad udire la musica ritmata e profonda dell'amicizia.
    I bambini e quelli che pensano come loro fanno di tutto per fregare i vestiti al mondo:
    loro sono dispettosi, gli vogliono bene.
    Anche se è chiuso ermeticamente riesce ancora a sentire l'odore
    penetrante dell'amore che gli invade i polmoni e il cuore.

    Fratelli, compagni, il mondo ha la febbre alta,
    aiutatemi a svestirlo, dobbiamo far scendere la temperatura.
    Non aspettiamo troppo, amici, è già molto malato.
    Dobbiamo raffreddargli la fronte:
    prendete un po' di pace bianca e ghiacciata.
    Dobbiamo mettergliela sulla fronte, sentite come scotta.
    Non rinunciate mai a provarci.
    E continuate a guardare se il termometro sale ancora.
    Non possiamo rinunciare a provarci, per nessun motivo.
    Ma io so che non desisteremo, ci proveremo sempre,
    finché l'ultimo suo capello sarà ancora vivo!
    Alessandro Bonfanti
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Alessandro Bonfanti

      Utopia

      Pazzi ci grideranno,
      perché vogliamo un mondo di pace
      senza far scorrere una goccia di sangue.
      Incoerenti ci calunnieranno,
      perché vogliamo essere tutti uguali
      senza elidere, ma valorizzando, le nostre diversità.
      Blasfemi ci accuseranno,
      perché vogliamo portare il peso della croce
      senza smettere di volare con la libertà che essa ci dona.
      Utopistici ci chiameranno,
      perché vogliamo guardare nel futuro
      senza perdere il contatto con la nostra madre terra.
      Continuiamo a vivere la nostra utopia,
      forse realizzeremo solo un granello di sabbia
      del mondo che vogliamo creare,
      eppure un granello di sabbia
      può contenere più amore
      dell'intero universo!
      Alessandro Bonfanti
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Alessandro Bonfanti

        Amicizia

        Imperatrice di tutti i sentimenti
        sincera come l'acqua,
        dolce come la brezza,
        solida come la terra,
        pura come il fuoco.
        Queste parole non riusciranno mai a far capire
        quanto tu sia bella,
        per questo ti chiedo di entrare nel cuore di ogni creatura
        e di restarci per sempre.
        Perché tutti possano capire che con un amico
        e possibile cambiare il mondo
        e anche se stessi...
        Alessandro Bonfanti
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Alessandro Bonfanti

          Alle persone più care

          Delle volte ho paura
          che qualche trabocchetto della vita ci possa separare,
          che i nostri corpi prendano strade diverse e molto lontane;
          ma poi ricordo
          che il cuore che Dio mi ha donato ha un ampio ingresso,
          ma è privo di uscite.
          Perciò voi che in questi anni vi siete entrati
          rimarrete lì per l'eternità.
          Anche se le nostre strade ci proietteranno in ogni parte del mondo
          le nostre anime resteranno sempre unite.
          Nemmeno la morte riuscirà a dividerci
          perché quando avrò bisogno di voi e voi di me
          basterà restare un attimo in silenzio
          per udire i nostri cuori che battono assieme
          e il nostro sangue che si mescola,
          diventando più vivo e forte,
          pronto a superare ogni ostacolo
          che la vita ci porrà davanti.
          Perché al fianco di persone che ti vogliono bene
          è possibile superare anche la più alta e ripida delle montagne.
          Alessandro Bonfanti
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di