Virgilio

Le mule de Trieste

Le mule de Trieste...
le profuma de mar...
le ga el sorriso che fa inamorar...
le mule de Trieste...
xe mame... fie... none...
amanti e donne...
donne de perder la testa...
Le mule de Trieste
xe rose profumade...
xe el camin acceso...
nele brute giornade...
Le mule de Trieste...
te le vardi nei oci...
e xe come el mar mosso cò' xe Bora...
e come onde... le te trassina fora...
Le mule de Trieste...
xe quanto de più bel e semplice ghe sia...
come la luna de gennaio...
come un fior...
come el mar...
come una vecia fotografia...
come l'amor...
come l'amicizia...
come la lealtà
e la nostalgia.
Alen Drastiko Domancic
Composta mercoledì 30 novembre 2011
Vota la poesia: Commenta

    Il funambolo

    E cammino su questa fune
    tesa e sospesa
    mi muovo leggero
    vado avanti...
    per quel che sono
    non ricordo più chi ero.
    Questa fune è la mia vita
    ed io sono equilibrista.
    Vi chiederete se ho paura...
    certo amici ne ho tanta
    ... eppure ne ho fatte di acrobazie...
    senza rete, senza salvezze...
    senza nessuna sicurezza...
    Posso andare solo avanti...
    con equilibrio e simmetria
    passo dopo passo lascio il ieri
    e il domani... sia quel che sia...
    E voi mi guardate con il fiato sospeso
    con i piedi per terra
    e i visi per aria.
    Ma se questa è stata la mia vita
    questo il mio destino
    io vi saluto con l'inchino
    di chi non ha più niente da dire...
    e a voi non resta...
    che applaudire.
    Alen Drastiko Domancic
    Composta mercoledì 30 novembre 2011
    Vota la poesia: Commenta

      Luna

      Pallida luna che sorgi a sud...
      mentre il sole declina sul blu...
      raccontami le storie di questa città...
      di innamorati che ti han osservata...
      dei loro baci nella notte...
      che ti han incantata...
      di racconti di vecchi marinai ubriachi...
      che han visto terre e oceani e ora son stanchi...
      Stanchi di errare intorno al mondo...
      stanchi di narrare le stesse cose...
      perché si sa che sulle loro tombe...
      non crescon le rose...
      Raccontami di donne ai cigli della strada...
      delle loro storie...
      delle loro lacrime come rugiada...
      Silenziosa luna... dai pallidi raggi...
      raccontami di avventure... di lunghi viaggi...
      Raccontami di lei... se sta dormendo...
      se pensa un po' a me... se sta sognando...
      raccontami di lei, ti prego, ancora un momento...
      dalle un bacio...
      e sarò contento.
      Alen Drastiko Domancic
      Composta mercoledì 30 novembre 2011
      Vota la poesia: Commenta

        Ancora tu...

        Bagnata, ruvida come l'alba di settembre
        Ancora tu... ancora, come un miserere
        Rubo gioia dai tuoi sorrisi e luce ai tuoi
        Brillanti sguardi...
        Ancora... e ancora... come un ladro di felicità...
        Riempi, ti supplico di eterno il mio tempo... di te la mia solitudine
        Ancora... e ancora tu... sempre.
        Alen Drastiko Domancic
        Composta martedì 27 dicembre 2011
        Vota la poesia: Commenta