Scritta da: Brunason

'Na maggia

C'era 'na vorta...
Che cc'era? - me dirai.
C'era 'n omo.

N'era 'n omo forte,
N'era 'n pezzo d'omo.
No, no.

Se voi pensa'
ch'era speciale,
'mbè, ascorta.

N' era male,
ma pperò n' era manco ricco
o 'n po' 'mportante.

Era 'n omo normale,
come tutta l'artra ggente.
'Nsomma, n'era proprio gnente.

Ma era' n omo
bbono come er pane,
sempre a ride'
come 'n regazzino.

Ogni vorta che ce parlavo
era gasato come quanno
stai davanti all'arbero de Natale,
a sartella' ggiulivo
'n mezzo a tutti que' regali.

'Na ggioia pe' l'occhi,
'na ggioia pe' l core!
A' avecceli così!

Dorce de core,
bbeato lui,
che Dio' o bbenedica!

Je paiceva sempre
D'aiuta' la ggente.
Falla ride' pe' distralla,

pe' guarilla da qu'a malattja
che tanto aggrava er core
a 'n botto de ggente.

Qu'a tristezza cupa,
che te prenne a 'n tratto
e te rode dentro.

E t'affanna,
e te 'nquieta,
che te senti 'n peso che t'attera.

'Na cappa nera, tutta scura
che toje er fjato
e t'addolora.

Embè? N' c'o sai?
T'arrivava quello
e te faceva ride', ride', ride'.

E 'm po' pe' ggiorno
'a malinconia
se n'annava via,
senza fa' 'n fjato.

'Na cosa strana, t'o dico io.
'Na bbellezza, 'n incanto.
'Na vera maggia!
Ada Ferrante
Composta giovedì 4 febbraio 2010
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Brunason

    Un coravaccio nero, nero

    Aò aripijate, amico mio!
    E ridi 'm po' tesoro bbello.
    Stai sempre serio, scuro, scuro.
    C'hai sempre er muso, freddo e duro,
    che me pari 'n marmo.
    E dai! Nun te pija' troppo sur serio.
    Chè qua, fijetto bbello,
    tocca sta' co' questo e quello.

    Quarche vorta tu, si nun me sbajo,
    me sembri 'n corvaccio nero nero,
    coll'occhiali scuri, tutti d'oro,
    appollaiato sopra 'n melo,
    che se ne sta zitto zitto a aspetta'
    cor dito pronto, già ppuntato
    a guarda' tutti sempre a muso duro,
    coll'occhio torvo, cupo e corrucciato.

    Ma ora dimmi come mai, fijetto bbello,
    me sembra sempre de senti' pesante e tetro
    er fjato tuo che freddo spira sur mi collo?
    A ggià me so' scordato: non ne poi fa' meno
    dato si che tu s' solo 'n corvo!

    "Ecchili là! So' sempre quelli.
    'N gallo cieco, 'na papera sciancata,
    quarche gallina spennacchiata.
    E vedo anco du' pore oche, giulive e tonte,
    che se ne vanno a braccetto,  tera, tera,
    co 'n pollo spelacchiato a becchetta' pe' l'aia.
    'N somaro che 'n fa altro che raja',
    'na capra nera co 'a barbetta,
    'na caterva de coniji 'n gabbia, stretti stretti.
    'Na pecora tosata rasa, rasa,
    che invece de fà er latte dà' a marmellata.

    Aò, mie care bbelle, non c'o sapete?
    Me possino cecamme si 'n capite
    che state anna' de male 'n peggio!
    Mò v'o spiego io, che so' de ccerto
    er mejo dotto che ce sta a 'sto monno.
    Tutti l'altri poeretti, voi compresi,
    so' somaroni insursi e zzoticoni.
    E pperò se credeno, che spocchiosi,
    d'esse' 'nvece 'n sacco cari e bboni.

    Guardateve da esse' bbonaccioni
    nun ce pensate manco da lontano!
    Sappiatelo pe' certo, mò v'o dico,
    che a 'sto monno nun se pò esse' mai festosi!
    So' solo i grulli a esse' contenti
    se stanno sempre 'n pace un po' co' tutti,
    legando co' li grandi e li piccini.
    Ma ch'è 'sta cosa, nun ve vergognate?
    Sempre a balla'  e canta' come i bambbini.
    Solo li scemi se la ridono de core
    senza pijasse appena 'n batticuore.
    Non c'hannno mai 'no straccio de pensiero,
    'n timore o 'n po' de pena:
    so' sempre allegri, salterelli e luccicosi
    senza sentirsi nianco un po' cretini!"

    E mò guardate a me che so' er mijore
    e tutto er giorno scruto e medito ner core,
    pe' scopri' che so' 'na bestia nera nera
    e me ne pento e me ne vanto e nun c'ho pace
    si l'artri nun s'affliggono, rompendo assai,
    e nun se ripuliscono, piagnenno, de le macchie scure
    che offuscano er sole dentro ar core,
    blaterando a destra e a manca de li vizi e de le macchie ".

    Aò, nun te preoccuppà, stà bbono!
    Ecco, c'arrivo e mò finsco, 'bbello mio.
    Tu dai consigli a carrettate, giudizi a vagonate.
    Te dà fastidio tutto e tutti, nessuno sa le cose mejo de te.
    Ma guarda, corvo mio, tu pesi l'artri
    co' 'na bilancia strana, un po' farsata
    senza vveddettee 'n po' allo specchio, veramente
    e nun te carcoli da solo mai pe' gnente
    e te dirò, a me me pare anco de vede'
    che te ne freghi de tutta l'altre gente.".

    Aò c'è 'n'antra cosa,
    'na notarella fresca, fresca de giornata.
    Che c'è? Che me voj dì?
    Che 'sto romano nun se po' senti'?
    Embè, che ce voj fa'?
    So 'na romana solo pe' metà!
    Ada Ferrante
    Composta lunedì 17 gennaio 2011
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Brunason

      Un altro anno

      Un altro anno è ormai andato
      e molti giorni ho già scordato.
      Feste e lutti vi ho lasciato
      canti e pianti là nel passato.

      Come un vecchio assai arguto.
      tante cose ho ormai vissuto.
      Molte nuove ho conosciuto,
      cento sogni, ahimè, ho taciuto.

      Mille gioie ho condiviso
      Musica, danze e tanto riso.
      E se sono un poco inviso
      A mala sorte fò buon viso.

      Troppi dolori ho ricevuto
      E poca gioia ho veduto.
      Andando avanti sì avveduto
      ho visto l'anno in modo acuto.

      Quanti amici ho tanto amato
      solchi a mille ho tracciato!
      Quanto amore ho seminato!
      E quanto amore tu hai dato?
      Ada Ferrante
      Composta domenica 2 gennaio 2011
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Brunason

        Uscita di scena

        Come un funambolo solitario
        che cammina con grazia
        sulla fune sospesa nell'aria,
        procede.

        Un passo, un altro.
        Avanti e avanti.
        Ogni giorno più esitante
        appena un po' tremante.

        E ancora avanti,
        con fermezza.
        Soltanto un po' di trepidazione
        già quasi in confusione.

        La folla sotto di lui
        si agita e urla.
        Chi ride, chi fischia
        chi bestemmia, chi lo insulta.

        E avanti, ancora.
        Ormai pura sopravivenza.
        Se osasse guardare,
        solleverebbe in alto lo guardo.

        È sera.
        È così stanco, ormai.
        Riposo, sollievo.
        È l'unico desiderio.

        Un altro passo.
        Vacilla, si ferma.
        Vibra la corda,
        ribelle s'impenna.

        Un brivido mortale
        lo agghiaccia,
        quasi un segnale.
        Com'è lontana la meta!

        Allora barcolla, stremato.
        Malfermo e insicuro,
        sulle gambe piagate.
        È così spossato!

        Un sospiro.
        Si ferma, osa.
        Guarda giù
        arditamente.

        Un salto vertiginoso
        inesorabile. Lo attrae.
        Chiude gli occhi,
        ha smesso di tremare.

        E poi il nulla.
        il caos, il vuoto.
        Ora ha smesso di camminare
        e ha imparato a volare.
        Ada Ferrante
        Composta domenica 26 dicembre 2010
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di