Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Giorgio Baiardi
Non avevo motivi particolari, quel giorno, per seguire l'istinto e arrivare fino a te. Forse perché era stata una giornata di sconfitte e le tue parole mi avrebbero fatto bene. Attraversando il viale alberato, mi resi conto di quanto avessi vissuto, lottato e perso nella vita e questo, mi aveva regalato occhi malinconici. "Si sente bene?" Un signore mi stava guardando con aria interrogativa. Non avevo di certo un'aria a posto. Mi diedi un contegno e proseguii, verso di te. Arrivai al tuo luogo di riposo, dove tutto è silenzio e percepii una grande serenità dentro. Eccole le tue parole, ne ero sicuro. E ancora una volta, il pensiero di te mi acquietò l'anima.
Vota la frase: Commenta
    Scritta da: Giorgio Baiardi
    Se la mancanza di te, mi fa pensare ad una tua collocazione nel mondo indefinita. Nell'ovunque, tu rimani qui. Sei qui con me. Perché nell'ovunque, hai ali per raggiungermi, occhi per rischiarare il mio buio. Per confortare e rassicurare la tua assenza. Nei mancati baci, nelle separazioni dei cuori, nel tepore degli abbracci, la tua voce. È come una dolce carezza, ripetuta, ripetuta e ripetuta. Quando riempivo le tue labbra, della mia bocca e la mia mente smemorata, sbiadiva le emozioni, che ritornano invece, così limpide e vive ora. Se la mancanza di te, ti riporta qui, dentro il mio cuore dal quale mai te ne sei andata, questa impossibile mancanza sembra asciugare l'interstizio. Sei come una stella nel cielo, così lontana. Ma così vicina.
    Vota la frase: Commenta