Questo sito contribuisce alla audience di

Le migliori frasi di Antonino Gatto

Libero professionista, nato martedì 16 maggio 1972 a Barcellona Pozzo di Gotto (ME) (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Poesie, in Umorismo, in Racconti, in Proverbi e in Diario.

Scritta da: Antonino Gatto
Questo augurio, forse, ti arriva fra tanti,
e potrebbe non essere fra quelli importanti,
ma tu lo ricevi per il mio desiderio,
di donarti qualcosa, e farlo sul serio.

Prima di tutto desidero, chiederti perdono,
per non essere stato un poco più buono,
per le mie carenze, e per la mia assenza,
per averti fatto perdere un po' la pazienza.

In questo anno siamo stati, tutti un po' presi,
vittime della crisi, ed un po' più indifesi,
ma l'unica cosa che non ci è mai mancata,
è la nostra amicizia, sempre più rafforzata.

Oggi alle porte di questo nuovo anno,
ti dono i miei auguri, per le feste che verranno,
e mentre tu leggi queste mie parole,
io spero di dare un emozione al tuo cuore.

Quando brinderai, io non sarò lì vicino,
ma mentre alzerai, al nuovo anno, il buon vino,
ricordati un istante fra i tuoi mille pensieri,
che il mio cuore è con te ancora oggi, e più di ieri.
Composta domenica 20 dicembre 2009
Vota la frase: Commenta
    Scritta da: Antonino Gatto
    Sono nato col tuo profumo addosso,
    ed il mio inconscio non lo ha mai dimenticato,
    a differenza dei miei gesti quotidiani.

    Ti ho desiderato,
    come il più grande amore,
    quando ancora l'amore non sapevo cosa fosse.

    Ti cercavo,
    e sempre ho cercato le tue braccia,
    quando la vita mi spegneva le sue luci.

    Oggi che il tempo, ha solcato la mia pelle,
    ancora e più di prima, nel silenzio,
    non posso fare a meno della tua presenza.

    Mi basta guardarti negli occhi
    per leggere il tuo cuore,
    e capire il senso di tutto questo amore.

    Il cordone ombelicale della vita
    non si spezza
    perché tu mamma vivi e sempre vivrai dentro me!
    Vota la frase: Commenta
      Scritta da: Antonino Gatto
      Quante volte mi sono persa
      nel ronzio dei miei pensieri
      nelle notti solitarie
      che ho trascorso senza te.
      Ho fatto l'amore lungo i viali
      e nei posti più inconsueti
      con tutti gli occhi che ho incontrato
      che mi parlavano di te.
      Ma ero sola e tu non c'eri,
      e la mia sete di trovarti
      si placava nei miei sogni
      che si nutrivano di me.
      Ogni giorno ti ho cercato,
      respirando il tuo profumo
      fra gli odori che incontravo,
      ma sapevano di fumo.
      Ti ho tradito col cuscino,
      fra le mie calde lenzuola
      mentre tu desideravi
      il suo posto per un'ora.
      E sono qui ad aspettarti,
      sul mio divano, col mio caffè
      perché il mio viaggio è ancora lungo
      ed io non parto senza di Te!
      Vota la frase: Commenta
        Scritta da: Antonino Gatto
        Ci sono persone, ovunque nel mondo,
        che non sempre festeggiano con un viso giocondo,
        le feste che tutti con gioia attendiamo,
        perché rimaste da sole sul loro divano.

        Così mentre di luci sfavilla il natale,
        per loro i ricordi, hanno il sapore del sale,
        e non vedono l'ora che passi quel giorno,
        per liberarsi di un rimorso, che ha fatto ritorno.

        Com'è amara la vita per chi vive da solo,
        quando presto l'amore, ha spiccato già il volo,
        ed ogni camera mostra il suo santo devoto,
        ed in cucina una sedia ricorda quel vuoto.

        ...

        Ma se oggi leggendo queste dolci parole,
        ricordi piangendo, il tuo grande amore,
        non sentirti da sola in questo momento,
        perché d'amore profuma, la lacrima che hai spento,

        e forse dalle stelle, od un poco più giù,
        ti è giunto per volere di chi non c'è più,
        questo piccolo augurio di un felice natale
        perché sa che l'hai amato, e lo continui ad amare!
        Composta venerdì 24 dicembre 2010
        Vota la frase: Commenta
          Scritta da: Antonino Gatto
          Ti scrivo queste righe
          anche se sono sicuro
          che non leggerai mai queste pagine,
          le scrivo per dirti quello che non ti ho mai detto,
          ma che ti ho sempre sussurrato
          guardandoti negli occhi.
          Quante volte ti ho desiderato,
          ed ho subito la tua assenza
          al mio fianco,
          e quante volte ho visto il tuo sorriso
          riflesso in una lacrima
          guardandomi allo specchio.
          Oggi vivo la tua presenza
          negli attimi in cui ti incontro,
          e subisco la tua mancanza
          subito dopo.
          Quante volte avrei voluto dirti
          nonostante tutto,
          che ti voglio bene,
          mentre mi guardavi,
          entrandomi negli occhi,
          per chiedermi perdono.
          Oggi il tuo sangue scorre nelle mie vene,
          ed è lo stesso che scorre nel cuore
          dei miei figli,
          e così, come io oggi conosco ogni tuo pensiero,
          i miei figli guardandomi dentro,
          leggeranno come un libro aperto il mio cuore.
          Quel giorno sarò fiero
          di essere stato tuo figlio
          e di essere diventato
          il loro padre!
          Vota la frase: Commenta