Frasi di Ada Roggio

Acconciatrice, nato giovedì 29 giugno 1961 a Floersheim am Main (Germania)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Indovinelli, in Poesie, in Umorismo, in Racconti e in Diario.

Scritta da: Ada Roggio
Per Natale caro Gesù voglio che la gente non pianga più.
Voglio la pace e l'armonia.
Voglio la gioia e l'allegria.
Fa che arrivi un po' di lavoro, giuro da oggi faccio il fioretto, sarò più buono.
Fa che mamma e papà siano sempre contenti, fa che arrivino gli stipendi.
Di bollette ne arrivano una enormità,
ma di soldi per pagarle un pochino qua e la.
Ci sono i nonni a fare manforte,
tra fratelli si tira a sorte,
Questo Natale lo sento e lo vedo poverello,
avevo un euro ho comprato il pennarello,
per scrivere questa letterina,
semplice e carina,
che arrivi dritta al cuore di chi per l'avarizia fa morire di fame le persone.
Caro Gesù mettici la mano,
Buon Natale mondo ti amo.
Ada Roggio
Composta giovedì 11 dicembre 2014
Vota la frase: Commenta
    Scritta da: Ada Roggio
    Festeggiamo il Natale, io canto te.
    Festeggiamo il Natale, aspettando te.
    Festeggiamo il Natale, la stella sei tu.
    Festeggiamo il Natale, è nato Gesù.
    Festeggiamo il Natale, sorridi anche tu.
    Gesù è nato, è nato per noi.
    Festeggiamo il Natale, canta anche tu,
    è nato un bambino chiamato Gesù.
    In cielo è festa canta anche tu,
    la stella più bella è il bambino Gesù.
    Festeggiamo il Natale, canta con me.
    Festeggiamo il Natale, cantiamo Gesù.
    Arrivi in cielo la nostra voce un canto soave a piena voce,
    un mondo di pace e prosperità, finisca le guerra, la povertà,
    un mondo diverso, diverso da qui, dove tutto è pace e serenità.
    Sparisca la cattiveria, l'omertà.
    Festeggiamo il Natale per un mondo ricco di bontà.
    Ada Roggio
    Composta venerdì 12 dicembre 2014
    Vota la frase: Commenta
      Scritta da: Ada Roggio
      Notte di Halloween.
      Notte delle streghe, dove tutto si teme.
      Streghe e cattivi escono fuori,
      tra zombi e spiriti e tanti rumori.
      Vecchia tradizione di un tempo,
      saluti l'estate e arriva l'inverno.
      Tradizione romana tramandata.
      Cristianizzata.
      Festa si, ma di "Tutti i Santi".
      In passato contadini e mendicanti,
      bussavan alle porte, per un tozzo di pane,
      l'inverno era alle porte.
      Oggi a rievocare la tradizione un folto gruppo di persone,
      ad animare sono i bambini con i loro dolci sorrisini
      "Dolcetto o scherzetto"
      Un dolcetto.
      Il sorriso spiccicato sul viso di ogni bimbetto.
      Passa la sera, passa la notte, l'inverno è alle porte.
      Ada Roggio
      Composta lunedì 27 ottobre 2014
      Vota la frase: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di