Questo sito contribuisce alla audience di

Le migliori Citazioni dei Film di Mario Mattoli


Scritta da: Enzo Siesto
[parlando dei ruoli che Felice e gli altri dovranno impersonare nella farsa messa su dal principino]
Principino: E non sò un vostro amico, ecco ad esempio il signore (indicando Felice) potrebbe fare mio zio, il marchese di Casador.
Felice (rivolgendosi a Pasquale): Hai sentito io sò Cassarola!
Pasquale: Eh ed io so Favetti.
Felice: Eh Favetti e Cassarola...
[alla fine della discussione rimane la figlia di Pasquale senza un ruolo]
Figlia: Papà ed io non faccio niente?
Pasquale: Principino io c'ho una figlia non la posso mica lasciare a casa?
Felice: Allora adesso il ruolo glielo trovo io. Vediamo, abbiamo detto il marchese, la contessa, il principe,... ehhhh la regina!
Pasquale: Non scherzare Felice.
Felice Sciosciammocca (Totò), Pasquale (Enzo Turco)
dal film "Miseria e nobiltà" di Mario Mattoli
Vota la citazione: Commenta
    Scritta da: Agatina Sonaggere
    Noi ti ringraziamo nostro buon Protettore
    per averci dato anche oggi la forza
    di fare il più bel spettacolo del mondo.
    Tu che proteggi uomini, animali e baracconi,
    tu che rendi i leoni docili come gli uomini e,
    gli uomini coraggiosi come i leoni,
    tu che ogni sera presti agli acrobati
    le ali degli angeli, fa che sulla nostra mensa
    non venga mai a mancare pane ed applausi.
    Noi ti chiediamo protezione, ma se non ne fossimo degni,
    se qualche disgrazia dovesse accaderci,
    fa che avvenga dopo lo spettacolo e, in ogni caso,
    ricordati di salvare prima le bestie e i bambini.
    Tu che permetti ai nani e ai giganti
    di essere ugualmente felici, tu che sei la vera,
    l'unica rete dei nostri pericolosi esercizi,
    fa' che in nessun momento della nostra vita
    venga a mancarci una tenda, una pista e un riflettore.
    Guardaci dalle unghie delle nostre donne,
    ché da quelle delle tigri ci guardiamo noi,
    dacci ancora la forza di far ridere gli uomini,
    di sopportare serenamente le loro assordanti risate
    e lascia pure che essi ci credano felici.
    Più ho voglia di piangere e più gli uomini si divertono,
    ma non importa, io li perdono,
    un po' perché essi non sanno, un po' per amor Tuo
    e un po' perché hanno pagato il biglietto.
    Se le mie buffonate servono ad alleviare le loro pene,
    rendi pure questa mia faccia ancora più ridicola,
    ma aiutami a portarla in giro con disinvoltura.
    C'è tanta gente che si diverte a far piangere l'umanità,
    noi dobbiamo soffrire per divertirla; manda, se puoi,
    qualcuno su questa terra, capace di far ridere anche me,
    come io faccio ridere gli altri.
    dal film "Il più comico spettacolo del mondo" di Mario Mattoli
    Vota la citazione: Commenta