Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Domenico De Rosa
[Alfredo, nell'ambito di una manifestazione culturale, viene premiato per essersi distinto come attore. Dopo le parole introduttive della presentatrice, si alza dal suo posto e ritira il premio. Tra il pubblico in sala, è presente suo fratello Vincenzo]
- Alfredo: - Sono contento; grazie, arrivederci.
[Applausi. Alfredo torna a sedersi in sala]
- Persona tra il pubblico ai vicini di posto: e questo sarebbe un attore? Poteva per lo meno fare qualcosa, uno sketch, non lo so... dire una battutina... Se ne esce così: arrivederci e grazie.
- Vincenzo, che siede nei pressi e ha sentito il commento, rivolto a costui: - Perché (...) ma che doveva dire? Cioè, se uno è un attore, prende il premio, dice: arrivederci e grazie, cioè è educato come...]
- L'altro: - ma come, che doveva dire? È un attore! Avrebbe dovuto dire qualcosina, non so, anche soltanto una battuta!
- Vincenzo: - vabbè, 'a battuta... Ma... ma pecché, addò sta scritto...? Tutti quanti piglianò o premio e se ne vanno; nessuno dice... Sulo isso adda dicerè a battutina, 'o sketchettino... Allora tutti quanti dovrebbero fare... 'o scienziato di prima... Prufessò, questo è il premio, però... per il pubblico, ja... ci inventi qualcosa, ci scopra na cosa... Allora, tutti quanti, o tutti o niente.
Vota la citazione: Commenta
    Scritta da: Domenico De Rosa
    - Patrizia: - Valeria, basta! Guarda che se non la smetti, ti faccio mangiare da zio Vincenzo!
    - Vincenzo: - Pecché devi dì sti ccose a  'a guagliona?
    - Patrizia: - No, niente Vince', è che sta diventando troppo terribile, 'e uno s'adda mettere paura...
    - Vincenzo: - E uno s'adda mettere paura proprio  'e me? Sta tanta gente cca e me l'aggia mangià proprio io  'a guagliona? Eh no, pecché poi si ricorda  'e sta cosa, dice: "zio Vincenzo lo odio, perché da piccola mi dava i morsi, mi mangiava..." Ma pecché? Ce sta tanta gente, falla mangià da Alfredo.
    - Alfredo: - Nun aggio capito... pecché, a me me po' odià?
    - Vincenzo: - No, nun te po' odià; però fra tutt'e due, me e te, è meglio ca odia a tte (...) Tu, bene o male ormai, hai capito o no, stai a posto, non è che un domani dici: "aggio bisogno d' 'e nipoti ", pecché tieni na posizione, nun è ca... a me che ne sai, me faccio viecchio... dico " Valè, portami quello..." " No, perché tu mi mangiavi da piccola "... Mi odia già, hai capito che voglio dì? Ti odia a tte... tu parti, te ne vai... (...) Nun è pe' cattiveria, ca te voglio mettere contro  'a creatura, ma è meglio ca t' 'a magne tu...
    Vota la citazione: Commenta
      - Anna: Mi piace fare l'amore con te.
      - Vincenzo: Anche a me.
      - Anna: E allora perché non me lo dici mai?
      - Vincenzo: Che significa? Se lo faccio, ca lo facciamo accussì, vuol dire che mi piace, no?
      - Anna: Eh no.
      - Vincenzo: Come no? No. È mai visto ca mi sò dato 'na martellata sulla mano o mi sò tagliato un orecchio? No. Sai perche? Perché non mi piace. È normale, Senza che uno ha dà dicere tutt'e cose. Certe cose vanno da se. Se uno capisce capisce.
      Vota la citazione: Commenta