Post di Maria Lo Monaco

Scrittrice, nato lunedì 30 marzo 1959 a Roma (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Poesie, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritto da: Aquilablu59
Lasciami guardare oltre.
Lasciami il diritto di sognare.
Hai voluto privarmi di qualcosa che avevo.
Era la mia vita, bella, o brutta, era quella che avevo.
Incomprensibile è quello che tu hai fatto a me.
Mi hai dato il modo di sognare,
e poi mi hai tolto l'aria del respiro.
L'unica colpa mia, è stato crederti vero,
ma non lo eri, eri una comparsa,
in questo mondo che è una farsa.
In quella nostra storia che non era.
Ecco, ma che cos'era...
e tu, cosa sei?
Quando ti guardi nello specchio,
dell'anima tua, dimmi che cosa vedi.
Tu, cosa ti credi?
Quando guardi i tuoi figli negli occhi,
ti sei mai chiesto cosa puoi insegnargli?
Puoi dirgli, bene ragazzi, nella vita fate finta.
Fate finta di essere quello che non siete.
Se potete, fingete, e se qualcuno vi ama,
feritelo fin nel profondo.
Perché così è il mondo.
Calpestate i suoi sentimenti,
affondate i vostri denti,
fino a ferirlo, e dilaniarlo.
Rendetelo inerme davanti alla gente,
così imparerà, che amare è solo sofferenza.
E come noi, diventerà.
Cinico, senza umanità.
Maria Lo Monaco
Vota il post: Commenta
    Scritto da: Aquilablu59
    Ci sono dei desideri che si fanno strada dentro di noi,
    in modo improvviso, senza chiederci il permesso.
    Arrivano inaspettati, bussano, pretendono.
    Ti trovi nella parentesi che si apre, e tu sei
    nel mezzo, e tutto sembra così desiderabile.
    Un pensiero, una parola, uno sguardo, un sorriso.
    E ti chiedi, perché.
    Perché proprio adesso, perché non prima,
    perché nel momento in cui pensavo di non dovermi chiedere più perché.
    Tutto ti sembra, desiderabile, unico inaspettato,
    ti senti così felice, che hai timore, anche a pensarlo.
    Ti sembra che il cielo ti abbia mandato un dono.
    Immenso, unico, speciale.
    E in quella parentesi, resti nel mezzo, mentre si chiude,
    sola, e chiusa.
    Chiusa nella parentesi.
    Maria Lo Monaco
    Vota il post: Commenta
      Scritto da: Aquilablu59
      Lei si rese conto che il raccontarsi, l'essere sincera, denudare la sua anima, era offrire al suo ascoltatore proiettili mirati su di lei. Il suo modo di essere, la penalizzava in partenza. La dolcezza, il suo bisogno d'amore, la rendevano tremendamente vulnerabile. Non si è stronzi, ci si diventa, il dolore che lacera l'anima è devastante. Dei momenti si chiedeva perché... il comportarsi bene attirava immancabilmente le persone meschine, era una calamita.
      Aveva promesso a se stessa che non avrebbe più sofferto, che non avrebbe dato più fiducia a nessuno. Il così detto "Non accettare le caramelle dagli sconosciuti". Ma era sempre lei ad armare chi l'avvicinava. Non riusciva ad essere stronza, era più forte di lei dare fiducia. Le parole hanno un potere atroce, il credere è micidiale. Lei era un libro aperto, era giunto il momento di chiudere il libro per sempre. Non avrebbe più armato il suo assassino. Sì, era l'unica soluzione possibile, chiudersi in lei. Aveva così tanto amore da dare, ed era veramente un delitto rinunciare a darlo. Ma l'amore è una cosa rara, preziosa, speciale, e non si dà a chiunque, ed oggi ci sono troppi "chiunque" che non lo meritano.
      Così prese l'amore, tutto quello che aveva dentro e fuori di lei, lo accarezzò, come si accarezza una cosa fragile, delicata, magica, unica e lo chiuse per sempre. Poi alzò lo sguardo al cielo, contemplò il blu e sorrise, a testa alta avanzò per la sua vita.
      Maria Lo Monaco
      Vota il post: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di