Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a "Bene e male non esistevano prima che l'uomo li..." di Giuseppe Ierna


14
postato da , il
non capisco perchè debbano controllare commenti che non hanno nessuna parolaccia, come si fa poi a sapere se il commento è visibile agli altri? c'è una falla nel sistema xD
13
postato da , il
Un giorno, quando l'umanità sarà abbastanza evoluta spiritualmente, essa consterà di individui immersi nella realtà dell'amore universale, e totalmente al di sopra dei primitivi concetti di bene e di male.
    Vincenzo è naturalmente pregato di non asserire che concordo con Federico, perché in caso contrario gli tolgo il saluto.  : )
12
postato da , il
Personalmente, quindi, ritengo che l'uomo dovrebbe imparare ad agire esclusivamente per amore dell'onestà, della verità, del prossimo e della natura intera, e non sulla base di codici e regolette che distinguono il bene dal male e la ragione dal torto.  Anche perché esiste un territorio in cui ragione e torto sono indistingibili, e tutti ritengono di essere dalla parte della ragione (e che dalla parte del torto siano gli altri), con grave incremento della litigiosità e sostanziale ineliminabilità delle discordie umane. Che invece si eliminerebbero facilmente se, anziché seguire le regole del diritto, fossimo ispirati ad un sentimento di tolleranza ed amore reciproco.
     Ciò è tuttavia un quid pluris rispetto alla distinzione tra bene e male, la cui permanenza è indispensabile nelle attuali condizioni di scarsa evoluzione morale del genere umano.
11
postato da , il
Dal punto di vista invece della frase, io sono convinto che il bene e il male dipendono da un giudizio di valore emesso dall'uomo (giudizio di valore di cui la natura è priva), e quindi non esistano se non esiste un soggetto cosciente e pensante in grado di concepirli. Concordo quindi pienamente con la frase. Ritengo peraltro che si tratti di valori alquanto primitivi (da cui le difficoltà in quella zona di penombra), in quanto il vero valore è da attribuirsi alle intenzioni dell'uomo e non alle sue azioni e ai loro risultati, soggetti a molteplici interferenze di diverse serie causali. Non vedo quindi necessità di modifica della frase stessa.
10
postato da , il
E' del tutto normale che esista una zona di penombra in cui il confine tra luce ed ombra sia difficile da stabilire: per questo esistono tribunali, arbitrati, collegi di saggi eccetera.
      Ma imparare a non distinguere il bene dal male sarebbe la fine del genere umano.

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti