Questo sito contribuisce alla audience di

Commenti a "La vita è un occasione e, si sa, l'occasione..." di Giulio Pintus


10
postato da , il
L' onestà dovrebbe produrre la legge , ma allora perchè si ricorre sempre più al giudice per risolvere questioni e diatribe per le quali occorrerebbe solo del buonsenso  di giustizia ed onestà?
9
postato da , il
La pertinenza del soldato .
Un esempio , qualsiasi sia, può  possedere pertinenza nel momento in cui  veste il concetto aiutando  ( aiutando me ) ad apprezzare meglio la veste.
8
postato da , il
La definizione di Wikipedia da te riportata è parziale , quella integrale è :
"L'onestà (dal latino honestas) indica la qualità umana di agire e comunicare in maniera sincera, leale e trasparente, in base a princìpi morali ritenuti universalmente validi. Questo comporta l'astenersi da azioni riprovevoli nei confronti del prossimo, sia in modo assoluto, sia in rapporto alla propria condizione, alla professione che si esercita ed all'ambiente in cui si vive.
L'onestà si contrappone ai più comuni disvalori nei rapporti umani, quali l'ipocrisia, la menzogna ed il segreto.
In molti casi la disonestà si configura come vero e proprio reato punibile penalmente, ad esempio nei casi di corruzione e concussione di pubblici ufficiali. L'onestà ha infatti un'importante centralità nei rapporti sociali e costituisce uno dei valori fondanti dello stato di diritto."

Ecco , mi pare che la definizione non sia soddisfacente , forse il concetto è talmente astratto ed al contempo percepito cosi' realmente  da sfuggire ad una definizione cosi' sintetica.
Se ,  "in base a princìpi morali  ritenuti universalmente validi" , i parenti delle vittime di un attentato intendessero farsi giustizia personale verso il presunto od accertato colpevole , è probabile che  - benchè  la legge  indichi come "vero e proprio reato punibile penalmente" la vendetta e la giustizia fai date -  moltissime persone  riterrebbero legittimo e dunque anche moralmente ed universalmente  valido farsi  giustizia  autonomamente.
Ecco , in questo esempio si intuisce come sia la moralità , che l' aspetto legale che vengono accostati al concetto di onestà allontanano più avvicinare dalla sua comprensione; comprensione per la quale   -  purtroppo -  non possiedo definizione migliore.
7
postato da , il
Ok , ma se - come tu stessa dici- l' onestà "si basa su concetti individuali", sarai d' accordo con me che i concetti individuali sono spesso confliggenti e dunque essi guerreggino l' un con l' altro.
Mi pare che l' abbinamento da te escluso a priori sia - da te stessa - implicitamente incluso ("il concetto di guerra che a mio parere non può essere abbinato alla parola onestà ").
Ad ogni modo , credo che l' onestà sia molto interessante come concetto , perchè nonostante sia spesso cosa sacra e sentita , abbia una definizione sfuggente e capricciosa cosi' come è la vita .
E' onesta la vita ?
6
postato da , il
Agli ordini Vincenzo.
Come al solito Giulio anche quì andiamo a cercare quel famoso pelino dentro l'uovo che mai troveremo. Non è il soldato ad essere sbagliato, ma il concetto di guerra che a mio parere non può essere abbinato alla parola onestà che ha un altro significato.
L'onestà del tutto integra non esiste perchè appunto si basa su concetti individuali, ma in linea di massima, senza cercare il famoso 'pelino' direi
che è già sufficiente seguire i canoni del sentire comune.

Invia il tuo commento

Disclaimer [leggi/nascondi]

Guida alla scrittura dei commenti